Skip to content

I bambini africani e il web: analisi dei siti Karibuni onlus e Invisible Children no profit

L’importanza dell'usabilità dei siti no profit

Jacob Nielsen, il guru dell'usabilità, illustra nell'articolo "Donation Usability: Increasing Online Giving to No-profits and Charities" (www.youcapital.it/?p=1636), lo studio condotto sui siti delle organizzazioni no profit, mostrando che uno dei principali ostacoli all'aumento delle donazioni online è costituito dalla mancanza di quei contenuti che possano soddisfare le domande dei donatori, quali ad esempio: Di che tipo di organizzazione si tratta?
Come utilizza i miei soldi? ecc. Molti di questi siti non sembrano essere in grado di stimolare gli utenti alle donazioni.
L'usabilità è molto importante per i siti no profit in quanto facilita l'utente nel suo percorso all'interno del sito e gli rende chiaro dove si trova e dove reperire le informazioni di cui ha bisogno. Un sito no profit usabile rende l'azione dell'utente semplice, chiara ed intuitiva e lo invoglia a donare.
Nielsen ha effettuato uno studio sull'usabilità di 23 siti no profit nazionali e locali, ne è emerso che gli utenti orientano la loro scelta sui siti che parlano chiaramente della propria organizzazione e dei suoi scopi.
Le no profit riuscirebbero a raccogliere molte più donazioni dai loro siti se solo affermassero chiaramente di cosa si occupano e come usano le donazioni, infatti i potenziali donatori provano un grande senso di frustrazione quando visitano i siti e cercano di orientarsi tra la mission e gli obbiettivi delle organizzazioni, fattori determinanti per le donazioni.
I siti delle no profit ben disegnati sono adatti ad attrarre nuovi donatori. Per incoraggiare la fedeltà del cliente le e-mail, le newsletter rimangono lo strumento più importante ed efficace del web.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I bambini africani e il web: analisi dei siti Karibuni onlus e Invisible Children no profit

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rosalia Di Giorgio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: lingue moderne per il web
  Relatore: Antonino Di Sparti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

navigabilità
analisi del sito
la comunicazione pubblica
la comunicazione pubblica e internet
la comunicazione sociale
no profit: nuovo modo di comunicare il sociale nel
l’usabilità
definizione di usabilità dei siti web

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi