Il turismo in Italia tra il 2000 e 2006

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marta Artuso Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2358 click dal 13/12/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento:

Questo articolo è estratto dal documento:

La cluster analysis: aspetti teorici ed applicazione nel settore turistico di Marta Artuso

L’Italia, come si evince dal capitolo precedente, è uno dei paesi europei nel quale il turismo ricopre un ruolo fondamentale, sia per lo sviluppo economico del paese che in quanto è considerata una delle principali destinazioni turistiche in Europa. Infatti, tra il 2000 e il 2006 si è rilevato un numero stabile si stabilimenti e un aumento di posti letto (+2,0% in media ogni anno). Inoltre, nel 2006, la domanda di turismo nel paese è aumentata rispetto al 2000 (+1,3 in media ogni anno). La maggior crescita si è verificata tra il 2004 e il 2006 (+3,0% in media ogni anno) ed è stata favorita soprattutto dal turismo internazionale.
Mettendo a confronto i paesi UE-27 a proposito del tasso di variazione del numero di posti letto tra gli anni 2000 e 2006, si nota una maggiore crescita dell’Italia rispetto a Francia, Germania, Regno Unito e Spagna con uno sviluppo dell’offerta ricettiva di posti letto pari al 15 per cento. Tale crescita dei posti letto è riconducibile al notevole incremento (40% circa) di Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Umbria e Sicilia, e all’apporto di Sardegna e Lombardia (25% circa). Per quanto riguarda Calabria, Trentino-Alto Adige, Liguria e Valle d’Aosta, invece, si registra un calo rispetto al 2000 (circa 3,4%).