Skip to content

Cartografia e turismo letterario: il caso di Mosca

Tolstoj: tra Mosca e Jasnaja Poljana

Nel corso della sua lunga vita Lev Nikolaevič Tolstoj visse in molte città; nacque nel 1828 nella tenuta della madre, Jasnaja Poljana; vicino alla città di Tula. Studiò a Kazan' (1844-1847) non riuscendo a terminare gli studi universitari; si recò alcune volte nella capitale San Pietroburgo e fece molti viaggi all'estero: visitò Berlino, Parigi, Genova, Torino, Dresda, Firenze, Londra e Roma e molte altre città europee. Immancabilmente, però, tornava sempre a Mosca; i suoi biografi dicono che ci è tornato per circa 150 volte nel corso della sua esistenza: la prima volta che lo scrittore vide la città fu nel 1837, l'ultima nel 1909.

Il rapporto di Tolstoj con la città cambiò negli anni, dal periodo dell'infanzia alla vecchiaia; ciò nonostante una grande parte della sua opera è legata a Mosca. Nei suoi romanzi e racconti Mosca è l'immancabile luogo della narrazione, come in Guerra e Pace, Anna Karenina e I Cosacchi. Ad alcune opere ha lavorato mentre soggiornava nella città: Resurrezione, Il cadavere vivente. Infine la trilogia Infanzia, Adolescenza, Giovinezza riproducono molti episodi della vita moscovita dello scrittore.

Prendiamo velocemente ad esempio il romanzo storico Guerra e Pace (Война и мир); nonostante l'incendio di Mosca abbia cambiato il volto della città, alcuni degli edifici descritti nel corso della narrazione sono arrivati fino ai giorni nostri. Alcuni di questi vengono menzionati apertamente dallo scrittore, mentre altri sono stati ricavati dagli studiosi. Il romanzo riporta fatti realmente accaduti in luoghi realmente esistiti, facili quindi da mappare nella città, come per esempio il pranzo in onore di Bagration, avvenuto nel Club inglese che all'epoca si trovava nel Palazzo di famiglia Gagarin. Facilmente identificabili sono anche le abitazioni del generale-governatore di Mosca Rostopčin (ulica Bolšaja Lubjanka), quella dei Bolkonskij (ulica Vozdviženka), e quella della famiglia Rostov. Alcune leggende letterarie relazionano la villa del conte Rostov con una tenuta di un'usad'ba che si trova nel centro della città (ulica Povarskij); proprio per questo motivo nel cortile dell'abitazione è stata posta, nel 1956, una statua di bronzo raffigurante Tolstoj.

Il famoso scrittore conosceva la città molto bene; spesso quando vi si recava per motivi di lavoro faceva lunghe passeggiate per poi soggiornare in alberghi (molti dei quali si sono conservati come Pariž vicino a Kuzneckij Most o Ševaldyševa all'angolo tra Tverskaja Kozickij pereulok) o da amici. Lo scrittore si recava molto spesso al Cremlino dove viveva la famiglia della moglie, la famiglia Bers; il padre della sua fidanzata e futura moglie Sof'ja Andreevna (i due si sposarono nel 1862) era il medico di palazzo.

Grazie ai numerosi studi effettuati in questi anni sulla figura di Tolstoj e al diario personale che egli stesso scrisse dal 1847 fino alla fine della sua vita, sono conosciuti numerosi dettagli della sua vita a Mosca e molti dei suoi indirizzi in città. Tuttavia, ben pochi sono giunti fino ai giorni nostri.

Per fortuna non è il caso dell'usad'ba di Xamovniki (si trova nel centro di Mosca, in una via che è stata rinominata in suo onore); qui lo scrittore visse con la sua famiglia nei periodi autunnali e invernali dal 1882 al 1901, durante l'estate la famiglia Tolstoj tornava a Jasnaja Poljana, e vi compose molte delle sue opere. Fu quasi costretto ad acquistare questa casa, quando la moglie gli fece notare che per il bene dell'educazione dei figli sarebbe stato meglio abitare in città; così lo scrittore si occupò personalmente dell'affare. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cartografia e turismo letterario: il caso di Mosca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Saviolo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e letterature europee e americane
  Relatore: Tania Rossetto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cartografia
mosca
bulgakov
turismo letterario
geografia letteraria
literary gis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi