Skip to content

L'era virtuale - il fenomeno del sexting. Una ricerca empirica

Il fenomeno del sexting

Uno dei fenomeni esplosi conseguentemente al progresso dei nuovi media e del web è la controversa pratica del sexting.
Il "sexting" è stato spesso definito come una pratica di scambio di contenuti relativi ad atti sessuali e nudità, recentemente in voga tra gli adolescenti e i giovani adulti.
La "sessualizzazione della cultura" è diventato un importante argomento di interesse e anche di preoccupazione negli ultimi dieci anni (McNair, 2002; Gill, 2003; Dines, 2010). Questi termini sono stati utilizzati per catturare la crescente sensazione che le società occidentali sono diventate sature di rappresentazioni e discorsi sessuali, con la pornografia che permea sempre più la cultura contemporanea. "Celebrità" di questo ambiente sono diventati opinionisti, autori di bestseller; pratiche una volta tabù come la lapdance sono diventate mestieri rispettabili o attività di fitness (Cross, Richardson, Douglas, Von Kaenel-Flatt, 2009). Questo cambiamento di prospettiva ha comportato una variazione dei valori sessuali e delle pratiche legate alla sessualità: atteggiamenti più permissivi, proliferazione di testi erotici, nuove forme di esperienze sessuali.
Il fenomeno del sexting è stato ampiamente discusso e dibattuto dai mass media statunitensi a partire dal dicembre 2008, quando un sondaggio nazionale ha rilevato che il 20% degli adolescenti aveva praticato il sexting (National Campaign to Prevent Teen and Unplanned Pregnancy, 2008).
Il sexting è in genere visto come una crisi tecnologica, sessuale e morale. Eppure, come Livingstone (2008) ha sottolineato, l'interattività di Internet e dei media mobile offre non solo una serie di rischi, ma anche una serie di opportunità.
Anche se gli studi esistenti documentano la prevalenza del fenomeno tra i giovani adulti e le caratteristiche demografiche associate con il sexting, sono poche le ricerche sulla relazione tra sexting e comportamenti di salute comunemente collegati al sexting (ad esempio, la salute mentale, comportamenti sessuali).
Dal 2009, studi trasversali hanno esaminato la prevalenza di tale pratica tra gli adolescenti e YAs (Young Adults, "Giovani Adulti"). Più di recente, Lenhart (2009) ha rilevato che il 13% del campione tra i 18 e i 29 anni aveva mandato immagini di nudo, sessualmente esplicite, tramite cellulare e che il 31% aveva ricevuto messaggi di questo tipo. I ricercatori hanno anche scoperto che gli uomini hanno più probabilità di ricevere tali immagini (21%) rispetto alle donne (11 %), e che gli adulti americani di colore hanno più probabilità di ricevere messaggi di sexting rispetto ai bianchi (27% contro 12%).
Anche nel Regno Unito, Cross, Richardson, Douglas e Von Kaenel-Flatt (2009) hanno rilevato che uno su tre adolescenti britannici avevano ricevuto messaggi a sfondo sessuale. Negli Stati Uniti, nel 2009 Pew Internet ha rilevato, da un campione rappresentativo a livello nazionale di adolescenti proprietari di cellulari, che il 15% aveva ricevuto immagini di sexting, raffiguranti amici e conoscenti nudi o quasi nudi, e che il 4% aveva inviato questi messaggi (Lenhart, 2009). Questo si è verificato allo stesso modo per i ragazzi e le ragazze. Nel 2011 l’aggiornamento di tale ricerca (con un nuovo campione rappresentativo di adolescenti) non ha rilevato importanti cambiamenti: il 2% del campione aveva inviato un messaggio a sfondo sessuale, mentre il 16% aveva ricevuto questo tipo di immagini.
Recentemente, la pratica del sexting ha suscitato notevole preoccupazione per la legalità e la sicurezza (Diliberto, 2009; Katzman, 2010). Il sexting potrebbe portare a conseguenze negative per le persone coinvolte, tra cui imbarazzo, diffusione pubblica di foto a sfondo sessuale e persino conseguenze legali se le immagini ritraggono minorenni o persone contro la loro volontà.
Pur sottolineando i rischi connessi alla privacy, Hasinoff (2012) esamina lo scambio di "sext" (messaggi con contenuti a sfondo sessuale), soffermandosi in particolar modo sull’invio di materiale da parte delle adolescenti. Sebbene studi precedenti abbiano rilevato che per le ragazze il sexting sia un rischio maggiore che per i ragazzi (Draper, 2012) e che esse siano viste come irresponsabili e fuori controllo, piuttosto che facile preda dei "predatori virtuali" (Goldstein, 2009), Hasinoff dimostra che per le ragazze il sexting è un modo per comunicare, per dare e ricevere piacere, e una modalità di autoespressione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'era virtuale - il fenomeno del sexting. Una ricerca empirica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Carmen Lamonaca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Donata Francescato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi