Skip to content

La responsabilità penale del direttore responsabile nella stampa periodica: il caso Sallusti

Diffamazione e responsabilità del direttore responsabile

La diffamazione, così come disciplinata dall'articolo 595 del codice penale, è il reato che consiste nell'offendere l'altrui reputazione, al di fuori dei casi previsti dall'ingiuria (articolo 594), comunicando con più persone, con l'esplicita esclusione, fatte salve eccezioni che non interessano in questa sede, dell'exceptio veritatis, cioè della prova liberatoria costituita dalla notorietà o dalla veridicità dei fatti (determinati o meno, come da aggravante di cui al secondo comma) attribuiti alla persona offesa. Il medesimo articolo, al terzo comma, prevede l'aggravante dell'uso del mezzo della stampa; in caso di contemporanea sussistenza delle due aggravanti – attribuzione di un fatto determinato e uso del mezzo della stampa – si applica però l'articolo 13 della della legge 8 febbraio 1948, nº 47, la quale prevede la reclusione da uno a sei anni e in più una multa (nella vicenda Sallusti, come vedremo, le due sanzioni sono state erroneamente interpretate come alternative).

Laddove l'editto, per espressa previsione all'articolo 47, presumeva che il gerente fosse sempre considerato complice degli autori di reati commessi attraverso il suo periodico, e dovesse pertanto soggiacere alle stesse pene a questi irrogate, l'articolo 57 del codice penale, perlomeno così come novellato dalla legge 4 marzo 1958, nº 127, stabilisce una precisa responsabilità in capo al direttore (o al vicedirettore) responsabile, ferma restando la responsabilità dell'autore e al di fuori dei casi in cui il concorso effettivamente sussista: il direttore o vicedirettore responsabile che ometta di "esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo della pubblicazione siano commessi reati, è punito, a titolo di colpa, se un reato è commesso con la pena stabilita per tale reato, diminuita in misura non eccedente un terzo". Il 57-bis stabilisce poi, limitatamente ai casi di stampa non periodica, che quanto previsto dall'articolo 57 si applichi in prima istanza all'autore, poi, se questo è ignoto o non imputabile, all'editore, e infine, qualora l'editore sia non indicato o non imputabile, a chi ha eseguito la stampa.

A un'analisi accurata della giurisprudenza non sembrerebbe che l'orientamento ricorrente sia quello di riconoscere il concorso del reato in capo ai direttori responsabili: il reato contestato, anche per i cosiddetti redazionali, è quasi sempre l'omesso controllo, che, perlomeno dopo la riforma dell'articolo 57, non è da intendersi come frutto della mera negligenza ma come il mancato esercizio di un diritto-dovere che si contrae nel momento in cui si assume l'incarico di direttore responsabile e per l'esercizio dello stesso. D'altro canto, la Consulta si era già espressa nel senso che il direttore risponde per fatto proprio, perché tra l'omesso controllo e l'evento sussiste un "nesso di causalità materiale al quale si accompagna sempre un certo nesso psichico sufficiente a conferire alla responsabilità il connotato della personalità".

Questo brano è tratto dalla tesi:

La responsabilità penale del direttore responsabile nella stampa periodica: il caso Sallusti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Amedeo Francesco Mosca
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Media e giornalismo
  Relatore: Antonio Vallini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
sallusti
diffamazione
direttore responsabile
concorso nel reato
libertà di stampa
onore
culpa in vigilando
diritto della informazione
reati di opinione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi