Skip to content

L'Italia verso l'Europa negli anni della ricostruzione (1947-1953)

I primi progetti europeisti

Agli inizi del 1948 i leader americani temevano che l'Europa occidentale fosse sul punto di crollare: il 25 febbraio i comunisti conquistavano il potere in Cecoslovacchia, il 20 marzo la delegazione sovietica abbandonava il tavolo delle discussioni quadripartite su Berlino, e nello stesso tempo quest'ultimi esercitavano pressioni sulla Finlandia affinché questa firmasse un trattato difensivo con Mosca, si faceva quindi sempre più probabile un attacco dell'Unione Sovietica in Germania. Gli Stati Uniti intuirono che le elezioni politiche italiane del 18 aprile rivestivano un'estimabile importanza: una vittoria comunista alle predette votazioni, infatti, poteva significare il crollo della democrazia in tutta Europa, mentre una sconfitta comunista avrebbe potuto causare un'azione militare sovietica. In caso di vittoria comunista in Italia, però, gli Stati Uniti avrebbero senz'altro subìto una demarcata perdita di prestigio, visto che i vertici italiani avrebbero sicuramente acceso una stretta collaborazione con l'URSS, e gli USA sarebbero stati costretti a rinunciare ad una Nazione strategicamente importante nella propria sfera d'influenza.

Per cercare di arginare il pericolo rosso, l'amministrazione Truman stanziò milioni di dollari a favore della DC e dei socialdemocratici, al fine di organizzare una massiccia campagna di propaganda contro la coalizione socialcomunista, che nell'Italia di quei tempi riscuoteva forti consensi e simpatie in tutta la penisola. Prefigurando una vittoria comunista, i leader americani elaborarono piani di emergenza per un intervento militare su ampia scala in caso di guerra civile in Italia e inviarono consiglieri militari ed equipaggiamenti alle forze di polizia. Gli Stati Uniti promisero aiuti economici e l'attuazione del Piano Marshall e riuscirono a ridurre le questioni che si ponevano al popolo italiano ad una serie di alternative: democrazia o totalitarismo, cristianità o ateismo, America o Unione Sovietica, abbondanza o carestia. La propaganda americana era ideata per far rimembrare al popolo le nefaste disgrazie a cui portò il ventennio fascista l'Italia e paragonarle, in un certo senso, a ciò che potesse accadere se nella penisola prendesse potere un altro partito totalitarista o comunque appoggiato economicamente e politicamente da una potenza come l'Unione Sovietica.

I rappresentanti del Governo americano decisero di impegnare crescenti risorse economiche e prestigio politico a sostegno della persona e dei programmi di Alcide De Gasperi, allora leader della DC. Tra il mese di maggio ed il mese di dicembre del 1947 De Gasperi rese i favori ricevuti dagli Stati Uniti estromettendo la sinistra dal Governo e procedendo ad una efficace politica di riforme economiche. I partiti di sinistra reagirono con estrema violenza, tanto da far presagire una guerra civile. Tra gennaio e aprile del 1948 i sondaggi circa il risultato elettorale predicevano una vittoria comunista, e gli USA cercarono di riparare organizzando un intenso ed efficace programma di attività di natura pubblica e segreta per cercare di sconfiggere le sinistre. De Gasperi era Primo ministro di un Governo decisamente instabile, i quali componenti non riuscirono a trovare accordi sul tema della ricostruzione. Con il peggioramento delle condizioni economiche, il malcontento popolare trovò espressione in rovinosi scioperi, in violenza di carattere politico, in episodi di ribellione da parte di ex partigiani. Vista la particolare situazione politica e le imminenti votazioni, De Gasperi fu invitato negli Stati Uniti per intrattenere colloqui con il Presidente Truman ed il segretario di Stato Byrnes: durante la breve permanenza (dieci giorni, dal 5 al 15 gennaio 1947) il Capo del Governo italiano portò a conoscenza i vertici americani di una lunga serie di interventi urgenti di natura economica cui lo Stato italiano aveva forte bisogno.

La stampa americana accolse De Gasperi con favore e sostenne un accresciuto aiuto economico all'Italia; egli ricevette un numero di piccoli ma utili prestiti e il Dipartimento di Stato sfruttò la visita come strumento al fine di conseguire da un riluttante Comitato Nazionale Consultivo sulla Politica Monetaria Internazionale e Finanziaria un prestito di 100 milioni di dollari della Export-Import Bank per l'Italia. I contatti avuti da De Gasperi con Truman ed i suoi principali collaboratori furono importantissimi, in quanto quest'ultimi assicuravano che un Governo stabile il quale avesse garantito che l'aiuto americano non venisse sprecato e che fosse in grado di proteggere gli interessi statunitensi, avrebbe contato sul sostegno degli Stati Uniti. Poiché l'Italia era considerata un elemento essenziale in qualsiasi progetto di stabilizzazione politica ed economica dell'Europa, gli USA cominciarono a pianificare la partecipazione dell'Italia a un ampio programma di ricostruzione economica europea. Nonostante gli aiuti americani, la traballante coalizione di Governo non riuscì ad avviare un serio programma di riforme, vanificando gli effetti dell'ausilio degli USA. De Gasperi, quindi, scrisse al Presidente Truman ribadendo la propria determinazione al fine di salvare il regime democratico in Italia e si offrì di rivedere e allargare il suo Governo di coalizione quale garanzia che l'aiuto americano sarebbe stato utilizzato nel modo più efficace. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Italia verso l'Europa negli anni della ricostruzione (1947-1953)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Di Benedetto
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Giuliano Caroli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dopoguerra
ricostruzione
de gasperi
bevin-sforza
progetti europeisti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi