Skip to content

La percezione del prodotto di qualità certificata

L'evoluzione del concetto country of origin nell'era globalizzata

I primi studi sul country of origin si classificano come single-cue poiché l'unico parametro di valutazione del prodotto è il suo paese di provenienza. In questo modo, prendendo in considerazione un solo attributo, si rischia di gonfiare i dati e giungere a risultati sfasati e non veritieri. «In realtà, quanto più numerosi sono gli attributi inseriti nel modello, tanto più moderato risulta l'effetto esercitato dal paese di provenienza del prodotto», infatti, secondo l'analisi di Peterson e Jolibert (1995) «negli studi single-cue l'effetto medio del paese di provenienza incide per il 30%, mentre negli studi multi-cue tale effetto si riduce al 16%» (Vianelli & Marzano, 2012, cit. pag. 7).
La definizione del country of origin è notevolmente cambiata con l'avvento della globalizzazione: oggi, diventa difficile parlare di un'origine "pura" del prodotto dal momento che le fasi del processo produttivo, il più delle volte, sono dislocate in diverse zone del pianeta. Per questo motivo, Chao (1993) distingue fra forme "ibride" e "non ibride" del prodotto riferendosi, in particolare, ai paesi di origine di manifattura e design che nella maggior parte dei casi non coincidono più.
Gli studi più recenti di marketing si classificano come multi- cue poiché non guardano più alla mera origine di un prodotto ma a tutto ciò che riguarda le fasi della produzione dello stesso, dal momento che queste possono non essere concentrate in un unico luogo: di conseguenza un territorio può farsi riconoscere per un determinato brand o per la manifattura, per l'assemblaggio o per il design: «in aggiunta a concetti quali made in o assembled in, dunque, stanno acquisendo sempre maggiore rilevanza anche quelli di designed in, engineered in, manufactured in e parts supplied by» (Ibidem, cit. pag. 12).
È necessario riconoscere che «a prescindere dalla tipologia di classificazione adottata, emergono chiaramente le diverse dimensioni che contribuiscono a formare l'origine di un prodotto e che, una ad una, producono effetti diversi sulla percezione qualitativa dei consumatori durante il processo di valutazione (Li, Murray e Scott, 2000)» (Ibidem, cit. pag. 13).
Dunque, quando parliamo di origine dobbiamo anche chiarire a quale parte della produzione facciamo riferimento: il concetto di Made in è stato fortemente ridimensionato dal processo di globalizzazione dal momento che si riferisce solo ad alcune componenti del prodotto. Oltre che ridimensionato, è stato anche "relativizzato" soprattutto a causa dello sviluppo del sistema produttivo cinese ed in generale dei paesi dell'Est, da sempre simbolo di scarsa qualità, cui troppo spesso oggi le aziende ricorrono. Di conseguenza, la provenienza del prodotto, non riguardandolo più interamente, diventa un parametro sempre meno determinante ai fini delle scelte di consumo
Le denominazioni DOP e IGP mirano a salvaguardare le vere denominazioni country of origin dagli effetti della globalizzazione: il tentativo è quello di riconoscere tutte quelle produzioni agro-alimentari che avvengono interamente in un dato territorio con lo scopo di proteggerle e valorizzarle. Per questo, a mio parere, i prodotti italiani a marchio sono così tanto apprezzati: sono tra i pochi ad avere mantenuto intatta la propria tradizione e la propria qualità non lasciandosi coinvolgere dal processo di globalizzazione e dalla frammentazione dei processi produttivi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La percezione del prodotto di qualità certificata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Biandolino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze politiche dell'area mediterranea
  Relatore: Monica Fait
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dop
igp
made in italy
stg
country-of-origin effect
percezione del prodotto italiano all’estero
buy national
rapporti commerciali italia-spagna
qualità certificata dei prodotti agroalimentari
qualità certificata dei prodotti vitivinicoli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi