Skip to content

La valutazione d'azienda con i multipli di mercato

L'Organismo Italiano di Valutazione

Recentemente presso l'Università Bocconi è nato un Organismo di valutazione (OIV) che è nato dalla applicazione degli standard setter internazionali e da un aumento degli studiosi che si occupano della valutazione delle aziende. La costruzione di un organismo di derivazione professionale preposto in modo specifico all'emanazione di standard di valutazione, non soltanto è stata considerata la naturale risposta alle nuove e diverse competenze rispetto al passato, ma di "espropriare" all'area contabile, e agli organismi che ne promanano le principali regole, il tema delle valutazioni strumentali all'impairment test, su cui è stato creato anche l'Exposure draft. L'OIV ha tre obiettivi:
• Emanare gli standard italiani di valutazione e per questa via migliorare la qualità delle valutazioni;
• Partecipare al dibattito internazionale dando voce alle migliori professionalità del nostro paese nel campo della valutazioni;
• Essere riconosciuto dal legislatore domestico come imprescindibile punto di riferimento.

In un momento storico in cui le sfide alla valutazione vanno crescendo e l'uso delle valutazioni va ampliandosi su base globale è necessario diffondere e promuovere principi in grado di accrescere la qualità e la professionalità degli esperti. Alla base di tutto ciò vi sono una serie di mutamenti riconducibili a:
• Sviluppo dell'internazionalizzazione;
• Nascita di nuovi sofisticati "prodotti finanziari";
• Crescente peso dei beni intangibili;
• All'irruzione delle "valutazioni" nella contabilità seguita dalla valanga di dettagliatissimi principi che i regolatori internazionali hanno imposto;
• Al progresso delle teorie finanziarie con componenti matematico- qualitative sempre più spinte;
• Ai cambiamenti rilevanti intervenuti nelle norme civili.

L'impegno a mantenere la qualità della valutazione è fondamentale, in questo modo è possibile eliminare i rischi e le incertezze nella valutazione in una fase di crisi così profonda come quella che stiamo vivendo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La valutazione d'azienda con i multipli di mercato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pasquale Brancaccio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Roberto Maglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi