Skip to content

L'orientamento alla qualità nella Supply Chain Agroalimentare: il caso della cooperativa ''Nuovo Cilento''

Struttura della Supply Chain nei beni durevoli

Ponendo l'attenzione sui beni durevoli (quella tipologia di beni caratterizzati da un elevato contenuto tecnologico ed una bassa frequenza di acquisto), un produttore che volesse migliorare la propria politica di approvvigionamento, tendendo ad un'integrazione e collaborazione con i propri fornitori, dovrebbe innanzitutto porre in essere un'attenta analisi di tutti i materiali necessari per produzione, in merito sia al proprio valore che alla sofisticazione ed alla criticità tecnica degli stessi. A seconda della loro importanza e quindi partendo da quelli strategicamente più rilevanti, risulterà conveniente stabilire un rapporto di partnership con i fornitori più diretti, cercando di realizzare una piena integrazione dei flussi di produzione ottimizzando il più possibile le interfacce, l'utilizzo di reti informative comuni, con il fine ultimo di ottenere una decisa riduzione del livello medio delle scorte. In tal modo, nel momento in cui l'azienda riceverà l'ordine per un dato prodotto finito, potrà in via immediata fornire l'informazione ai diretti fornitori necessari per l'esecuzione dell'ordine, realizzando così una gestione operativa integrata, che rappresenta il primo step del rapporto di collaborazione. Successivamente ci si potrà integrare anche sugli aspetti più prettamente tecnici della fornitura, quindi sulla qualità e sulle performance dei prodotti; conseguentemente si arriverà a formare dei veri e propri gruppi di progettazione comuni giungendo quindi ad una completa integrazione dei processi di tutti gli attori della filiera. Anche in questo caso il risultato sarà una riduzione del livello delle scorte e dei tempi di attraversamento, ottenendo una supply chain fortemente flessibile e reattiva, sempre pronta ad adattarsi rapidamente ai cambiamenti ed alle nuove richieste del mercato, ottenendo inoltre una riduzione dei costi di produzione.
Come già detto, tutte queste tipologie di gestione sono nate ispirandosi alle metodologie applicate e sviluppate dalla Toyota alla metà degli anni settanta ed in particolar modo alla produzione just in time. Questo approccio consentì a Toyota di proporre sul mercato vetture di alta qualità a prezzi molto competitivi, in un periodo caratterizzato da un generalizzato aumento dei prezzi e da una profondissima crisi economica a livello mondiale. Tale metodo si basava prevalentemente sull'eliminazione di tutta quella serie di operazioni che potessero generare sprechi, la riduzione al livello minimo possibile delle scorte e più generalmente, l'eliminazione di tutte le operazioni che non apportavano un incremento di valore per il prodotto lungo la catena di produzione. Grazie al just in time, diveniva quindi possibile assicurare un flusso veloce di tutti i materiali necessari lungo la filiera sia all'interno che all'esterno dell'organizzazione, partendo dai fornitori, sino alla consegna ai clienti finali.
Espandendo questo concetto si è così giunti ad una gestione integrata della supply chain, all'interno della quale il rapporto con i propri diretti fornitori diventa fondamentale per ottenere una gestione quanto più snella ed efficiente possibile. In tale ottica, i fornitori vengono visti come se fossero il primo stadio del processo produttivo, andando ad integrare nel rapporto con i suddetti quindi, anche tutta quella serie di attività attinenti alla gestione operativa ed informativa del processo aziendale. Analogamente tale tipo di orientamento viene proposto anche sul versante dei clienti ove possibile, per ridurre il livello delle scorte al minimo. Tutta questa serie di concetti con il tempo sono stati affinati e maggiormente integrati tra loro ed al giorno d'oggi rappresentato un approccio alla produzione applicato da una molteplicità di industrie, semplicemente conosciuto come lean production.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'orientamento alla qualità nella Supply Chain Agroalimentare: il caso della cooperativa ''Nuovo Cilento''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Sacco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Giuseppe Perrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

logistica
supply chain
prodotto
processi produttiv
agroalimentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi