Skip to content

La Primavera araba: cause e sviluppi

Espansione dei focolai rivoluzionari in altri Paesi arabi e ruolo dei social network

Le rivolte che si sono innescate in Tunisia a partire dal 2010 hanno dato avvio ad un processo che ha interessato gran parte dei Paesi nordafricani e mediorientali. Tra i Paesi coinvolti nella "Primavera araba" vi sono la Tunisia, l'Egitto, la Libia, l'Algeria, il Bahrein, la Giordania, fino ad arrivare allo Yemen e alla Siria.

Sebbene si sia trattato di fenomeni eterogenei e distinti da regione a regione, vi era tuttavia una matrice comune, ossia la volontà di rimuovere i radicati totalitarismi che dominavano da decenni i popoli di quelle terre, con la prospettiva, anche se non del tutto realistica, di poter dare avvio a dei processi di democratizzazione. Come si è potuto osservare dai casi della Tunisia e dell'Egitto precedentemente analizzati, non è stata la sola componente giovanile, mobilitata attraverso i social network e spinta dai nuovi mezzi di comunicazione, ad essere coinvolta, bensì la maggioranza della popolazione, accompagnata anche da partiti politici di ispirazione islamica, i quali si sono resi protagonisti delle vicende.
È bene comunque non sottovalutare la funzione che hanno avuto i nuovi social media. Questi, infatti, hanno giocato un ruolo determinante nelle comunicazioni, nel modo di relazionarsi tra cittadini, nella discussione e nello scambio di informazioni, idee e notizie, imprimendo a tali processi forme che, per la loro velocità, appaiono come assolutamente innovative nella storia.

Grazie alla capacità di sovvertire le tradizionali vie di comunicazione e facilitando il compito dei cittadini nel collaborare, coordinarsi e nel dare voce alle loro istanze, i social network sono stati utilizzati da manifestanti, attivisti politici e giornalisti per organizzarsi o per condividere contenuti, quali testi, immagini, brevi video, che altrimenti sarebbero stati censurati dai normali canali di informazione.

Quando si parla di social network, si fa espressamente riferimento soprattutto, sia per importanza mediatica sia per numero di utenti, a due siti internet in particolare, Twitter e Facebook. Il primo, fondato nel 2006, dà la possibilità ai suoi utenti di comunicare fra di loro al fine di scambiare e condividere informazioni istantaneamente, con messaggi, entro un massimo di 160 caratteri, definiti "Tweet", che significa "cinguettio". La sua straordinaria popolarità è testimoniata dagli oltre 200 milioni di account individuali che generano circa 190 milioni di Tweet al giorno e 1,6 miliardi di ricerche. Facebook è stato, invece, lanciato nel 2004. Questo canale consente agli utenti di creare un profilo personale tramite il quale è possibile interagire con i profili di amici e conoscenti, con la possibilità di creare gruppi di interesse organizzati secondo i criteri più disparati. Facebook è il più comune e popolare fra i social network utilizzati nel Mondo arabo, con un numero complessivo di utenti che si aggira intorno ai 30 milioni di persone. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Primavera araba: cause e sviluppi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Myriam Bourahla
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Mediazione linguistica e culturale
  Relatore: Giuseppe Contu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi