Skip to content

Salute, diritto e cultura: l'ostetrica legale e forense nell'approccio alle mutilazioni genitali femminili

Che cos'è un reato culturalmente motivato

Il dibattito tra cultura e diritto si fa sentire ancor di più quando una persona proveniente da un Paese con un certo tipo di cultura e tradizione compie gesti ed azioni ritenuti reati nel Paese in cui immigra. Per questo tipo di crimini esiste un nome coniato ad hoc ovvero "reato culturalmente motivato" che definisce «un comportamento realizzato da un soggetto appartenente ad un gruppo culturale di minoranza, che è considerato reato dall'ordinamento giuridico del gruppo culturale di maggioranza. Questo stesso comportamento tuttavia, all'interno del gruppo culturale del soggetto agente è connotato, o accettato come comportamento normale, o approvato, o addirittura incoraggiato o imposto» (definizione tratta da "Immigrazione e reati culturalmente motivati" di Fabio Basile).

Le MGF rientrano a pieno titolo sotto questa tipologia di reati, poiché ritroviamo una situazione di conflitto tra una norma giuridica che vieta espressamente e punisce tale pratica e una norma culturale che invece la impone e addirittura stigmatizza le bambine che non vi si sono sottoposte.

Esistono due tipi di atteggiamenti giuridici opposti nei confronti dei reati culturalmente motivati che possiamo distinguere nel modello assimilazionista - integrazionista alla francese e il modello multiculturalista all'inglese.
Il primo modello prevede una sorta di assoluta uguaglianza formale dello Stato di fronte alle differenze culturali. In questo caso, quindi, la cultura di appartenenza non assume alcuna rilevanza giuridica: nel privato l'individuo è libero di seguire le proprie tradizioni, ma queste non devono emergere nella sfera pubblica.
Perciò davanti a reati che hanno basi culturali si applica sempre il diritto comune, a riprova della neutralità e laicità dello Stato.
Il secondo modello invece si fonda sul riconoscimento delle diversità culturali, così che l'appartenenza ad un gruppo etnico può costituire il presupposto di un trattamento giuridico differenziato. Questo modello impone la tutela delle minoranze, al fine di preservare una certa armonia razziale e un trattamento paritario con la maggioranza.

L'Italia non aderisce a nessuno dei due modelli precedentemente esposti, in quanto nel nostro Paese la politica nei confronti dell'immigrazione cambia con i governi. Si può però riportare che l'art. 42 del Testo Unico sull'immigrazione vieta ogni discriminazione diretta o indiretta a danno degli immigrati e riconosce importanza alla conoscenza e alla valorizzazione delle espressioni culturali. La Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione prevede l'accoglienza e la regolazione del fenomeno migratorio in un quadro di pluralismo culturale e religioso.
Nonostante questo, possiamo ritrovare anche delle Leggi atte a reprimere pratiche tradizionali non riconosciute all'interno del nostro Paese, basti pensare all'introduzione del nuovo reato di mutilazione degli organi genitali femminili all'art. 583-bis del codice penale. Va anche considerata la quota di immigrazione clandestina presente in Italia, nei confronti della quale lo Stato non riconosce alcun tipo di integrazione, ma anzi la vieta e prevede anche l'espulsione dell'immigrato clandestino qualora identificato.
In una visione più ampia, c'è anche da considerare la posizione dell'Unione Europea nei confronti dell'immigrazione e delle diversità culturali. Anche l'UE prevede con diversi trattati l'integrazione, l'uguaglianza, il rispetto per la dignità umana e vieta ogni forma di discriminazione basata sul sesso, la razza, l'etnia, la religione, le convinzioni personali, l'età o l'orientamento sessuale. Nell'art. 22 della Carta dei diritti fondamentali si legge che l'Unione rispetta la diversità culturale religiosa e linguistica.

Soffermandosi ora sul lato pratico della questione è importante analizzare alcuni casi italiani sul tema MGF, entrambi precedenti l'emanazione della Legge 7/06 "Disposizioni concernenti la prevenzione e il divieto delle pratiche di mutilazione genitale femminile".
Il primo caso risale al 1997, Tribunale di Torino: due genitori nigeriani sono stati imputati di lesioni personali gravissime per aver sottoposto la propria figlia di sei mesi ad un intervento di asportazione parziale delle piccole labbra e del clitoride.
Il Tribunale ha però provveduto ad archiviare le indagini, in quanto i genitori avrebbero sottoposto la figlia a pratiche di mutilazione genitale pienamente accettate dalle tradizioni locali (e parrebbe, dalle leggi) del loro Paese.
Il secondo è invece del Tribunale di Milano nel 1999: un immigrato egiziano è stato denunciato dalla moglie italiana per aver sottoposto la figlia di 10 anni ad un intervento di infibulazione durante una vacanza in Egitto. L'uomo, imputato per lesioni personali gravi, è stato condannato a due anni di reclusione con concessione della sospensione condizionale della pena e non menzione della sentenza.
In entrambi i casi, i Giudici sono stati indulgenti rispetto alla gravità del reato commesso su due soggetti minori. Non è quindi facile, neanche per il diritto, confrontarsi con temi così delicati e complessi, tanto che negli Stati Uniti è stata ideata una nuova locuzione per indicare la possibilità di permettere un trattamento giuridico differenziato per chi si macchia di un reato culturalmente motivato. Questo tipo di comportamento prende il nome di cultural defense.
Si tratta di una strategia difensiva che permetterebbe all'imputato di ottenere l'assoluzione o una pena più mite, in ragione della sua appartenenza ad una determinata cultura. Alcuni non si dichiarano d'accordo con questo tipo di approccio, mentre altri ritengono che rappresenti una soluzione al problema dei reati su base culturale. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Salute, diritto e cultura: l'ostetrica legale e forense nell'approccio alle mutilazioni genitali femminili

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Uboldi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di Primo Livello in Infermieristica e Ostetricia Legale e Forense
Anno: 2013
Docente/Relatore: Lore Lorenzi
Istituito da: Università degli Studi di Siena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi