Skip to content

Assistenza infermieristica in triage nella gestione delle lesioni vascolari traumatiche: revisione della letteratura

Lesioni vascolari traumatiche in triage e ruolo infermieristico

Triage deriva dalla parola francese trier che significa smistare, scegliere, operare una selezione. Venne usato per la prima volta durante le guerre napoleoniche dal capochirurgo, il barone Jean Dominique Larrey, che dovendo organizzare il soccorso dei soldati
feriti scelse di soccorrere per primi quelli che avevano maggiori possibilità di guarire. Sono due tipi di triage: quello ospedaliero e quello extraospedaliero, con diverse funzioni, diversi ambiti e anche diversi obiettivi.
Per ciò che riguarda il triage ospedaliero il primo obiettivo è rappresentato dal riconoscimento dei segni e sintomi o dall'identificazione del problema principale per cui il paziente si presenta al Pronto Soccorso, in modo da valutare la sua priorità.
IL TRIAGE, come momento d'accoglienza e valutazione del paziente secondo criteri, ampiamente definiti dal punto di vista legislativo che consentono di stabilire le priorità d'intervento da parte dell'infermiere (Decreto Presidente della Repubblica del 27/03/1992 e Linee guida n.1/1996 in applicazione al DPR 27/3/92 che prevedono
la "funzione di triage… all'interno del DEA … come primo momento di accoglienza e la valutazione dei pazienti in base a criteri definiti che consentano di stabilire le priorità di intervento" … "tale funzione è svolta da personale infermieristico adeguatamente formato".
Il paziente con lesioni vascolari traumatiche che giunge in Pronto Soccorso si trova spesso in gravi condizioni, pertanto richiede un trattamento rapido e mirato dove la competenza infermieristica gioca un ruolo importantissimo nel garantire la sopravvivenza ed il "care" avanzato del paziente.
L'infermiere non fa né diagnosi né terapia né dimette o ricovera un paziente ma formula un giudizio di gravità clinica basato sul sintomo principale riferito dal malato, sulla raccolta anamnestica, sulla condizione attuale ed effettua una valutazione obiettiva dei parametri vitali, del colorito cutaneo, della temperatura, della sudorazione e del livello di coscienza.
Il processo decisionale di triage si compone delle seguenti fasi:

1. "Colpo d'occhio" o valutazione alla porta. È la valutazione immediata all'ingresso in PS, deve essere rapida per poter identificare i casi in cui è richiesto un intervento immediato. Si valutano i parametri vitali, l'ABCD, il dolore, l'ossigenazione, la temperatura, il livello di coscienza e l'aspetto generale.

2. Raccolta dati. Attraverso l'intervista e l'osservazione verranno valutati i segni e sintomi del paziente. In questa fase si utilizza sia la valutazione soggettiva (paziente, parenti, accompagnatori, soccorritori) che quella oggettiva.
La valutazione soggettiva si compone di varie fasi:

- Sintomo generale ed evento presente. Vale a dire le circostanze in cui si è svolto l'evento, la descrizione del problema, il meccanismo del trauma, ed eventualmente una progressione dei sintomi;

- Dolore. Importante è valutare il dolore, tipo, sede, se è provocato o alleviato da qualcosa, se c'è un'irradiazione, l'intensità e da quanto tempo è cominciato;

- Sintomi associati. Spesso i pazienti omettono di riferirli perché pensano siano poco importanti, è compito dell'infermiere di triage cercare la presenza di altri segni o sintomi associabili alla condizione attuale;

- Anamnesi patologica remota. È molto importante capire quali sono, e se esistono, altre patologie di base, croniche e non, perché ci permette di conoscere meglio il paziente e la sua condizione attuale.

La valutazione oggettiva è costituita dall'esame fisico del paziente e dalla documentazione sanitaria dello stesso. Per eseguire il più rapidamente possibile un esame fisico accurato e mirato si possono usare scale mentali (sono possibili varie possibilità, quella che viene portata come esempio dal G.F.T. (Gruppo per la formazione al Triage) riprende in parte l'ABCD con l'aggiunta di EFG, in questo modo è più facile ricordare i dati da raccogliere), per valutare tutti gli elementi utili. La logica della valutazione oggettiva avviene seguendo lo schema ABCDE dell'A.T.L.S., per l'effettuazione dell'esame fisico mirato. Ogni lettera indica l'iniziale di un termine inglese che rappresenta una funzione vitale:

A: Airways, pervietà delle vie aeree;
B: Breathing, attività respiratoria;
C: Circolation, attività circolatoria e controllo delle emorragie;
D: Disability, quadro neurologico,
E: Exposure, esposizione e prevenzione dall'ipotermia
F: Febbre
G: Rilevazione dei parametri vitali.

La valutazione oggettiva è importante per la documentazione dei problemi e viene effettuata per esempio: scoprire il torace dove viene notata la presenza di un volet costale, oppure una respirazione asimmetrica, oppure l'utilizzo della scala di Glasgow per l'assegnazione del punteggio di coma, oppure il tempo di riempimento capillare, l'ampiezza del polso radiale ed infine con la rilevazione dei parametri vitali, quali saturazione, pressione arteriosa, ECG, glicemia e tanti altri segni rilevabili solo con la valutazione fisica del paziente. Durante questa procedura, nella scheda Triage, viene segnato quanto rilevato, al fine di raggiungere una compilazione completa. Importante per un infermiere di triage è anche lasciarsi guidare dall'intuizione cioè quel sesto senso che ci dice che un paziente è grave, magari più di quanto sembri o è a rischio di complicanze. Questo intuito è basato sull'esperienza, sull'osservazione di moltissimi casi clinici, sulla conoscenza delle patologie e sul confronto con altre figure professionali.

3. Decisione di triage. È l'attribuzione del codice di gravità, è il culmine di un processo molto complesso basato sulla valutazione delle condizioni del paziente, sulla possibilità di complicanze entro breve e medio termine e sulla disponibilità di risorse. La decisione di triage non è soltanto quella presa al termine della valutazione ma può essere variata dall'infermiere in qualunque momento. Il codice di priorità è un codice di ingresso che è conseguente ad una valutazione in base a segni e sintomi. Come abbiamo detto prima non è una fase rigida, bensì il codice può variare in ogni momento se l'infermiere reputa variata la condizione del paziente. Possono essere identificati quattro codici (sono stati analizzati i codici colore
perché usati negli ospedali, mentre i codici numerici sono più usati sul territorio).
L'assegnazione del codice colore è il "prodotto finale" di tutta la procedura di Triage e consiste nel collocare il paziente in una delle seguenti definizioni contrassegnate dal codice colore:

CODICE ROSSO: situazione di emergenza, pericolo immediato di vita;
CODICE GIALLO: situazione urgente, potenziale pericolo di vita dovuto alla minaccia di cedimento di uno dei parametri vitali;
CODICE VERDE: situazione non urgente, necessità di prestazione medica, non c'è pericolo della compromissione dei parametri vitali;
CODICE BIANCO: situazione non urgente inviabile ad un altro servizio Sanitario.

PERCORSO DEL PAZIENTE ALL'INTERNO DEL DIPARTIMENTO, VERSO L'AREA PIU' IDONEA.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Assistenza infermieristica in triage nella gestione delle lesioni vascolari traumatiche: revisione della letteratura

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Iana Malischin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Marco  Rovati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

testa
assistenza infermieristica
infermiere
triage
traumi
arti inferiori
ruolo infermieristico
encefalo
lesioni vascolari
arti superiori
torace

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi