Skip to content

Il processo formativo e il bilancio sociale. Dalle conoscenze alle competenze. Dal monitoraggio al bilancio sociale

Il Bilancio sociale nella scuola dell'Autonomia

Sintetizzando quanto esposto nel precedente paragrafo è possibile affermare che esistono due approcci opposti alla valutazione della qualità di scuole e insegnanti. Da un lato è possibile collocare i processi e i modelli di accountability educativa che si basano sulla misurazione dei risultati degli studenti l'attivazione di processi di miglioramento nelle scuole, a cui fanno riferimento anche quelli attivati dal MIUR. Dall'altro, collocare l'approccio incentrato su percorsi di autovalutazione degli insegnanti coadiuvati da esperti.
Mentre l'approccio incentrato su una valutazione calata dall'alto può comportare effetti indesiderati sul lavoro di insegnanti ed educatori, la riflessione e la discussione avviata dagli insegnanti sulla base dei risultati e dei processi di un percorso di autovalutazione possono stimolare il miglioramento educativo.
Riassumendo quanto illustrato in merito al progetto VSQ, si ricorda che in un breve lasso di tempo la valutazione delle scuole e degli insegnanti, in Italia, è stata oggetto di due rilevanti documenti: il primo, presentato dall'INVALSI, è risalente al dicembre del 2008, mentre il secondo, la Proposta di progetto sperimentale del MIUR per valutare le scuole e per premiare gli insegnanti meritevoli, è datato novembre 2010.
Le due proposte assegnano un ruolo determinante alla misurazione del "Valore Aggiunto", ossia dell'incidenza dei singoli istituti sul miglioramento degli studenti e sui loro apprendimenti, rilevati attraverso la somministrazione di prove standardizzate a cura dell'INVALSI.
L'idea alla base delle proposte è quella di incentivare processi di miglioramento nelle scuole premiando (con un incentivo fino a 7.000 euro) quelle che evidenziano i miglioramenti più significativi nelle prestazioni degli studenti.
La logica di tali sistemi di accountability si basa sulla pretesa attivazione, in un sistema di premi e sanzioni, di meccanismi di miglioramento nelle scuole in seguito alla pressione esercitata dalla concorrenza degli altri istituti.
Rispetto all'utilizzo di tali sistemi è stato evidenziato in primo luogo, un problema legato alla validità di contenuto delle prove, che fanno riferimento esclusivo a risultati scolastici di tipo cognitivo e tendono a concentrarsi su un numero ristretto di conoscenze (rilevate, nel caso delle proposte presentate da MIUR e INVALSI, per mezzo di prove oggettive).
Così come è stato sottolineato come l'impiego di misure tanto parziali e riduttive, a fronte di un'elevata posta in gioco, comporti lo schiacciamento della didattica sulle sole conoscenze oggetto di misurazione e l'addestramento degli studenti rispetto alla forma delle prove da affrontare (teaching to the test).
È stato anche rilevato che la definizione dell'efficacia degli educatori sulla base dei miglioramenti nei risultati degli allievi pone problemi di validità del costrutto. Addossare agli insegnanti tutta la responsabilità delle variazioni nel rendimento degli studenti non aiuta di per sé a chiarire quali siano le caratteristiche degli insegnanti e delle scuole efficaci.
Una conseguenza rilevante è che la scelta di incentrare la valutazione dell'efficacia scolastica sul Valore Aggiunto non consente automaticamente agli educatori di individuare quali elementi del proprio lavoro li hanno portati ad aggiungere o a togliere valore alla preparazione degli studenti.
Conoscere la posizione della propria scuola in una graduatoria di efficacia non aiuta, di per sé, uno staff educativo a migliorare le proprie prestazioni, anche in presenza di un sistema nel quale gli istituti siano messi in concorrenza tra di loro.
In tali contesti la misurazione non nasce e confluisce nella valutazione ma assume un ruolo egemone, inibendo la ricerca di altre rilevanti informazioni, utili a informare il giudizio sul lavoro degli insegnanti.
Con ciò, viene messa in discussione la capacità di tali modelli di accountability di incidere positivamente sul lavoro dei docenti, promuovendo la consapevolezza del ruolo che essi esercitano nella promozione della crescita (non solo cognitiva) degli studenti e incentivando percorsi di autovalutazione scolastica che consentano ai colleghi di un istituto di agire come un'organizzazione che apprende. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il processo formativo e il bilancio sociale. Dalle conoscenze alle competenze. Dal monitoraggio al bilancio sociale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Corrado Izzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze pedagogiche
  Relatore: Poalo Orefice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 399

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

monitoraggio
bilancio sociale
riflessività
valutazione di sistema
e. morin
schon
transdisciplinarietà
processo formativo complesso
progetto vsq
auto etica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi