Skip to content

Acqua e culture mediterranee. Tradizioni, cultura e socialità del Salento per un progetto partecipato e condiviso. In collaborazione con: associazione non-profit H2O.

L’associazione H2O - nuovi scenari per la sopravvivenza

L'associazione non-profit H2O nuovi scenari per la sopravvivenza nasce con l'intenzione di concretizzare una missione dal respiro internazionale incentrata sul tema 'acqua' a 360 gradi. La formula operativa adottata dai suoi fondatori, Roberto Marcatti e Cintya Concari, si sviluppa attraverso la creazione di autentiche sinergie, coinvolgendo tutti gli interlocutori di questa missione: dai suoi ideatori fino all'utenza finale.
Le attività dell'associazione sono molteplici, tra cui laboratori e workshop, mostre, seminari, pubblicazioni e studi specifici all'insegna della progettazione etica e della promozione di prodotti e stili di vita. Tutte queste attività hanno come obiettivo la condivisione della tematica della salvaguardia e del risparmio del bene acqua.
Interpreti e portavoce del concetto chiave 'water = life' sono importanti professionisti del mondo dell'architettura, del design, della grafica e della comunicazione. Invitati direttamente dai fondatori sono mossi dal comune obiettivo di riformulare e divulgare le tematiche etiche sulle risorse idriche come nuovi comportamenti sociali. Atteggiamenti che mirano alla ricostruzione di una cultura del progetto che abbia come punto fermo un totale rispetto per l'ambiente nell'ambito di tutte le future espressività umane.
Al contempo l'associazione si rivolge, oltre ai professionisti, anche ai giovani progettisti, coinvolgendoli nella propria mission, spronandoli pertanto ad impiegare la freschezza, l'entusiasmo e la creatività delle loro idee. I workshops e le altre attività che li vedono protagonisti servono a renderli sensibili e responsabili alle tematiche ambientali attuali, con particolare attenzione alla salvaguardia delle risorse idriche.
Il lavoro dell'associazione si esprime attraverso diverse attività, prima fra tutte una mostra itinerante costituita da 160 progetti denominata H2O - nuovi scenari per la sopravvivenza. La mostra raccoglie progetti realizzati da grafici, architetti e designers, con l'obiettivo comune di sottolineare e sviluppare l'interesse verso la 'cultura del progetto e della comunicazione', in relazione ai problemi attuali legati alla sostenibilità e allo specifico caso dell'acqua. Le persone coinvolte nella mostra hanno aderito a titolo gratuito al progetto, mettendosi in gioco per realizzare proposte che affrontassero il tema dell'acqua dal punto di vista della sostenibilità e del rapporto con il territorio e l'ambiente. I risultati consistono in una serie di elaborati di comunicazione visiva, tavole di architettura, prototipi e rappresentazioni di oggetti pensati e disegnati, dove i progettisti si sono allontanati da un'ottica commerciale per concentrarsi sulla professionalità, sull'etica e sulla morale ambientale.
Successivamente l'associazione ha sviluppato una secondo progetto, AQUATECTURE. La mostra, e il successivo saggio dedicato, contengono una serie di progetti d'architettura e design sostenibile di water centers, concepiti per essere utilizzati e diffusi in paesi che lamentano una carenza cronica di questa risorsa.
Altra iniziativa degna di nota è la costituzione di una casa editrice dedicata, H2O Edizioni, punto di partenza delle pubblicazioni curate e sostenute dall'associazione. Fino ad oggi sono tre i libri pubblicati, H2O nuovi scenari per la sopravvivenza del 2006 e rieditato nel 2009, AQUATECTURE del 2011 e Acqua dueO di Riccardo Dalisi del 2012. Parallelamente alla casa editrice, l'associazione si rivolge al pubblico interessato alle tematiche dell'acqua attraverso un sito web e il relativo blog, punto d'incontro tra l'associazione e gli utenti del web. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Acqua e culture mediterranee. Tradizioni, cultura e socialità del Salento per un progetto partecipato e condiviso. In collaborazione con: associazione non-profit H2O.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ivan Manara
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: IUSVE - Istituto Universitario Salesiano Venezia
  Facoltà: Comunicazione Integrata e Design
  Corso: Laboratorio di total design e comunicazione integrata
  Relatore: Paolo Schianchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

no-profit
acqua
etica
non profit
castelli
cultura
salento
graphic design
grecìa salentina
greenwashing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi