Skip to content

La Revisione dell'Area Crediti e Debiti

Gli obiettivi di revisione dei crediti

La revisione dei crediti si divide in due momenti, la fase preliminary e quella final. Durante il primo si pianificano le verifiche documentali e si redige il work program, nel quale si descrivono i controlli documentali da effettuare nella fase successiva. Altri importanti passaggi della fase preliminary sono l'invio delle lettere di circolarizzazione (fatto per la verità in una fase intermedia, in modo da avere le risposte per il momento final) e lo studio e la valutazione del sistema di controllo interno. La fase final, invece, consiste in verifiche di dettaglio e nell'analitycal review.
Durante questi due momenti si cerca di raggiungere una serie di obiettivi, dette asserzioni, presenti nella revisione di tutte le poste di bilancio (come la divisione del lavoro in preliminary e final), ma differenti in ognuna di esse. Per i crediti in particolare si hanno le seguenti asserzioni:

. Esistenza: consiste nella verifica che i crediti iscritti in bilancio derivino da operazioni di vendita concretamente avvenute e correttamente registrate in contabilità. A tal fine occore analizzare la documentazione a supporto dell'avvenuta transazione che origina il credito e ottenere conferme di saldo dai debitori tramite le circolarizzazioni (implicitamente anche un eventuale saldo diverso serve comunque ad accertarne l'esistenza del credito). Durante la fase preliminary bisogna definire il numero di items da circolarizzare mediante estrazione statistica o in base alla significatività dei saldi, definire il periodo di riferimento per la richiesta saldo e verificare l'eventuale presenza di clienti al legale. Per quanto riguarda il controllo interno, bisogna verificare il livello di separazione del personale operante presso le funzioni all'interno dell'azienda. Vi è infatti l'esigenza di impiegare personale diverso in merito all'acquisizione degli ordini, all'accettazione degli stessi e ai relativi controlli sui fidi concessi, alla consegna della merce, alla fatturazione, all'autorizzazione di rettifiche di fatturato e all'incasso. In final l'attività principale è analizzare le risposte alle circolarizzazioni pervenute e riconciliare le differenze sulla base della relativa documentazione di supporto, chiarendo le motivazioni. Per i clienti per i quali non si sono ricevute risposte bisogna ricostruire il saldo, esaminando gli incassi avvenuti durante il periodo in esame tramite documentazione a supporto; per i crediti non scaduti, e quindi non incassati nel periodo in esame, verificare la loro attendibilità sulla base dei documenti relativi alle operazioni che li hanno originati; infine per i crediti scaduti effettuare l'analisi dell'esigibilità degli stessi.

. Corretta valutazione: consiste nella verifica che i crediti siano valutati in base al presumibile valore di realizzo, dovendo così prevedere futuri insoluti. Ciò avviene tramite la creazione di un fondo svalutazione crediti col quale si rettifica il valore nominale dei crediti in modo che il valore netto corrisponda al valore di realizzo stimato. Le rettifiche vanno predisposte tenendo conto delle indagini sulla situazione economica e finanziaria del cliente oppure dalle procedure concorsuali a suo carico e dipende anche dall'anzianità dei crediti scaduti, essendo probabile che tanto più lungo è il tempo trascorso dalla scadenza del pagamento, maggiori sono le possibilità che quel credito non venga incassato.
La fase preliminary si incentra sull'analisi del sistema del controllo interno ed in particolare che esso preveda una procedura di gestione del rischio della inesigibilità dei crediti, basata su indagini in merito alla solvibilità dei clienti e sui limiti di credito per i nuovi; in seguito, dopo l'affidamento, nel monitoraggio costante dell'anzianità dei crediti scaduti, procedure di sollecito dei clienti, promozione di azioni legali per il recupero dei crediti e una procedura per la stima del fondo svalutazione crediti.
In final le attività da svolgere riguardano l'esame dell'anzianità dei crediti, l'esame dei crediti in sofferenza, l'esame delle perdite su crediti degli esercizi precedenti, l'esame dei crediti in valuta, l'esame di resi, sconti e abbuoni e infine l'esame del conto di deposito e rappresentanti.
Competenza: consiste nell'accertare che i crediti esposti in bilancio siano originati da operazioni rilevate, per competenza, entro la data di riferimento del bilancio. In fase preliminary bisogna verificare che il controllo interno si assicuri dell'emissione tempestiva di appositi documenti per i beni usciti dal magazzino e che si effettui un raffronto fra questi e le fatture di vendita ad essi connesse. Inoltre i documenti di uscita e le relative fatture di vendita devono essere accuratamente registrate nel periodo di competenza. In final si attua il controllo del cut-off, consistente nell'abbinamento delle ultime fatture emesse con i relativi documenti di trasporto, controllandone gli scarichi di magazzino al fine di verificare che le merci vendute e acquistate negli ultimi giorni dell'anno siano state contabilizzate rispettivamente in riduzione e aumento dei beni in giacenza nel magazzino fisico a fine esercizio ed il rispettivo ricavo sia stato inserito nei ricavi del medesimo esercizio. Contestualmente le merci vendute e acquistate nei primi giorni dell'anno devono essere contabilizzate rispettivamente in riduzione e aumento dei beni in giacenza nel magazzino fisico del nuovo esercizio ed il rispettivo ricavo sia stato inserito nei ricavi del medesimo esercizio.

. Corretta esposizione: consistente nella verifica della corretta classificazione dei crediti nello stato patrimoniale considerando la natura del debitore e la completezza delle informazioni integrative. In fase preliminary ci si accerta che il controllo interno sia in grado di fornire i dati necessari per la corretta classificazione e descrizione dei crediti in bilancio, in realtà facilmente reperibili in caso l'azienda disponga di un piano dei conti per la classificazione e la descrizione dei crediti. In fase final bisogna verificare che all'interno del conti clienti non siano ricompresi crediti verso società collegate, controllate o consociate, nel qual caso vanno indicate distintamente. Vanno verificate inoltre che non ci siano compensazioni tra crediti e debiti; la corretta esposizione dei crediti con scadenza oltre l'anno, eventualmente procedendo all'attualizzazione degli stessi; che nel conto clienti non siano inclusi significativi crediti derivanti da operazioni diverse da quelle oggetto dell'attività caratteristica dell'azienda e infine individuare eventuali saldi avere, verificando che non siano determinati da errate registrazioni, doppi pagamenti o anticipi da clienti.

. Uniformità di applicazione dei principi contabili rispetto all'esercizio precedente: nei rari casi in cui ne sia necessaria una modifica bisogna stimare l'effetto sul bilancio d'esercizio e che siano valutate le cause che hanno prodotto la variazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Revisione dell'Area Crediti e Debiti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Di Carlo
  Tipo: Tesi di Master
Master in Auditing e Controllo Interno indirizzo Auditing & Governance
Anno: 2012
Docente/Relatore: Alessio Silvestri
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi