Skip to content

Il ruolo della motivazione nell'azienda

Il disengagement e le sue possibili risoluzioni

Quando il contesto politico economico di un paese rende lo stile di vita delle persone e delle imprese difficile, quando trovare un lavoro è già di per sé un vero successo, la presenza di un buon livello di benessere nel posto di lavoro diventa per la maggior parte delle realtà irrilevante.

A dimostrazione di quanto questo aspetto sia molto spesso fattore di un peggioramento delle condizioni aziendali e delle prospettive di performance future, abbiamo in precedenza trattato e sollevato innumerevoli controprove, lasciando come ultimo tema: gli strumenti e le tecniche di risoluzione che è possibile introdurre al fine di un miglioramento del Welfare organizzativo e del livello di coinvolgimento del personale.

Una prima risposta generica alla necessità di Engagement può esserci fornita dalla teoria sviluppata e pubblicata nel 2012 in Harvard Business Review da Gretchen Spreitzer, Cristina Gibson e Flannery Garnett, i quali sostengono che il lavoratore motivato e coinvolto, ben distinto dal lavoratore semplicemente appagato, è caratterizzato dalla presenza di due indispensabili elementi:
- "Vitalità", riconducibile con l'aspetto di sentirsi vivi e pieni di energia. Elemento questo, molto contagioso a livello organizzativo, e quindi capace di caricare e coinvolgere l'intero personale.
- "Formazione", anche identificabile con il bisogno di crescita e sviluppo di competenze e conoscenze da parte del singolo dipendente. Aspetto molto spesso cruciale per l'avvio di processi di gestione cosiddetti virtuosi.
La presenza di tali elementi in ogni postazione lavorativa, tuttavia, necessità di un grande sforzo da parte dell'azienda, non solo nella scelta delle politiche di gestione del personale da introdurre, ma in realtà, anche nella congiunzione di tale processo decisionale con il resto della gestione e organizzazione dell'azienda. È a tal fine che potremmo identificare, grazie agli studi condotti da McKinsley pubblicati nel 2012, un piano per la gestione del welfare, finalizzato al conseguimento dell'integrazione di tale area gestionale nel sistema aziendale e al possibile sviluppo dell'intera struttura organizzativa attorno al tema centrale del benessere aziendale.

Distinguiamo di seguito alcune delle sue fasi più cruciali:
1. Identificazione degli obiettivi e dei destinatari della politica di Welfare: poiché come riporta McKinsley: "Vale la pena ricordare che introdurre o adeguare un piano di welfare non comporta per l'azienda necessariamente spendere più di quanto l'azienda già faccia, ma spendere meglio."
2. Ogni politica orientata al benessere dei dipendenti deve partire dall'ascolto dei loro rispettivi bisogni. Ecco allora che per avviare processi di Welfare aziendale c'è la necessità di affrontare il problema della diversità tra gli elementi che compongono il nostro organico, visto che "oggi molte delle aziende che offrono welfare spendono il 70% del budget su voci a cui i dipendenti – se potessero scegliere - allocherebbero solo il 20% delle risorse." (McKinsley, 2012). […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo della motivazione nell'azienda

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Zonta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Fabrizio Gerli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi