Skip to content

Trust e affidamenti fiduciari nella disciplina dei rapporti familiari

La centralità dell'interesse della prole: il trust a garanzia del mantenimento dei figli

Nel sistema odierno assistiamo sempre più ad una pubblicizzazione delle relazioni familiari: c'è infatti la tendenza ad una vera ingerenza pubblica nell'educazione e nella socializzazione del minore. La politica interventista all'interno della famiglia si giustifica dall'accentuata considerazione da parte del legislatore per l'interesse del minore, qualificato superiore e preminente. Di conseguenza anche il ruolo dei genitori subisce una metamorfosi in quanto non viene più visto come diritto bensì come funzione orientata alla realizzazione dei diritti dei figli, in particolar modo nella delicata fase dello scioglimenti del nucleo familiare che ha ripercussioni psicologiche indelebili -e non solo -sull'esistenza di questo, specialmente se minore.
Il minore è oggi protagonista dell'esperienza familiare, grazie ad una rinnovata attenzione nel corso del secolo scorso da parte delle scienze pedagogiche e psicologiche che ha portato ad una diversa concezione della figura dello stesso trasformandolo da "oggetto di diritti" a "soggetto di diritti".
La separazione consensuale è la forma più diffusa di separazione dei coniugi, nell'ambito della quale è ormai pacificamente ammessa la possibilità di stipulare patti traslativi. Vi sono infatti norme sia di diritto sostanziale che di carattere processuale che attribuiscono rilevanza all'accordo raggiunto dai coniugi, senza porre limiti al suo contenuto.
Anche nella materia del diritto di famiglia trova perciò applicazione il principio generale dell'autonomia privata: infatti, hanno sicuramente carattere negoziale sia l'accordo di separazione consensuale sia l'istanza congiunta di divorzio, oltre gli accordi di carattere patrimoniale conclusi in occasione della separazione personale, di fatto, dell'annullamento del matrimonio e del divorzio, accordi che un'autorevole dottrina ha qualificato come "contratti della crisi coniugale".
Il principio di autonomia negoziale dei coniugi nei rapporti di famiglia, si esprime anche e soprattutto nei momenti patologici di questi, ed il contenuto di tali accordi presenta profili di delicatezza laddove la famiglia sia caratterizzata dalla presenza dei figli. Il giudice, in questi casi, può infatti rifiutarsi di omologare quegli accordi ove non sia adeguatamente garantito e tutelato l'interesse della prole. Tali accordi sono definiti da un'autorevole dottrina come "contratti della crisi coniugale". Pure la giurisprudenza ha riconosciuto essere espressione del principio generale di autonomia negoziale di cui all'art. 1322 c.c. l'accordo preventivo tra i coniugi in tema di conseguenze patrimoniali dell'annullamento del matrimonio ed ha ammesso la validità di clausole negli accordi di separazione, con cui un coniuge riconosce all'altro la proprietà esclusiva di beni mobili e immobili, e di clausole con cui si è operato il trasferimento di diritti immobiliari.
La Cassazione ha inoltre espressamente riconosciuto la validità e l'efficacia della regolamentazione di rapporti patrimoniali anche "non immediatamente riferibili, né collegati in relazione causale al regime di separazione e ai diritti ed agli obblighi derivanti dal matrimonio".
Il trust si rivela uno strumento efficace, idoneo a garantire la miglior tutela agli interessi dei coniugi e soprattutto dei figli -i quali sono evidentemente la parte più debole – in quanto, attraverso l'effetto segregativo connaturato, separa dal patrimonio del coniuge obbligato un determinato bene o determinate risorse garantendo ai soggetti beneficiati l'adempimento delle obbligazioni assunte e, contemporaneamente, evita che le risorse segregate nel trust possano essere aggredite dai creditori. Inoltre l'istituzione del trust nell'ambito dell'accordo di separazione non è gravato da alcun onere fiscale, essendo il procedimento di separazione personale dei coniugi esentato da imposta di bollo e da contributo unificato, e trattandosi di trust auto-dichiarato anche la trascrizione nei registri immobiliari non sconta alcuna imposta.
L'essenza dello strumento in questione -la segregazione -è la miglior garanzia del distacco, della separazione di determinate risorse economiche, giacché per un verso il disponente non ne avrà più la disponibilità -anche se ne conserverà la titolarità -ma nel contempo nemmeno l'altro coniuge potrà discrezionalmente disporne in quanto tali risorse sono destinate a beneficio del nucleo familiare "residuo", sino a che i soggetti deboli non saranno più tali.
Alla luce dell'ampia autonomia negoziale che il codice riconosce ai coniugi, viene condiviso anche dalla dottrina l'orientamento della giurisprudenza maggioritaria, che si è mostrata propensa ad ammettere e ratificare i patti tramite i quali i genitori prevedono l'adempimento dell'obbligazione di mantenimento della prole in un'unica soluzione; attribuendo ai figli beni immobili ovvero beni mobili fruttiferi, sempre a condizione che detti accordi appaiano rispondenti all'interesse dei figli. E proprio per rispondere all'interesse di questi ultimi, con tali accordi, il genitore non collocatario che volesse sostituire la corresponsione di un importo determinato e periodico per il mantenimento della prole con un contributo una tantum, non dovrebbe limitarsi a trasferire beni immobili, ovvero beni mobili fruttiferi, in favore del genitore collocatario o degli stessi figli, ma anche offrire una garanzia legale che assicuri la certezza delle obbligazioni assunte sulla destinazione dei cespiti e dei loro frutti.
A tale riguardo la giurisprudenza di merito ha ritenuto non rispondente all'interesse dei figli l'alienazione di un compendio immobiliare in favore del coniuge affidatario in assenza delle suddette garanzie. L'indicazione data dalla giurisprudenza per realizzare tale interesse è nel senso di apporre sul bene immobile che si trasferisce un vincolo di destinazione che consenta si sottrarlo alla libera disponibilità del genitore collocatario e dei suoi eventuali creditori, legandolo al preminente interesse dei figli.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Trust e affidamenti fiduciari nella disciplina dei rapporti familiari

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luna Granello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Macario
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

divorzio
diritto di famiglia
trust
segregazione patrimoniale
fondo patrimoniale
convenzioni m atrimoniali
affidamenti fiduciari
art 2645 ter codice civile
tutela figli
tutela patrimoniale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi