Skip to content

Sollecitazioni europee in tema di lotta contro lo sfruttamento dei minori e la pedopornografia

Convenzione del Consiglio d'Europa di Lanzarote del 2007: "Protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale"

La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla protezione dei bambini contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale, meglio conosciuta come "Convenzione di Lanzarote", è stata adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa il 12 luglio 2007, aperta alla firma il 25 ottobre 2007 a Lanzarote - dopo un'intensa attività di negoziato avviata nel 2006 - ed entrata in vigore il 1 luglio 2010.
La Convenzione di Lanzarote è frutto di una attenzione particolare che il Consiglio d'Europa riserva da sempre alle politiche di protezione dei minori259; ciò è testimoniato dall'impegno che questo organismo richiede agli Stati membri per contrastare episodi in cui i minori possono trovarsi sfortunatamente protagonisti.
Ai fini dell'adozione di criteri e misure comuni, particolare interesse si riserva alla figura peculiare della pedopornografia ed in particolare della pedopornografia virtuale - tema affrontato anche da precedenti interventi - come fenomeno di forte espansione nel mondo della tecnologia e che trova terreno fertile anche al di fuori dei confini nazionali del Paese di origine del reo.

Si chiarisce per la prima volta all'art 18 della Convenzione, con una definizione giuridicamente fondata, cosa si intenda per abuso sessuale a carico di minori. Prendendo come riferimento i punti dettati dalla Convenzione sul Cybercrime - sopra citata - essa pone attenzione particolare ai casi in cui un soggetto abusi di un minore particolarmente vulnerabile in ragione di una data disabilità fisica o psichica.
E' da evidenziare che l'Italia ha assunto un ruolo fondamentale nella stesura del testo in merito all'individuazione delle fattispecie incriminatrici punibili. Le proposte avanzate dalla delegazione italiana vengono recepite alla luce della lunga esperienza di studio e di approfondimenti in materia dagli operatori del diritto italiani. Entrano pertanto nel novero delle fattispecie incriminatrici della Convenzione di Lanzarote, da una parte il già citato "grooming", ossia la manipolazione psicologica dei minori per scopi sessuali; la "pedopornografia virtuale" così come prevista dalla decisione-quadro 2004/68/GAI prima, dalla direttiva del 2011/93/UE poi; la creazione di Unità investigative specializzate per effettuare indagini sotto copertura; il rafforzamento della cooperazione internazionale per combattere la dimensione transnazionale dei reati in oggetto e la creazione di osservatori nazionali per monitorare il fenomeno.

Per quanto riguarda le misure preventive si segnala la novità dello screening, ossia il reclutamento e l'addestramento di personale che possa lavorare con i bambini al fine di renderli consapevoli dei rischi che possono correre e di insegnare loro a proteggersi. Inoltre si richiede agli Stati di porre in essere programmi di supporto alle vittime al fine di incoraggiare la denuncia di presunti abusi.
Considerata l'importanza che assume la Convenzione di Lanzarote nel contrasto dello sfruttamento dei minori - a fronte delle novità menzionate e delle soddisfazioni delle Istituzioni Europee - è comprensibile supporre che essa abbia assunto il ruolo di testo ispiratore della nuova Direttiva sullo sfruttamento e abuso sessuale dei minori270, adottata dal Parlamento e dal Consiglio Europeo il 13 dicembre 2011.

Recentemente il Parlamento Italiano ha approvato la legge 1 ottobre 2012, n. 172 di ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa del 2007. Tale provvedimento, che detta le norme di adeguamento interno, è destinato ad apportare significative modifiche al codice penale per quanto riguarda i reati in materia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sollecitazioni europee in tema di lotta contro lo sfruttamento dei minori e la pedopornografia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Armando Iannicelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi Stortoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

minori
diritto penale
convenzione di new york
trattato di lisbona
convenzione di lanzarote
pedopornografia virtuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi