Skip to content

L'importanza degli intangibles: il caso Brunello Cucinelli spa

Un nuovo strumento: il bilancio degli intangibili

Mentre gli intangibili "strutturali" non sono iscritti in bilancio poiché non consentono una distinta rilevazione e valutazione, gli intangibili specifici li ritroviamo nel documento consuntivo perché si tratta di beni identificabili, quantificabili e valutabili. L'OIC 24, emanato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dal Consiglio Nazionale dei Ragionieri, statuisce che le immobilizzazioni immateriali sono iscritte nell'attivo dello stato patrimoniale se si riferiscono a costi effettivamente sostenuti, che non esauriscono la propria utilità nell'esercizio di sostenimento, e manifestano una capacità di produrre benefici economici futuri. Detti costi devono poter essere identificati in modo separato e attendibilmente quantificati. Non è quindi consentita la capitalizzazioni di intangibili acquisiti a titolo gratuito.
L'iscrivibilità di tali oneri è subordinata innanzitutto all'accertamento dell'utilità futura demandato agli amministratori e agli organi di controllo ma, spesso l'utilità pluriennale è giustificabile solo in seguito al verificarsi di condizioni gestionali, produttive e di mercato che al momento del sostenimento dei costi possono essere solo presunte.
Accertata l'utilità futura, bisogna porsi il problema se c'è l'obbligo o la facoltà di iscrivere detti costi in bilancio. Se si tratta di quei beni soggetti a tutela giuridica e per l'avviamento, l'iscrizione è obbligatoria. Se si parla invece di costi di impianto e ampliamento, e costi di ricerca, sviluppo e pubblicità, caratterizzate da un alto grado di aleatorietà, dovrebbe prevalere il principio della prudenza, pertanto l'iscrizione per questa categoria di costi in bilancio costituisce una facoltà. I valori degli intangibles vanno iscritti nell'attivo dello Stato patrimoniale tra le immobilizzazioni, classe B, sottoclasse I, con separata indicazione di quelle concesse in locazione finanziaria. Il valore originario d'iscrizione è costituito dal costo di acquisto o di produzione, a seconda se il bene è stato acquistato da terzi, inclusi gli oneri accessori, o prodotto internamente, tenendo in considerazione tutti i costi direttamente imputabili e una quota ragionevole di costi indiretti. Il costo d'iscrizione non può eccedere il valore recuperabile, cioè il maggiore tra il presumibile valore di realizzo (ammontare che può essere ricavato dalla cessione del bene sul mercato) ed il suo valore in uso (valore attuale dei flussi di cassa attesi futuri attribuibili all'utilizzazione dell'immobilizzazione). Da tale valore deve poi essere scorporata la quota di ammortamento riferita all'anno, per iscrivere il bene al netto dell'ammortamento in bilancio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'importanza degli intangibles: il caso Brunello Cucinelli spa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Maringolo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Economia e amministrazione delle imprese
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Marco  Giuliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi