Skip to content

La peopolisation de la politique: quando il gossip diventa propaganda.

La strumentalizzazione del privato e la sua evoluzione

Nel suo saggio Quand la peopolisation des hommes politiques a-t-elle commencé?, Christian Delporte inquadra il fenomeno nella storia della comunicazione politica francese a partire dalla Terza Repubblica agli anni 2000, escludendo i precedenti regimi non democratici. La peopolisation è infatti un gioco a tre attori: politici, media e opinione pubblica.
L’esposizione mediatica della vita privata dei personaggi politici ha lo scopo di mostrare il leader nella sua intimità, svelandone i lati nascosti: non solo l’uomo di cultura all’altezza delle sue funzioni, ma soprattutto l’uomo semplice che vive come tutti gli altri.
Nello specifico, la peopolisation acquista il suo senso pieno nel momento in cui è il politico stesso che sfrutta la mediatizzazione della sua storia personale a fini comunicativi. Questo implica una complicità con i media. Entrambi traggono beneficio da questa situazione: i media guadagnano lettori, i politici guadagnano elettori.
Poiché gran parte della popolazione non legge i quotidiani o non guarda la parte del palinsesto televisivo dedicata all’attualità, comparire su riviste o in programmi di gossip permette ai politici di rivolgersi a una fetta più ampia della popolazione.

Interrogée sur la chaîne NT1 sur le fait qu’elle accepte d’accorder des interviews à certains journaux people, Ségolène Royal explique par exemple que tous les français ne lisent pas Le Monde et que pour s’adresser à eux, il faut aussi passer par d’autres médias.
(Dakhlia, 2007)

Durante la Terza Repubblica, la ricerca di popolarità da parte di un politico è considerata un pericolo: un tale processo implica necessariamente una focalizzazione dell’attenzione su una sola persona. In quel periodo, la concezione parlamentare dell’assetto istituzionale è del tutto in contrasto con ogni sorta di personalismo: la sovranità è nazionale, non può appartenere ad un solo individuo o a pochi. Chi aspira a occupare posizioni istituzionali non può crearsi un’immagine che danneggi o oscuri quella altrui, che siano alleati o avversari. Tuttavia, il compito dei media è accontentare i lettori, i quali amano leggere indiscrezioni e pettegolezzi. È proprio in questo periodo che si gettano le basi di una duratura collaborazione tra stampa e politica. Pur restando un fenomeno molto marginale, relativo solo ad una nicchia della stampa, entrambi cominciano a capire che possono trarre profitto da questa strategia. Molto utilizzata era l’intervista accompagnata dal racconto dettagliato del giornalista, che descriveva l’abitazione della personalità e i suoi gesti. Naturalmente l’invenzione della fotografia negli anni Trenta è una rivoluzione: il lettore viene portato in visita guidata nei luoghi intimi dell’uomo di potere. Il muro della vita privata non è più invalicabile.
Sotto la Quarta Repubblica, quando negli anni Cinquanta cominciano a diffondersi riviste specializzate nel racconto delle vite delle celebrità, i politici all’inizio ne restano esclusi. Resta comunque il fatto che la personalizzazione del potere non è più un tabù: il nuovo assetto costituzionale, in cui i partiti hanno molta importanza, dà la possibilità ai leader di emergere. Già a partire dalla prima metà del decennio la distinzione tra profilo pubblico e privato è meno netta. I presidenti giocano la carta dell’empatia, vogliono creare una specie di prossimità illusoria con i cittadini, instaurando un legame affettivo.
Con il finire della Quarta Repubblica, la democrazia rappresentativa perde prestigio. La crescente disaffezione dei francesi nei confronti della classe politica, ritenuta incapace di affrontare le questioni contemporanee, incoraggia nuove forme di peopolisation. Il totale disinteresse degli elettori nei confronti di argomenti ideologici, strettamente legati alla politica, costringe i candidati a cercare nuovi argomenti per attirare la loro attenzione. Per poter riacquistare la loro fiducia bisognava mostrarsi come persone del popolo innestando un processo di identificazione (2.2.2). Questa situazione di scetticismo nei confronti dei politicanti si ripeterà anche in futuro. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La peopolisation de la politique: quando il gossip diventa propaganda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria La Porta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Libera Università degli Studi San Pio V di Roma
  Facoltà: FIT- Interpretariato e Traduzione
  Corso: Mediazione Linguistica
  Relatore: Stefania Cerrito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi