Skip to content

Modelli di federalismo fiscale a confronto

Federalismo duale e cooperativo

Dalla diversa combinazione tra potestà tributaria ed autonomia fiscale si possono enucleare due modelli, che per semplicità si possono definire "federalismo fiscale competitivo", o "duale", e "federalismo fiscale cooperativo".
Nel primo, particolarmente accentuata è la sovranità (o autonomia) tributaria delle istituzioni territoriali che si pone in concorrenza non solo orizzontale (con le istituzioni di simile natura), bensì anche verticale, ovvero con la Federazione. Rientrano in questo modello gli Stati Uniti, la Svizzera e, solo in parte, il Canada; Paesi che verranno subito analizzati nelle pagine successive.
Diversamente, il federalismo fiscale cooperativo si caratterizza per una potestà tributaria sostanzialmente accentrata a livello federale e, di conseguenza, per un sistema fiscale uniforme. Il finanziamento delle istituzioni territoriali avviene, spesso, mediante compartecipazioni a tributi federali secondo il principio che ciò che è pagato nel territorio rimane nel territorio.
Rientrano in questo modello tutti gli altri Paesi presi in considerazione, anche se, come vedremo, ognuno di essi presenta delle peculiarità che lo differenziano dagli altri.

Il sistema statunitense

Negli Stati Uniti d'America, Paese federale per antonomasia, il potere impositivo della Federazione trova fondamento in due disposizioni costituzionali:
- l'articolo 1 sezione 8, secondo cui il Congresso ha il potere d'imporre e percepire tasse, diritti, imposte e dazi purché uniformi in tutti gli Stati Uniti;
- il XVI emendamento (1913) che recita: "il Congresso avrà la facoltà di stabilire ed esigere imposte sui redditi derivanti da qualunque fonte, senza ripartirle tra i vari Stati e senza dover tenere conto di alcun censimento".

Dal canto loro, gli Stati federati, in base alla cosiddetta clausola dei poteri residui, sono liberi di scegliere e imporre propri tributi (in pratica gli unici limiti sono costituiti dal divieto di tassazione delle importazioni e delle esportazioni senza il consenso del Congresso e dai principi generali di eguaglianza e parità di trattamento).
Conseguentemente, nel rispetto dei pochi vincoli costituzionali, sia la Federazione sia gli Stati hanno una "competenza assoluta ed esclusiva in materia fiscale": in altri termini ciascun livello di governo può imporre tributi su qualsiasi materia ed impiegare le risorse finanziarie nel modo che reputi più conveniente.

I risultati più eclatanti di tale regolazione del potere impositivo sono:
1. la presenza in ogni Stato federato di una specifica legislazione tributaria in forte concorrenza con quelle presenti negli altri Stati;
2. l'esistenza di imposte statali che "aggrediscono" basi imponibili già soggette alla tassazione federale; al riguardo, sia la Federazione che gli Stati, prevedono imposte sul reddito delle persone fisiche e su quello delle persone giuridiche, mentre, l'imposizione indiretta (tipo quella sul consumo generale sales taxe), viene svolta unicamente dagli Stati visto che la Federazione non ha, finora, ritenuto necessario un intervento in tale settore.
Per quanto riguarda la perequazione, nell'assoluta assenza di qualsiasi trasferimento di tipo orizzontale, essa viene in qualche modo realizzata attraverso i cosiddetti conditional grants, cioè mediante il trasferimento di risorse, vincolato al perseguimento di specifici obiettivi predeterminati, dalla Federazione agli Stati.
In effetti, i conditional grants, pur se decisamente inidonei a impedire l'accentuarsi di significative disparità statali di reddito, spostano risorse di entità non irrilevante: basti pensare che mentre le entrate federali derivano tutte dall'imposizione fiscale, questa rileva soltanto per il 44% delle entrate a livello statale, in cui quasi un terzo delle entrate deriva da trasferimenti federali, e il resto (circa un quarto) da varie fonti (nello specifico il 10% circa da tasse e contributi per servizi ospedalieri e di educazione superiore). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Modelli di federalismo fiscale a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lino Domenico Franco Montesano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Analisi economica delle istituzioni internazionale
  Relatore: Emma Galli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi