Skip to content

Il parlache: il gergo di Medellín

Analisi dei testi di partenza

Queste storie sono state scritte da studenti di Medellín dell’ultimo anno di scuole medie fra il 1991 e il 1993. Sono nate come un esercizio in classe e successivamente ne sono state scelte cinque da inserire nell’articolo.
Le storie parlano del vivere quotidianamente nella città: la prima racconta un episodio di “sistemazione dei conti” con tanto di morale alla fine della storia su come vivere a lungo; la seconda narra come è crescere nella città dal punto di vista di un ragazzo che non ha nulla a che fare con l’illegalità di Medellín; la terza racconta la scalata al successo di un ragazzo nella banda in cui presta servizio; la quarta parla della paura di vivere nel quartiere; infine la quinta sembra una lettera, scritta da un detenuto che aspetta di uscire di prigione, e racconta come ci è finito. Le prime
tre seguono il classico schema: introduzione, parte centrale, climax e fine, mentre le ultime due sono sciolte da legami temporali e sembrano più che un racconto, uno sfogo, un monologo libero.
Le storie sono tutte scritte in prima persona, i narratori raccontano storie personali, di amici o sentite in giro. Si può notare che sia i protagonisti che i vari personaggi delle storie sono maschi, le donne vengono solo nominate casualmente e sono sempre direttamente collegate con un personaggio: nell’ultima storia vengono nominate la madre e la ragazza del protagonista, altre volte si parla di prostitute o ragazze con cui ha avuto a che fare il personaggio. Da ciò si può inferire il maschilismo presente in questa realtà, dove le donne sono di contorno ma non hanno un ruolo attivo e primario nello scenario di Medellín.
Le storie sono tutte legate ad una morte, di un personaggio vicino al narratore, di un conoscente o di un nemico. Quando viene descritta la morte di un nemico, non si riporta nemmeno il nome della vittima anzi quasi non viene considerato come un essere umano. Viene distrutto simbolicamente con il linguaggio ed annegato negli insulti del parlache.
I fatti che si raccontano nelle storie sono tutti successi nel passato quindi le narrazioni sono dei flash-back mentre nella parte finale viene presentata la realtà attuale. Il lettore si trova direttamente nella testa del narratore/protagonista, perché più che seguire il suo discorso sembra seguire i suoi pensieri interiori visto che sono spesso espressi in maniera confusa, e conosce quindi le sue emozioni e opinioni. Solo nella terza storia narratore e protagonista non coincidono, poiché il narratore parla poco di sé e la storia ruota attorno alle vicende di un altro personaggio.
Il registro usato è ovviamente informale, essendo il parlache una lingua non ufficiale ma del popolo; si usano parole colloquiali ed espressioni idiomatiche, le parolacce sono onnipresenti e non si presta molta attenzione al modo di esprimersi. Infatti in alcuni punti troviamo periodi molto lunghi, difficili da seguire e comprendere perché senza mai una pausa, e questo a causa della mancanza di punteggiatura. La subordinazione è pressoché inesistente, tutto viene unito da congiunzioni. Anche alcune parole rallentano la lettura perché scritte male, senza accenti o con uno spelling errato, i nomi propri non sono segnalati da lettere maiuscole e spesso ci si trova di fronte a un soggetto al singolare seguito da un verbo declinato al plurale o viceversa.

Per quel che riguarda il lessico, a parte le parole proprie del gergo del parlache, si trovano parole dello spagnolo latino-americano (ad esempio carro al posto di coche per indicare la macchina) e parole e modi di dire usati solo in Colombia. Alcuni modi di dire colombiani o latino-americani mi hanno creato non pochi problemi, cercando per giorni una soluzione e non riuscendo a trovarla né sul dizionario cartaceo, né nei vari dizionari online, né sul sito della Real Academia Española né sui siti di modi di dire sudamericani; per capire il senso di queste espressioni mi sono rivolta ad un mio amico madrelingua del Venezuela.
I campi semantici che possiamo ritrovare sono gli stessi sui quali si fonda il parlache quindi violenza, morte e droga; troviamo tantissime parole o espressioni che indicano l’azione di uccidere così come molte metafore per riferirsi alla polizia, le pistole sono protagoniste dei racconti insieme alla marijuana.
I dialoghi non sono mai preceduti dai due punti o racchiusi fra virgolette ma presentati nel mezzo del periodo preceduti o seguiti dal verbo “dire”. I personaggi si rivolgono gli uni agli altri utilizzando diminutivi, soprannomi o chiamandosi “parcero” (o abbreviato “parce”), parola del parlache che indica un compagno, un amico. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il parlache: il gergo di Medellín

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Giacco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Teorie e Tecniche della Mediazione Interlinguistica
  Relatore: Michele Porciello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

traduzione
colombia
spagnolo
sud america
storie
gergo
castigliano
narcotraffico
parlache

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi