Skip to content

La scatola delle meraviglie. Analisi semiotica de La Rinascente.

La Rinascente ''si rifà il look''

Negli anni Cinquanta l'Italia si sta riprendendo da una grande guerra che ha raso al suolo anche La Rinascente di Milano. Il generale sotto il peso di una grande sconfitta, non è dei più sereni, c'è bisogno di ricostruire il Paese e guardare avanti. A tal proposito, il nuovo magazzino La Rinascente viene ricostruito seguendo piani ambiziosi mentre il fare produttivo della grafica, che in questi anni subisce una forte impennata, partorisce il manifesto per pubblicizzare la nuova inaugurazione, avvenuta nel 1950, e che porta la firma di un grande grafico del periodo, Max Huber. Con questa operazione Huber dona all'azienda una nuova luce. Nel manifesto in questione, per la prima volta, "la Signora Rinascente" che Dudovich aveva reso l'emblema dell'azienda, scende dal piedistallo per essere sostituita da qualcosa ancora più prorompente e innovativo.
La "nuova rinascita" non avviene attraverso gli enunciati di moda, ma, più propriamente, questi vengono irradiati in un testo visivo proprio tramite il linguaggio della grafica pubblicitaria: il manifesto di Huber è la sintesi di un re-styling dell'identità visiva de La Rinascente che si condensa nella realizzazione del logo dell'azienda.
Il logo de La Rinascente rappresenta allo stesso tempo una continuità e una variazione rispetto al passato: a livello figurativo possiamo riscontare una condensazione di elementi in continuità col passato in base al carattere del logotipo. I due stili di scrittura usati nel logotipo, infatti, sono già presenti nella tradizione dei manifesti di Dudovich svolgendo solo una funzione estetica. Nel manifesto di Huber questa particolarità del segno è rielaborata e concretizzata in un percorso di senso in cui l'articolo "la" (realizzato con uno stile classico) e il nome "Rinascente" (realizzato in uno stile di scrittura innovativo, più moderno) assumono un significato semi-simbolico sottolineando la funzione di contrapposizione semantica ‘antico/moderno' dove l'antico (la) dà l'impressione di rivestire un ruolo meno importante rispetto al moderno (Rinascente) in cui anche la lettera R risalta rispetto al resto imponendosi all'attenzione di chi guarda. Inoltre, è interessante analizzare il rapporto tra "marchio" e "logotipo" presente nel manifesto. Il marchio è la raffigurazione simbolica dell'azienda, ciò che, attivato grazie ad un input, rimanda impulsivamente all'immaginario e al mondo di una marca (Semprini 2003, p. 121). È necessario che esso assuma carattere di immutabilità in quanto, ridotto a simbolo, ha la funzione di tenere insieme i tratti caratterizzanti dell'azienda nonché gli elementi che non dipendono dalla marca, che contribuiscono alle associazioni mentali del consumatore rispetto all'immagine dell'azienda stessa. Il logotipo invece è la modalità in cui un'azienda viene "scritta" e a differenza del marchio, che ha una funzione identificativa, assume una funzione principalmente segnaletica poiché deve essere semplice e chiaro in quanto dovrà essere leggibile in ogni sua dimensione e su ogni materiale. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La scatola delle meraviglie. Analisi semiotica de La Rinascente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Romina De Donato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: scienze e tecnologie della comunicazione
  Relatore: Isabella Pezzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
identità visiva
semiotica
retail
marca
visual
la rinascente
flagship
vetrina
musealizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi