Skip to content

Certificazione etica e ISO26000

Iter di certificazione, punti di forza e debolezza

Il processo da seguire per ottenere la certificazione si articola in tre fasi:

. Preparazione alla verifica iniziale; in cui l'organizzazione effettua una valutazione del proprio sistema al rispetto dei requisiti dettati dalla norma, ed inoltra la documentazione all'organismo di certificazione;

. Verifica; ad un mese dalla conclusione della fase precedente i valutatori controllano l'effettiva implementazione del sistema di gestione di responsabilità sociale attraverso interviste al personale (individuali o di gruppo), analisi dei documenti (contratti, buste paga), osservazione delle prassi aziendali, ed in caso di eventuali non conformità l'impresa dovrà fornire le modifiche correttive prima di richiedere nuovamente la verifica;

. Ottenimento e mantenimento; l'impresa conforme ai requisiti ottiene la certificazione che pero rappresenta il punto di partenza e non di arrivo, in quanto la certificazione ha validità triennale nel corso del quale l'impresa può essere sottoposta a più visite ispettive, inoltre al termine dei tre anni l'attestato perde validità si deve ripetere tutto l'iter ovviamente con una riduzione delle tempistiche poiché teoricamente l'impresa dovrebbe essere conforme a buona parte dei criteri.

Per quanto riguarda i vantaggi le imprese che, concretamente , si trovano ad affrontare il problema della responsabilità sociale sono imprese che vogliono investire nel lungo periodo, nella convinzione che ciò potrà comportare delle effettive opportunità di mercato.
Tuttavia bisogna pero evidenziare ancora oggi una debole percezione dei reali vantaggi realmente offerti, che limita il numero di adesioni con 3058 imprese certificate al mondo e soltanto 11 certificazioni per il settore turistico di cui 10 in Italia e una in Francia,evidenziando come il settore turistico, se pur attento alle sue responsabilità ambientali e nonostante rappresenti il volano per le economie di molti paesi, sia caratterizzato da alti tassi di lavoro stagionale e irregolare, con dipendenti sottopagati e scarso rispetto per i diritti dei lavoratori con ripercussioni negative sull'immagine delle destinazioni e nel rapporto con i locali.
Tra i vari vantaggi i più importanti possono essere:

. sul fronte interno, la trasparenza delle relazioni con il personale, il miglioramento delle garanzie di salute e sicurezza di lavoro, il coinvolgimento di tutta l'organizzazione in percorsi di formazione orientata alle tematiche socio-ambientali, miglioramento del clima aziendale,condivisione dei programmi di sviluppo dell'impresa con conseguente riduzione della conflittualità interna e ad una riduzione dei costi relativi a fenomeni di infortuni, assenteismo, inefficienze produttive;

. sul fronte esterno, l'attenzione alla legalità e il riconoscimento da parte della società civile dovrebbe portare ad un incremento della competitività verso i mercati, miglioramento delle relazioni commerciali con la catena di fornitura, miglioramento della reputazione nei confronti dei finanziatori, riduzione dei costi legati all'efficienza, capacità di attrarre risorse qualificate.

Andando ad analizzare i punti di forza elencati emerge subito che le difficoltà nella percezione dei vantaggi e conseguente assunzione dei criteri di responsabilità sociale da parte delle imprese derivano dall'intangibilità della maggior parte di essi a dal fatto che si vanno a manifestare nel lungo periodo,portando così le imprese a preferire decisioni più economiche i cui risultati tangibili si manifestano in minore tempo.
Per quanto riguarda i punti di debolezza dello standard SA8000 questi possono essere rappresentati da:

. Costi di mantenimento;

. Scarsa pubblicità per le imprese che aderiscono;

. Scarso riconoscimento da parte del mercato;

. Adempimenti burocratici ed amministrativi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Certificazione etica e ISO26000

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Spatafora
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'Economia
  Relatore: Grazia Calabrò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]tesionline.it

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi