Skip to content

La Sindrome di Munchausen per Procura

La Vittima

Come tutte le vittime di violenza, quella della condotta abusante che caratterizza la Sindrome di Munchausen per Procura è spesso posta in secondo piano, per dare spazio all'autore sull'analisi del quale, sebbene la letteratura scientifica sia ancora quantitativamente lontana dall'essere soddisfacente, si sono concentrate le ricerche fino a questo momento considerate e grazie alle quali è stato possibile identificare e comprendere, non senza qualche difficoltà, le motivazioni che lo hanno spinto all'atto, approfondendo nella fattispecie lo studio della sua personalità e del contesto in cui è inserito.

Un'impostazione analoga non può invece essere seguita nel caso della vittima MSbP della quale i contributi analizzati si sono limitati a tracciare - in parte anche a causa della scarsa incidenza del fenomeno (0,4/100.000 bambini) - un profilo piuttosto generico. A differenza di altre forme di abuso, i precedentemente citati studi di Rosemberg (1987) e di Sheridan (2003) non hanno riscontrato una prevalenza di genere, anche se dal primo è possibile evincere che l'età media della vittima MSbP al momento della diagnosi è di circa 5 anni con un range che va da meno di un mese a diciassette anni circa (Ibid.).
Tuttavia individuare una condotta Munchausen a partire dall'esame obiettivo del bambino è un compito arduo e buona parte delle difficoltà sono ascrivibili a fattori etici e culturali che, almeno in un primo momento, inducono a non accettare l'ipotesi che esistano genitori capaci di procurare al proprio figlio sofferenze così efferate e persistenti come quelle inflitte da una madre MSbP. Non mettere in discussione quel background di valori e di principi che orientano il nostro agire e che sono così subdolamente distorti dal comportamento Munchausen è la principale causa che induce il medico a fidarsi delle parole materne - tanto accomodanti quanto ingannevoli - e a impegnarsi in una ricerca estenuante per lui e dolorosissima per il bambino.

In tale ottica sarebbe auspicabile che il clinico si adoperasse non solo per interpretare al meglio la sintomatologia riferita, ma anche per studiare le modalità cognitive e comportamentali sia del paziente - a meno che non sia ancora troppo piccolo - sia della madre, prestando inoltre particolare attenzione alle reazioni emotive di entrambi.
Pertanto, qualora i sintomi esposti non trovino riscontro all'esame obiettivo, è indispensabile cercare quelli di un ipotetico disagio psicologico, potenziali indicatori della Sindrome di Munchausen per Procura.

A tal proposito ritengo opportuno riportare i risultati di una ricerca condotta nei principali nosocomi veronesi per quantificare la percentuale di medici capaci di individuare la MSbP (Merzagora Betsos 2001). Nei novantadue questionari somministrati, metà a pediatri ospedalieri e metà a specialisti operanti in extra-moenia, la domanda concernente la conoscenza della condotta Munchausen era stata posta per ultima poiché si voleva capire se, anche senza sapere della sua esistenza, i medici si fossero imbattuti in casi simili. Dai risultati è emerso che, mentre solo il 46% dei liberi professionisti ne aveva sentito parlare, ben il 78% dei pediatri internisti sarebbe stato in grado di riconoscerla. Di questi tuttavia solo il 5% circa aveva affermato di essersi dovuto rivolgere alle forze dell'ordine, ma solo perché a partire dai segni riscontrati all'esame obiettivo del minore aveva ipotizzato una qualche forma di maltrattamento da parte dei genitori e non le conseguenze di una possibile condotta Munchausen.

L'esito della ricerca risulta quindi concorde con i dati inerenti la bassa incidenza della MSbP per il fatto che, come confermato dalla letteratura, non esiste una sintomatologia patognomonica che porti a una diagnosi inequivocabile. Tuttavia è possibile stilare una lista di quadri clinici e disturbi comportamentali potenzialmente correlabili a una condotta Munchausen e classificabili in due categorie: aspecifici a breve termine e specifici a lungo termine.[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Sindrome di Munchausen per Procura

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Genick
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Roberta Bisi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vittima
infermità
disturbo di personalità
autrice
violenza domestica
munchausen
seminfermità mentale
sentenza 9163/05 sezioni unite cassazione
sindrome di munchausen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi