Skip to content

La partita di calcio nella narrazione cinematografica

La partita come ruolo fondamentale o secondario all'interno della trama

Come ulteriore classificazione ho individuato i film che trattano il tema del calcio, approfondendo maggiormente quelli in cui la partita svolge un ruolo fondamentale, e successivamente prendendo in analisi anche pellicole che trattano argomenti diversi, ma in cui la partita di calcio assume comunque un valore importante per la trama.
Partendo da questo presupposto si può dire che le pellicole che ho analizzato nella mia ricerca seguono per la maggior parte delle storie che ruotano attorno al mondo del calcio.

Indubbiamente i film che maggiormente incentrano la loro trama unicamente attorno alla partita di calcio sono Fuga per la vittoria di John Huston, Due tempi all'inferno e Il terzo tempo tutti basati sulla storica "partita della morte" in cui essa rappresenta, all'interno della pellicola, l'unica possibilità di fuga in un campo di prigionia nazista. La partita di calcio assume in questo caso un valore di libertà.

Altre opere cinematografiche in cui il calcio viene trattato come tema principale sono Goal 1! - Il film e il suo seguito Vivere un sogno - Goal 2! la cui trama racconta la vita di un ragazzo messicano emigrato negli Stati Uniti che attraverso le partite di calcio riesce ad avere un riscatto dalla propria vita diventando un calciatore di successo. Un altro film dove la partita assume un significato di riscatto è Il mio sogno più grande che vede protagonista una ragazza che tenta in tutti i modi di poter realizzare il sogno del fratello morto in un incidente stradale proprio attraverso un incontro calcistico. Anche nelle pellicole italiane Ultimo minuto ed il quarto episodio del film 4-4-2 – Il gioco più bello del mondo intitolato Il terzo portiere la partita è veicolo di un messaggio per entrambi i protagonisti, che dopo una vita di fallimenti, riescono ad ottenere proprio attraverso essa la loro rivincita personale.

La partita diventa invece sinonimo di crescita personale e di scala valoriale nel film di diretto da David Evans Febbre a 90° in cui il protagonista ricollega ad ogni match della sua squadra del cuore, l'Arsenal, ogni accadimento importante della sua vita: il calcio in questa pellicola è l'argomento principale che riconduce ogni momento alla maturazione del protagonista.

Tratta invece temi riguardanti l'adolescenza la pellicola Jimmy Grimble, che racconta le paure e i problemi del giovane protagonista, e in questo caso la partita svolge il ruolo fondamentale per superare tutte le insicurezze e realizzare il suo sogno.
Anche nella pellicola Sognando Beckham tutto ruota attorno al tema del calcio e gli incontri calcistici diventano un elemento essenziale nella trama: l'integrazione nella squadra e le difficoltà di affermarsi in essa, a cui si associa anche la scelta dell'amore non consono alle tradizioni, diventa il chiave grazie alle quali i genitori di origini indiane della protagonista, riusciranno ad approvare il suo sogno di diventare una giovane campionessa e di conseguenza anche accettare la società nella quale ci si trovano a confrontare.
A dominare la trama del film Il grande match è anche in questo caso la partita, in particolare la finale dei mondiali di calcio del 2002 tra Brasile e Germania. Nella pellicola delle popolazioni marginali del mondo tenteranno in tutti i modi di assistere al match, con scene paradossali e stravaganti, facendo risaltare lo spirito di aggregazione di questo sport.

Un altro film che tocca il tema dell'unione è Mediterraneo di Gabriele Salvatores in cui la partita diventa un sinonimo di aggregazione fra i soldati italiani e la comunità locale. In questo caso la pellicola non tocca temi riguardanti il mondo calcistico, ma anzi riprende il contesto bellico della Seconda Guerra Mondiale, la partita si rivelerà comunque importante all'interno del film, tanto che nel corso della stessa arriverà la notizia della fine del conflitto. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La partita di calcio nella narrazione cinematografica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Oppizzio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Fabio Muzzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi