Skip to content

«In principio è la relazione»: la filosofia dialogico-relazionale di Martin Buber e il suo contributo alla riflessione pedagogica contemporanea

La filosofia dialogico-relazionale di Buber: Azione educativa nel 'qui e ora'

Il pensiero dialogico di Buber, per come descritto e delineato finora, presenta numerosi e importanti risvolti in campo educativo e pedagogico, mostrandosi anche in grado di rielaborare e sintetizzare in modo originale - di far dialogare - discipline e presupposti teorico-filosofici a volte in 'guerra' tra loro.
Basti pensare a Hegel in 'dialogo' con Kierkegaard e Nietzsche, agli spunti tratti dall'idealismo che si uniscono a influenze dello storicismo tedesco, a un pensiero essenzialmente anti-metafisico che incontra la tradizione chassidica ebraica, fino ad arrivare alla tradizionale (spesso forzata e illegittima) contrapposizione tra teoria e prassi, tra filosofia come sapere astratto e educazione come agire concreto, una delle tante contrapposizioni che Buber tentò - ritengo con successo - di sanare.
L'originalità del pensiero dialogico di Buber, la ricchezza dell'humus storico-filosofico-culturale da cui sorse e dei frutti che tale pensiero ha portato in campi del sapere molto eterogenei (filosofia, psicoterapia, scienze della comunicazione, sociologia, politica, studi biblici e teologia, fino alla pedagogia e all'educazione oggetto di questa dissertazione), oltre alla capacità di sintetizzare e unire in modo creativo contributi teorici molto diversi tra loro, hanno fatto sì che questa figura quasi 'profetica' sia stato definito di volta in volta come un filosofo sui generis , un teologo, un mistico, un maestro, un sionista e un erudito biblico.
Fedele fino in fondo alla sua visione di se stesso, della vita e della filosofia, Buber rifugge dunque dagli schematismi e dai tentativi di inquadramento della sua persona e del suo pensiero entro un sistema rigido e assoluto, anche nelle definizioni.
Situati all'interno di un crocevia storico e culturale inserito nel XX secolo, radicato nel XIX e teso al XXI, l'opera e la vita dialogica di Martin Buber ci offrono un esempio attualissimo e rilevante di dialogo e di superamento proattivo dei conflitti attraverso l'ingresso intenzionale e consapevole in relazioni e incontri autentici con la realtà concreta (interumana, naturale e Divina) che circonda l'uomo hic et nunc. Tutto questo senza idealismi astratti e a-storici, senza infingimenti, volontà di dominio o di possesso oggettivante dell'Altro.
Il fine è attuare la piena e migliore realizzazione delle potenzialità (richiamando l'entelechia aristotelica) di tutte le persone coinvolte in relazioni trasformative, attraverso il riconoscimento reciproco, l'inclusione, la conferma dell'Altro, la piena presenza di sé, l'azione umanamente e socialmente etica, la co-costruzione di una comunità dialogica e pacifica.
Lo svolgimento, da parte di Buber, di una riflessione filosofica così densa di significati (esposta peraltro in un linguaggio spesso vividamente poetico e suggestivo) in un'epoca caratterizzata come nessun'altra da guerre e contrapposizioni aspre e distruttive, non può che riecheggiare e richiamarci con forza e senso di urgenza anche nella nostra epoca, nel nostro peculiare momento storico, similmente caratterizzato da conflitti, tensioni, incomprensioni, insicurezze, crisi diffuse e strutturali che investono il singolo, la comunità locale e il contesto globale.
Dinanzi a questa realtà, tanto nel XX secolo quanto nel XXI, nessun soggetto sociale può concedersi il lusso di restare indifferente o passivo, tantomeno gli attori principali del processo educativo – primi fra tutti la famiglia (genitori) e la scuola (pedagogisti e educatori) che ne costituiscono la parte più responsabile – l'unico terreno dal quale è davvero possibile e dunque necessario ripartire, al fine di risolvere un presente inaccettabile e al quale non ci si può rassegnare. La proposta buberiana per una «utopia necessaria», un'educazione diversa fondata sul dialogo, sulla reciprocità e sull'incontro libero e responsabile, fa sentire il suo pressante appello rivolto a tutti coloro che desiderano ascoltarlo, allora come oggi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

«In principio è la relazione»: la filosofia dialogico-relazionale di Martin Buber e il suo contributo alla riflessione pedagogica contemporanea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Palmieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Mario Longo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi