Skip to content

La prigione romantica tra memoria e immaginazione. Silvio Pellico e Carlo Bini

La religione e la cella: Pellico da eroe della Patria a martire cristiano

«Suscitava solo pianto e sdegno il libro di Pellico?». La domanda del Mauri è di certo pertinente. In effetti, una rilettura attenta del libro di memorie dello scrittore-patriota, non può non rivelare come l'intento del saluzzese fosse principalmente educativo. Non polemica, non invito all'Unità nazionale, quindi, ma soltanto suggerimento, a forza di esempi, di un comportamento da tenere: quello del martire.
Non a caso, il corollario de Le mie prigioni sarà il libro di massime I doveri degli uomini, un'operetta pubblicata nel 1834 e destinata soprattutto ai giovani, senza gran valore letterario o originalità di pensiero, ma comunque investita di grande fortuna ai suoi tempi – e non solo nella penisola italiana – per la semplicità e lo zelo educativo che la animano.
Se il castigo patito dal Pellico lo relegava senza dubbio tra gli eroi del Risorgimento, il modo con cui lo aveva sopportato e i nobili pensieri che durante la lunga condanna aveva coltivato lo rendevano un martire religioso, un'immagine di Cristo, capace di rispondere alle sventure con la pazienza, alle durezze con la pietà, allo sconforto con la fede.
Proprio questo tentativo di imitatio christi permetteva il trionfo di Pellico come modello popolare ed esempio morale, sebbene la sua opera non mancò né di irritare i reazionari, che lessero la stesura del resoconto della sua prigionia come un atto di sfida, né di deludere i patrioti più attivi, per il suo fare remissivo, conciliante e apolitico, in virtù del quale l'opera non incontrò in Piemonte noie con la censura.
Ma si trattava di critiche e delusioni minoritarie rispetto alle voci di lodi e di apprezzamento, e a prevalere fu la posizione di chi, come Francesco D'Ovidio arrivò a affermare:

Quanto egli scrisse lo scrisse col sangue: col sangue del suo cuore. Non istiamo con pedanteria a cercare se gli avanzò forza pur dopo la prova: certo è che nei dì della prova seppe fortemente patire. E non basta per la sua gloria? Polve d'eroe non è polve sua?

Certo, quella di Pellico è polvere d'eroe, ma si tratta di un eroe che indossa le vesti del martire cristiano. Il legame tra la religione cristiana e l'opera del patriota è evidentissimo e continuo. Il primo accenno alla religione si ha già nel terzo capitolo, quando il novello prigioniero, preso dallo sconforto e dalla vergogna per ciò che i genitori proveranno, una volta venuti a conoscenza del suo arresto, si convince che grazie a «Colui che tutti gli afflitti invocano ed amano e sentono […] ! L'amico degl'infelici, l'amico dei mortali!» essi troveranno la forza di sostenere la cattiva notizia:

Quello fu il primo momento, che la religione trionfò del mio cuore, ed all'amor filiale debbo questo benefizio.
Per l'addietro, senza essere avverso alla religione, io poco e male la seguiva. Le volgari obbiezioni, con cui suole essere combattuta, non mi parevano un gran che, e tuttavia mille sofistici dubbi infievolivano la mia fede.


L'atteggiamento del Pellico libero cittadino, ancora lontano dalle privazioni e dalle costrizioni della cella, era quello di un devoto irresoluto, che non dubitava dell'esistenza di Dio, che stimava quale somma ragionevolezza l'aspirare ai beni della seconda vita, tuttavia «sfuggiva di conchiudere», non riusciva a acquietarsi interamente nella fede, era incapace di vincere i dubbi su alcune osticità della dottrina della Chiesa. Un cristiano, quindi, sulla buona strada per portare a compimento il proprio processo di completa adesione alla dottrina, ma ancora non giunto alla meta: il totale abbandono nelle braccia del cristianesimo.

Conseguenza, paradossale solo ad uno sguardo superficiale, della prigionia è proprio l'approdo al traguardo dell'itinerario religioso: ancora una volta, come per tanti reclusi prima di lui, negli appena «cinque passi della stanza» della prigione è possibile compiere un percorso lungo e tortuoso al termine del quale si raggiunge una maggiore consapevolezza e maturazione.[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La prigione romantica tra memoria e immaginazione. Silvio Pellico e Carlo Bini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carmine De Cicco
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia Moderna
  Relatore: Antonio Saccone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
letteratura
memoria
prigione
romanticismo
immaginazione
cella
silvio pellico
carlo bini
lettaratura carceraria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi