Skip to content

Analisi geografico-storica della Conurbazione Legnano - Busto Arsizio - Gallarate nel contesto socioeconomico locale

Sviluppo policentrico e connubio di grandi e piccole industrie

Già dai tempi dell’unità d’Italia, Gallarate vantava una posizione di tutto riguardo sia come centro manifatturiero, sia come capoluogo amministrativo. Le funzioni amministrative sono state ben presto oscurate dal prepotente inserimento delle industrie, favorito anche dalle condizioni piuttosto negative del territorio nei confronti dell’agricoltura, specialmente nei pressi del pianalto, caratterizzato da vaste superfici a ferretto.
I pionieri e i capitani d’industria dell’industria gallaratese appartengono all’alta borghesia e spesso hanno anche ascendenze nobiliari: i più conosciuti sono i Ponti, i Cantoni, i Maino, i Sironi e i Bellora.
Nel 1821 Andrea Ponti fonda a Gallarate il primo opificio italiano specializzato nella filatura del cotone, introducendo le Janettes, macchine tessili azionate da forza animale; alla vigilia dell’unità nazionale, l’azienda vanta già una filatura a Solbiate Olona, una ritorcitura unita alla tessitura a Gallarate, appunto, la sede centrale a Milano, una succursale a Trieste e rappresentanze in Inghilterra e in Germania.
Nel 1820 Costanzo Cantoni aveva già fondato un grandioso impianto tessile a Gallarate, completato da due opifici a Legnano e a Castellanza, e il suo lavoro viene continuato dal figlio Eugenio. Tra gli anni ’20 e ’30 dell’800 nascono la Tintoria Filati di Caiello e le tessiture Gaspare Sironi e Puricelli Guerra, mentre nel 1860 i fratelli Borgomaneri fondano una piccola tessitura di lino e cotone in riva all’Arno.
Per quanto riguarda l’industria meccanica, si deve ricordare il nome di altri due fratelli, i Bonicalzi, che con l’appoggio di Cantoni danno avvio, nel 1870, presso il ponte sull’Arno, ad una fabbrica di licci, pettini, navette e rocchetti. Lo sviluppo della meccanica è stato molto lento fino al 1890, quando sorgono la Costantino Cattaneo e le Officine Meccaniche Gallaratesi, ma comunque essa non riesce mai ad affermarsi di fronte al prepotere del settore tessile.
Tra la fine del XIX secolo e l’inizio di quello successivo, la creazione da parte di Pietro Bellora di un’azienda articolata in numerosi reparti fra Arnate, Albizzate, Somma Lombardo e Gazzaniga in Val Seriana fa da spartiacque tra la fase pionieristica dello sviluppo industriale gallaratese e quella caratterizzata da grandi aziende capaci di competere anche sul piano internazionale: il Cotonificio Maino, fondato nel 1904, esemplifica al meglio lo spirito di questa nuova fase.
Tra le due guerre mondiali si assiste al proliferare di piccole ditte e al consolidamento dei vecchi organismi tessili, al quale si dedica in particolar modo Carlo Carminati, che riattiva la Manifattura di Gallarate e la Manifattura di Rivoli.
Dopo la crisi dovuta al secondo conflitto mondiale, le strutture aziendali si riprendono in poco tempo, tant’è che il censimento del 1951 registra la più alta quota di occupati nel tessile (9 700), pari a 3/4 della manodopera totale e con un aumento del 50% rispetto al 1927; si afferma anche l’industria meccanica, anche se essa rimane sempre a grande distanza dal tessile.
Gli anni ’50, invece, come d’altronde vale per tutta la zona, rappresentano un momento di flessione degli addetti nelle industrie gallaratesi, in particolar modo nel ramo tessile, dove calano del 10%.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi geografico-storica della Conurbazione Legnano - Busto Arsizio - Gallarate nel contesto socioeconomico locale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Corrado Bragato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze geografiche
  Relatore: Guglielmo Scaramellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geografia economica
aree dismesse
rivoluzione industriale
storia locale
legnano
gallarate
conurbazione
busto arsizio
riqualificazioni urbane
statistica demografica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi