Skip to content

Melius (vag)abundare. Il caso di CinemadaMare tra piattaforme di distribuzione digitali e tensione all'itinerarietà

Festival cinematografici

I festival di cinema hanno un valore economico molto alto all'interno di una cultura sempre competitiva e dominata da scarsità di risorse. I festival non producono perdite ma utili e coinvolgono una filiera abbastanza complessa in una linea di servizi, compreso l'indotto turistico. Inoltre, un festival mette in gioco in pochissimo tempo una varietà di pubblici di riferimento e articola una distribuzione di servizi.
Secondo una ricerca dell'Università IULM di Milano, pubblicata da Johan & Levi, per ogni euro investito viene restituito un valore di circa 2,6 euro, valore che si ripete nei vari contesti territoriali.
Su 60 festival controllati, la ricerca si è soffermata su undici festival con un lavoro durato un anno riguardante le manifestazioni di Roma, Taormina, Ischia, Courmayeur, Lecce, Udine, Bologna, Trieste, Montone e Pesaro.
Come sostiene il preside della IULM Gianni Canova durante il Torino Film Festival 2012:

"Non ha più senso continuare a pensare agli investimenti alla cultura come un vuoto a perdere, perché è importante per la crescita del nostro Paese".

Riguardo la fidelizzazione l'analisi ha individuato quattro tipi di spettatori: occasionali, neofiti partecipanti, habitué e cine-mad. Il pubblico è di qualità: è giovane, colto, competente e fedele. L'attrazione non riguarda singole specificità, come film o incontro con autori, ma il festival nella sua globalità. Un valore importante che si ritrova nei festival è la densità di scambi e relazioni che vengono generate, producendo effetti anche molto in là nel tempo e in contesti diversi dal territorio di partenza, compresa la spinta alla cooperazione tra operatori e pubblica amministrazione.
Nonostante questi punti positivi, la stessa ricerca dell'Università IULM rende evidente anche lacune profonde quali la mancanza di informazioni di base, bilanci approssimativi, scarse verifiche sui pubblici di riferimento.

Konstantin Stanislavskij sosteneva:

"Non ci sono piccole parti, solo piccoli attori".

Si può affermare lo stesso dei festival di cinema, non ci sono piccoli festival ma festival piccoli. Ci sono festival dove ci devi andare per forza, ma dove sei un numero nel catalogo, stai chiuso nella tua stanza d'albergo per tutto il periodo aspettando la tua proiezione o le interviste dei giornalisti. Ci sono i festival in cui è il distributore internazionale a dirti di andare, e tu ci vai perché nulla resti di intentato, e da cui non vedi l'ora di andar via. Oppure quelli dove abbondano i red carpet, ma capisci che il film è l'ultima cosa che interessi. Quelli in cui capisci che il budget del festival è più importante delle storie raccontate.
Poi ci sono i festival "divertenti", quelli dove ci vai perché il clima è quello di un grande cineclub, dove la gente va per vedere film e discuterli. Quelli sono i festival dove la convivialità, semplice e sincera, è parte essenziale del programma; è lì che guardi in faccia quella folla indistinta che è definita "spettatori".
Nei festival si va per far vedere i tuoi film, e per confrontarli con gli altri, conosci registi e attori italiani che non hai mai visto a Roma, consolidi amicizie che erano superficiali, stringi legami forti con quegli organizzatori che ti conoscono prima di quanto tu conosca loro.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Melius (vag)abundare. Il caso di CinemadaMare tra piattaforme di distribuzione digitali e tensione all'itinerarietà

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Musmanno
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione
  Corso: Industria culturale e comunicazione digitale
  Relatore: Giovambattista Fatelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi