Skip to content

Fund Brand

Il Brand nel risparmio gestito

Il modo di vedere il brand della "Società di ricerca XYZ" si basa strettamente sulla percezione del cliente. Per il cliente, il brand è un accumulo di esperienza e percezione negli anni. Il suo effetto, in altre circostanze potrebbe essere chiamato Avviamento.
Le caratteristiche del prodotto conducono il consumatore nel processo di selezione e la scelta finale è spesso influenzata dalla fiducia in un brand ben affermato. Ciò che distingue la marca, a sua volta, fa si che le industrie mantengano una struttura del prezzo più alta, piuttosto che nei settori delle commodity la marca può quindi portare un importante contributo al successo del business.
Le stesse regole sono più difficili da applicare nei fondi di investimento ma con 35000 fondi è sempre la marca che gioca un ruolo fondamentale. La Società di ricerca XYZ utilizza molte delle metodologie standard della misurazione della marca, ma queste metodologie devono essere analizzate e comprese nel contesto delle grandi differenze che esistono fra il risparmio gestito e i brands del consumatore e cioè:

1. Intermediazione - i consulenti decidono.
Secondo i dati Lipper, circa due trilioni di euro sono investiti in fondi a lungo termine che sono intermediati da consulenti esterni. Sono proprio tali consulenti responsabili per la scelta dei fondi che poi andranno a formare i portfolios dei loro clienti. L'opinione dei consumatori finali gioca un certo ruolo e il loro modo di vedere si rifletterà nelle percezioni dell'intermediario. La classifica della Società di ricerca XYZ è basata sulle percezioni di tali intermediari.

2. Focus sul risparmio gestito.
Normalmente gli attori delle grandi banche sono visti come gli attori principali in tema di gestione del risparmio, e infatti, se si fa un sondaggio tra i consumatori anche questi metteranno prima i nomi delle grandi banche e poi i nomi degli asset manager. Tuttavia, la classifica della Società di ricerca XYZ si basa su marche che sono state selezionate da selezionatori esterni e quindi gli attori bancari tendono ad avere un ruolo minore all'interno di tale classifica.

3. Le caratteristiche di vendita o di cessione.
Uno dei prerequisiti dell'accordo dei contratti per acquisizione di un fondo è quello che il fondo possa essere rivenduto. Questa caratteristica di vendita e cessione non è basata sulla qualità del prodotto. Un fondo può essere scambiato perché non ha avuto una buona performance o per permette agli investitori di fissare i profitti. Una reputazione della marca forte può, quindi, non equivalere a grandi vendite. Lo scambio è sempre una caratteristica del settore ma le marche con un forte valore fanno si che i gruppi gestiscano meglio il patrimonio nei cicli non virtuosi e recuperino più velocemente quando il ciclo diventa virtuoso.

4. Driver di perfomance.
La performance del fondo resta uno degli elementi fondamentali nel processo di selezione ed ha la capacità di creare un nuovo brand; tuttavia, un gruppo che si basa solo sulla performance del fondo è vulnerabile a una perdita di patrimonio quando il ciclo cambia (da virtuoso a non). Tali gruppi devono portare avanti un servizio di offerta che vada oltre la performance del prodotto.

5. Locale o oltre la frontiera?
La distribuzione ha luogo a livello di un singolo paese. Ci sono diverse piattaforme pan-europee o di distribuzione globale, ma anche tra queste le decisioni sul prodotto tendono ad esser fatte a livello locale e quindi riflette il modo di pensare nazionale. Le classifiche del brand per ogni paese evidenziano queste preferenze locali; tuttavia, la classifica paneuropea della Società di ricerca XYZ ha un focus sul transfrontaliero che include solo quei gruppi che hanno una presenza evidente nella maggior parte, almeno 4, dei mercati chiave europei. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fund Brand

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Taddei
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giuseppe Galloppo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marchio
brand
marca
brand equity
regressione multipla
componenti e funzioni del brand
metodi di valutazione della brand equity
brand nel risparmio gestito
attributi del brand
regressione lineare semplice

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi