Skip to content

Tecniche linguistiche e argomentative per diffondere il falso. Come Berlusconi ha plasmato mondi fittizi usando la retorica.

Il popolo delle finte realtà

"La personalizzazione carismatica del potere fa sì che tutte le attenzioni si concentrino sul leader, sulla sua sfera, e sui suoi comportamenti, e questo non per una decisione dell'opinione pubblica, bensì per una deliberata scelta politica caratteristica del populismo mediatico. Reciprocamente, ogni critica e ogni dissenso potranno essere classificati come gossip, e l'opinione pubblica regredirà alla sua fase pre-illuministica, quella del pettegolezzo risentito sui cattivi costumi dei vicini di casa e sui vizi dei potenti"

Ferraris sottolinea come la perdita del concetto di verità sia favorita nel postmoderno soprattutto dalla politica. La diffusione di una realtà finta è accompagnata da tre elementi: "giustapposizione, per esempio in programmi in cui un servizio sulla fissione dell'atomo può essere preceduto o seguito da uno sulla reincarnazione, drammatizzazione, si prende qualcosa di reale e lo si drammatizza con attori, trasformandolo in una semifinzione. Onirizzazione, il reale è una favola, non c'è niente da realizzare e niente da immaginare."
Nel postmoderno, osserva Sorrentino riflettendo su Vita activa di Hannah Arendt, cambia il rapporto tra verità e politica in quanto

la menzogna moderna, a differenza di quella tradizionale, spesso non si limita a negare determinate verità attraverso la diffusione di particolari pseudo-verità al fine di "correggere", per così dire, la realtà, ma mira a offrire un vero e proprio sostituto di essa; la menzogna moderna è di frequente guidata dalla fede nella totale fabbricabilità della verità.

Nel postmoderno il segreto lascia il posto al noto, tutti sono a conoscenza della verità. Questo non implica tuttavia la fine della menzogna che al contrario si diffonde nella società contemporanea assumendo nuove forme. A tal proposito Hannah Arendt spiega come le democrazie di massa siano caratterizzate dal fenomeno dell'image making, la fabbricazione di un'immagine che non nasconde la verità ma la distrugge. E Berlusconi usa le tecniche retoriche e argomentative proprio per creare mondi fittizi, finte realtà. Sostenendo per esempio : "Mi sembra che in Italia non ci sia una forte crisi. La vita è la vita di un Paese benestante, i consumi non sono diminuiti, per gli aerei si riesce a fatica a prenotare un posto, i ristoranti sono pieni" crea "la propria versione dei fatti destinata al consumo pubblico facendo bene attenzione a renderla plausibile."
Quello di Berlusconi è quindi un "atteggiamento monologico che non propone e non discute, ma mostra e illustra, assumendo come premesse condivise affermazioni sulle quali in realtà l'accordo dell'uditorio non è scontato e che pertanto dovrebbero essere considerate tesi da argomentare."
E inoltre con il dialogismo "dà apparente forma di dialogo alle sue frasi, ponendosi domande e dandosi le risposte, quasi a far le veci del pubblico, impossibilitato al rispondere."
Il corpus scelto, che comprende i discorsi pronunciati dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi dal 2003 al 2011, sarà analizzato facendo riferimento alla sintassi, al lessico, alla retorica, alla pragmatica. Si illustrerà quindi la presenza delle principali fallacie argomentative.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tecniche linguistiche e argomentative per diffondere il falso. Come Berlusconi ha plasmato mondi fittizi usando la retorica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Fazzari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Raffaella Scarpa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi