Skip to content

Lorenzo Costa il giovane alla corte di Guglielmo Gonzaga: la Camera dello Zodiaco nel Palazzo Ducale di Mantova

La tradizione astrologica a Mantova

La tradizione astrologica alla corte di Guglielmo Gonzaga non fu dissimile da quella seguita nelle altre Corti italiane. Guglielmo Gonzaga incline alla religione, personalità fortemente tormentata da un punto di vista spirituale, convoglia in se caratteristiche non certo estranee alla cultura e agli uomini del Rinascimento.

La vita alla Corte mantovana era arricchita da pratiche esoteriche già in un periodo precedente al duca Guglielmo. Tra le figure più rappresentative, Patrizio Tricasso (II metà del XV secolo – 1550) godette di una notevole popolarità al suo tempo, popolarità che purtroppo oggi rimane piuttosto oscura a causa della perdita di notizie a lui relative. Il Tricasso apparteneva all’ordine di San Domenico e pur essendo un religioso si interessò di chiromanzia a tal punto da essere considerato addirittura il fondatore della chiromanzia scientifica; ne fu il codificatore e scrisse numerosi trattati che riscossero un notevole successo.

La sua opera, ricca di riferimenti astrologici, non fu però nient’altro che un compendio di teorie scritte d’autori famosi nell’antichità.

Opera principe "Chiromanzia" accolse notevoli favori. Di Tricasso parla anche Bettinelli che lo qualifica quale componente della famiglia Ceresara, famiglia notoriamente dedita a pratiche diaboliche che abitava nel palazzo del "Diavolo" (1527) oggi non più esistente.

Se l’interesse astrologico era finalizzato alla ricerca basata su fondamenti scientifici, di contro i responsi oroscopici erano accolti da qualsiasi fonte di provenienza, fosse anche estranea agli astrologi mantovani. Un’analisi in tal senso fu fatta da Fulvio Pellegrino Morato Mantovano che esaminò il significato di alcuni elementi a contenuto simbolico. Nato alla fine del 1400 a Mantova, Morato visse a lungo alla Corte Ferrarese dalla quale fu fortemente influenzato e dove morì nel 1448. Alcune testimonianze di corrispondenza tra la famiglia Gonzaga e gli astrologi ci vengono fornite dal Gabotto che fa riferimento in dettaglio ad un periodo appena precedente la nascita di Guglielmo. Testimonianza dell’importanza dell’astrologia in Mantova è data inoltre dal fatto che gli ambasciatori dei Gonzaga provvedessero nel XV secolo a comunicare ai Marchesi quanti più pronostici e giudizi potessero.

Il fatto che fosse importante che il pronostico rispecchiasse un vaticinio favorevole vede in questo modo di comunicare una prima forma di giornalismo politico che potè realizzarsi in quanto favorì scambi ideologici e informativi.
Sotto il governo di Ludovico Gonzaga, l’astrologo senza dubbio più accreditato fu Bartolomeo Manfredi la cui prima lettera astrologica è datata al 14 Febbraio 1461. Che questa scienza fosse notevolmente legata a quella medica è attestato da una lettera riguardante l’infermità del Marchese Lodovico che lo spaventò sì tanto da ritenerla il risultato di una cattiva influenza delle stelle e di un cattivo servigio del suo astrologo che non lo aveva avvertito per tempo. Pronostici di natura diversa si susseguirono negli anni ed adempirono a previsioni oltre che mediche anche politiche.

Dei contatti con Mantova e le altre Corti italiane c è testimone una missiva del 21 Giugno 1471 nel quale Bartolomeo Manfredi invia al Duca Borso d’Este a Ferrara un pronostico sulla sua salute. Ma se Manfredi fu celebrato alla Corte dei Gonzaga come il miglior astrologo, non si può certo dire che fosse il solo, si ricorda Antonio da Camera, un "Zohane di Catany da Mantova" che conosciamo in base ad una lettera datata 19 Luglio 1478.

La lettera è interessante in quanto porta a dedurre come il De Catany pensasse che l’astrologia dovesse essere considerata subordinata alla religione e non estranea ad essa, dandole così una nuova collocazione nel Rinascimento.

Figlio e successore di Lodovico, Federico Gonzaga manterrà anch’egli accanto a se un astrologo, lo stesso "De Catany" e così farà Isabella.

Nel 1521 il Marchese Federico Gonzaga accoglieva i pronostici di Mario Equicola letterato mantovano, ed il 6 Agosto 1525 sempre allo stesso da Lelio Manfredi, astrologo di discendenza probabilmente del più celebre Bartolomeo, troviamo una missiva nella quale ancora si fa riferimento ai corpi celesti.

Per quanto riguarda invece la Corte del Duca Guglielmo si possono citare Giovanni Paolo Donati astrologo che dedicò un testo, "Le Theoriche" al Duca e Don Gregorio Capiluti, abate del convento di Gradaro, astrologo, letterato e teologo che redasse per Guglielmo un oroscopo. Il medesimo riportato in appendice I vuole celebrare il secondo matrimonio di Vincenzo Gonzaga con Eleonora De Medici attraverso l’esatta individuazione delle costellazioni al momento dell’evento.

Troviamo un encomio al Capiluti nell’interno di un testo redatto da Giulio Capiluti umanista di casa Gonzaga che dedicò il predetto a Vincenzo, qui Don Gregorio viene oltre che innalzato quale "Sacerdote ragguardevole d’animo e di candida veste…" anche come "… Colui (Tu) che comprendi i famosi lauri; tripodi e gli astri…" ed ancora "in Te confidano anche i sensi arcani"

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lorenzo Costa il giovane alla corte di Guglielmo Gonzaga: la Camera dello Zodiaco nel Palazzo Ducale di Mantova

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Bacco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1987-88
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Iconografia ed iconologia
  Relatore: Claudia Cieri Via
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mantova
cielo
carro
lorenzo costa il giovane
segni zodiacali
palazzo ducale
diana luna
camera dello zodiaco
efemeridi
guglielmo gonzaga

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi