Skip to content

Middle-Income trap: il caso di Singapore

Le caratteristiche dell'economia singaporiana

La crescita economica di Singapore è una storia di successo. Detta anche Lion city, Singapore, una piccola isola di soli 700 km2 con una popolazione di soli quattro milioni di abitanti nel censimento del 2000, è classificata fra le dieci economie più libere e più competitive del mondo. Nel 2006 è diventata il 13° più grande esportatore al mondo, mentre nel 2007 il più importante hub del mondo per la logistica. I dati statistici dell'economia singaporiana parlano chiaro.
Secondo le statistiche del Fondo Monetario Internazionale (FMI), nel 2013 il PIL pro capite nominale di Singapore è stato di 52917,95 dollari statunitensi posizionando la città-Stato al 9° posto su 179 paesi per livello di PIL pro capite. In termini di parità di potere d'acquisto Singapore ha raggiunto il 3° posto della classifica mondiale, superando tutti i paesi più ricchi tranne il Qatar e il Lussemburgo.
Tra il 1960 e il 1999 il PIL di Singapore è aumentato più di tredici volte: basti pensare che, quando Singapore ottenne l'indipendenza il suo PIL pro capite in termini nominali corrispondeva soltanto al 14% rispetto a quello degli Stati Uniti, mentre già nel 1990 il suo PIL aveva raggiunto il 54% e successivamente nel 2006 il 70% (K. Ali Akkemik, 2008).
Nel 2008-2009 il tasso di crescita è diminuito bruscamente a causa della crisi finanziaria globale e dell'incertezza nella domanda per esportazione. Ci sono stati bassi livelli di inflazione pari a circa il 2 % l'anno, tranne nel 1970, quando è salito al 5,8 % annuo, dovuto principalmente alla crisi petrolifera e alle tendenze inflazionistiche delle economie occidentali. Un ambiente macroeconomico stabile con un basso tasso d'inflazione hanno creato un ambiente favorevole per prospettive di business a lungo termine nella pianificazione delle strategie di crescita. Dal 1965 in meno di tre decenni l'economia singaporiana è cambiata radicalmente trasformando Singapore da emporio tradizionale commerciale in un centro economico nevralgico in tutta l'Asia Orientale. Dal 1995 Singapore è diventato il secondo paese in Asia dopo il Giappone a essere classificato dall'OCSE come una "developed economy".
A differenza di molti altri paesi in via di sviluppo contemporanei, Singapore date le sue piccole dimensioni manca di risorse naturali e quindi di una base agricola, ma la visione lungimirante del governo ha fatto in modo che la città-Stato si specializzasse in prodotti manifatturieri di alta qualità e porsi come porto franco nel Sud-Est asiatico. Dopo l'indipendenza nazionale, l'esperienza economica della città-Stato si è rivelata essere totalmente difforme dalle altre economie asiatiche. Il dualismo economico riscontrabile in molte economie asiatiche ha preso una forma diversa a Singapore. Da un lato, vi sono le grandi multinazionali straniere tecnologicamente avanzate dall'altro, invece, le imprese nazionali che comprendono sia quelle a proprietà statale (SOEs-GLCs) sia le imprese locali che sono in gran parte di piccole dimensioni.
Le imprese locali operano principalmente come subappaltatori per le MNEs e le GLCs, ed essendo dominate dalle grandi multinazionali straniere hanno contribuito poco al processo d'industrializzazione dell'isola. Questo perché fino al 1985 il governo ha mostrato scarso interesse nei loro confronti e ha sostenuto con molta più enfasi le grandi industrie straniere. È solo con la recessione nel 1985 che assistiamo a un cambiamento da parte del governo a favore di politiche volte alla promozione e alla riqualificazione della piccola industria locale. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Middle-Income trap: il caso di Singapore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Serena Savastano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Pietro Masina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ide
singapore
miracolo asiatico
middle-income tra
flying geese model
multi-layered subcontracting system
divisione regionale del lavoro asiatica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi