Skip to content

L'Asilo Diplomatico nel Diritto Internazionale

L'asilo nella sfera del Diritto Internazionale: ulteriori specificazioni riguardanti le categorie distintive

In aggiunta alla distinzione di fondo tra asilo territoriale e diplomatico, appaiono opportune ulteriori specificazioni.
Dal punto di vista dell'ordinamento giuridico internazionale, l'asilo territoriale, seppur riconosciuto da molti ordinamenti nazionali, rileva soltanto e nella misura in cui vi siano delle norme internazionali, generali o convenzionali che stabiliscano dei limiti alla libertà degli Stati di agire liberamente nel proprio territorio. Tali norme possono essere: l'obbligo dello Stato di consegnare talune persone rifugiatesi sul suo territorio (obbligo di estradizione) o viceversa imponendo allo Stato l'obbligo di non consegnare ad un altro Stato che ne abbia fatto richiesta ovvero quello di non
espellere dal proprio territorio gli individui ivi rifugiatisi (obbligo di non estradare o di non espellere). Non vi è ancora una norma che regolamenti in maniera univoca il diritto di asilo territoriale, ma solo dichiarazioni a carattere non vincolante, ma programmatico e direttivo (cosiddette raccomandazioni). L'unico strumento valido a livello universale in tal senso è la Dichiarazione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sull'asilo territoriale del 1967. Sviluppando i principi già contenuti nella Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo del 1948, la Dichiarazione del 1967 specifica che: "l'asilo concesso da uno Stato, nell'esercizio della propria sovranità e nel rispetto dell'art. 14 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo ("Ogni individuo ha diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni"), non costituisce un atto amichevole e deve essere rispettato da tutti gli altri Stati (art.1). L'attuazione dell'asilo interessa l'intera comunità internazionale i cui membri devono, individualmente, in comune o attraverso l'opera delle Nazioni Unite, aiutare lo Stato di concessione, quando l'onere dell'asilo appaia eccessivamente gravoso (art. 2). Infine, il principio per cui alle persone che sono in condizione di fruire del diritto di asilo, non può essere negato di entrare nel territorio; qualora già vi si trovino esse non possono venire espulse o respinte verso il territorio di un altro Stato in cui potrebbero subire il rischio di persecuzioni di carattere politico. Ciò, tenendo però conto dei limiti della sicurezza nazionale e della tutela dell'ordine pubblico. Alla Dichiarazione del 1967, hanno preceduto e sono seguiti numerosi strumenti pattizi a carattere regionaletra i quali, in particolare, la Convenzione Americana sull' asilo territoriale, firmata a Caracas il 28 Marzo 1958 alla X Conferenza dell'Organizzazione degli Stati Americani, e la Convenzione di Addis Abeba sugli aspetti specifici dei rifugiati in Africa, firmata il 10 Settembre 1969, nell'ambito della VI Conferenza dell'Organizzazione dell'Unità Africana (OUA).
La prima, prodotta nelle regione latino- americana, tratta l'asilo territoriale non in senso stretto, ma correlato all'altra figura di asilo di rilievo sulla scena internazionale: l'asilo diplomatico (o extraterritoriale). In essa l'asilo è trattato sotto il profilo meramente politico: l'asilo è concesso ad individui accusati di crimini politici, restringendo l'ambito di applicazione dell'istituto preso in considerazione nella Dichiarazione delle Nazioni Unite del 1967.
La seconda, prevede all'art. 2 paragrafo 1 che gli Stati : "si impegnano a fare tutto quanto è in loro potere, nel quadro delle legislazioni rispettive, per accogliere i rifugiati e assicurare lo stabilimento di quelli che, per seri motivi non possono o non vogliono ritornare nel paese di origine o in quello di cui hanno la cittadinanza". La concessione dell'asilo non è, come nella Convenzione di Caracas, limitata a motivi politici, ma ha una portata più generale, omnicomprensiva, seguendo la linea della Dichiarazione delle Nazioni Unite.
Ad oggi, dunque, nessun trattato o convenzione giuridicamente vincolante obbliga gli Stati a concedere l'asilo. Per quanto concerne la seconda categoria di asilo, quello diplomatico, è opportuno sottolineare che gli spazi in cui è concesso tale tipo di asilo, non sono fuori del territorio dello Stato che ospita la missione diplomatica estera, la nave da guerra straniera ecc..., ma sono e rimangono parte integrante del territorio di tale Stato. Si parla in questo senso di finzione di extraterritorialità, un concetto usato per designare gli obblighi dello Stato ospitante di non agire coercitivamente nell'ambito delle cerchie spaziali o nei confronti delle cose utilizzate da certi agenti stranieri per assolvere delle funzioni. L'asilo, allora, è da ritenersi lecito solo se previsto da un accordo internazionale, ovvero, se rilevabile dall'esistenza di norme generali che obblighino lo Stato territoriale a tollerare un'attività di tale tipo fatta da agenti statali stranieri ammessi a soggiornare nella sfera di spazio soggetta alla sua sovranità.
Questa impostazione trova autorevole fondamento nella sentenza relativa al caso Haya de la Torre, riguardante a una controversia tra Colombia e Perù del 1950, la quale per prima ha tracciato una netta linea di demarcazione tra asilo territoriale e diplomatico, lasciando tuttavia irrisolta la questione relativa alla possibile esistenza di una norma di diritto internazionale generale, validamente riconosciuta come fondamento giuridico dell'istituto. La Corte infatti si era limitata a porre in rilievo un mero dato fattuale, affermando che non esistesse una norma internazionale di carattere generale che imponesse ad uno Stato l'obbligo di rispettare l'asilo concesso da un rappresentante di uno Stato straniero nelle propria legazione diplomatica.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Asilo Diplomatico nel Diritto Internazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Muzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi Fumagalli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 290

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritti umani
estradizione
asilo diplomatico
haya de la torre
sovranità territoriale
wikileaks
assange
snowden
immunità diplomatiche
privilegi diplomatico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi