Skip to content

La Disciplina dell'Istituto del TRUST nella comparazione tra Ordinamenti Tributari Moderni

Ordinamenti Oltreoceano

1. Nuova Zelanda
La nuova disciplina entrata in vigore in ottobre 2006 ha rivisto il regime dei trust esteri nell’aprile 2006, dopo anni di proposte e dibattiti.
Il trust estero è soggetto a tassazione soltanto sul reddito prodotto all’interno. Questa circostanza, unita al fatto che la Nuova Zelanda non è considerata generalmente un paradiso fiscale, ha reso particolarmente appetibile l’utilizzo del trust neozelandese. I mutamenti più significativi nella disciplina del trust consistono nell’introduzione di obblighi di registrazione e di informazione del trustee, pena la perdita del beneficio fiscale sopra descritto.

La legge prevede due tipologie di trustee:

- resident foreign trustee: è un trustee di un trust estero non caritatevole che è residente fiscalmente in Nuova Zelanda. Se un trustee appartenente a questa categoria è condannato per la violazione degli obblighi di registrazione e segnalazione introdotti dalla legge, è soggetto a sanzioni penali e il trust diviene soggetto alle imposte neozelandesi sul reddito ovunque prodotto;

- qualifying resident foreign trustee: oltre ad avere i requisiti della precedente categoria, si caratterizza per appartenere ad una struttura organizzata I cui membri sono soggetti ad un codice di condotta e offrono professionalmente questo tipo di servizi. Se la violazione di cui sopra è posta in essere da un trustee appartenente a questa categoria, ferme restando le sanzioni penali in capo allo stesso, il trust non perde i benefici fiscali.

2. Bermuda
L’isola di Bermuda è ritenuto fra i più attivi centri delle attività offshore, specialmente nel campo assicurativo e dei fondi di investimento. Fra le più antiche colonie inglesi, Bermuda appartiene a quegli ordinamenti, come Bahamas, Barbados, Belize, British Virgn Islands e Cayman Islands, che hanno ritenuto necessario introdurre radicali innovazioni alle regole sul trust, da essi ricevute legislativamente durante il periodo coloniale. Per mezzo di due leggi del 1989 e una del 1994 la materia del trust è stata ampiamente rivista. I maggiori contributi di Bermuda al modello del trust internazionale riguardano la riproduzione di talune norme della Convenzione dell’Aja del 1985 (dalla definizione di trust ai criteri di individuazione della legge regolatrice del trust), le disposizioni relative alla capacità di istituire un trust, ai limiti di applicazione della legge straniera richiamata dalle norme locali di diritto internazionale privato, e alla nuova definizione dei trust di scopo, liberalmente ammessi.

3. Antigua
L’isola di Antigua è fra i pochissimi Stati al mondo che effettivamente non prevede alcuna forma di imposizione fiscale sul reddito, tranne che sul reddito di impresa; non conosce l’imposta di successione o di donazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Disciplina dell'Istituto del TRUST nella comparazione tra Ordinamenti Tributari Moderni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta De Cesare
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Economiche e Bancarie
  Relatore: Maria Assunta Icolari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi