Skip to content

La radio tra il digitale e il web: da ambiente a contenuto

Non solo la Tv: fine di un complesso di inferiorità

Come visto finora, la radio ha compiuto (e continua tuttora a compiere) un lungo percorso che l'ha portata a cambiare più volte l'orizzonte di fruizione. Questo percorso l'ha costretta a convivere e scontrarsi con altri media, muovendosi in un panorama comunicativo sempre più affollato e opprimente, nel quale fenomeni di concorrenza tra un mezzo e l'altro, e di cannibalismo di formati comunicativi da parte di media emergenti ai danni dei più vecchi, sono stati il suo pane quotidiano. C'è stato un tempo, quello in cui ancora non esistevano altri media domestici audiovisivi, durante il quale si poteva pensare che la pratica di massa di ascoltare la radio fosse non tanto una scelta quando un ad ascolto per necessità, destinato a decadere con l'avvento della televisione in ogni caso. Con tale pensiero, si voleva implicitamente intendere che la Tv, mezzo sia audio sia video, fosse più evoluta, più complessa e completa, più moderna della radio e quindi destinata a soppiantarla, costringendola in un qualche angolo oscuro della casa e nei ricordi delle persone. Al momento della sua grande affermazione, peraltro, la televisione ha cercato, e in parte realizzato, un effetto di sostituzione del ruolo della radio all'interno del focolare domestico. Fu un'operazione prima di tutto culturale e politica, prima ancora di uno studiato piano di marketing. Fine ultimo, affermare una modernità che proprio in quegli anni (mi riferisco agli Stati Uniti dell'immediato post conflitto mondiale, dell'Italia del boom economico) accompagnava passaggi importanti: quello dall'agricoltura all'industria, dalle campagne alla città, degli spostamenti a piedi a quelli in automobile, e da una parentesi di neutralità a un più forte ruolo di controllo della DC sulla Rai. 
Proprio questi settori più moderni del partito misero in piede un'azione culturale in grande stile. Le indagini statistiche promosse dalla Rai sostenevano che il 100% delle famiglie dotate di radio e di televisione abbandonava la prima, per trascorrere le proprie serate davanti alla seconda. […]
La conseguenza di ricerche come questa, e del clima culturale di quegli anni, rese inevitabili l'effetto di sostituzione della televisione sulla radio, provocando negli ambienti radiofonici un complesso d'inferiorità difficile da smaltire, e che è stato ombra inquietante sulla radio per diverso tempo. Per liberarsene, questo medium ha dovuto in un certo senso reinventarsi, cambiare funzione sociale, uscire dai salotti delle case in cui ormai la televisione calamitava le attenzioni dei presenti, per raggiungere una dimensione più libera: quella delle autoradio, della musica dei giovani. Ovvero, la dimensione della radiofonia privata. Era un processo impossibile da condurre all'interno della Rai, dove la coabitazione con l'ingombrante apparato televisivo, divenuto oggetto di attenzioni, politiche e sociali, di finanziamenti, l'aveva ormai relegata in una condizione di umiliante minorità ma allo stesso tempo di gigantismo impacciato (per il numero di professionisti impiegati, per la grandezza delle strutture, per la quantità di ripetitori utilizzati) da prolungarne il senso d'inferiorità. Questo complesso ha provocato all'interno della concessionaria radiotelevisiva Rai dei veri e propri effetti paralizzanti. Per questi motivi, la radio pubblica ha faticato ad acquisire una cultura più moderna del flusso radiofonico, patrimonio invece della radiofonia privata. È a questa che si deve la decisiva innovazione di formati e contenuti radiofonici, contrariamente a quanto avvenuto in televisione, dove sono state le emittenti nazionali le vere importatrici di contenuti e format dall'estero. Proprio grazie alle emittenti private, si è anche potuta confutare la teoria dell’ascolto per necessità, ossia limitato ai momenti in cui era impossibile accedere al mezzo televisivo. Non è un caso se anche la letteratura sulla radio, prima dell'emittenza privata quasi assente o interessata solo a ricostruzioni storiche, ha registrato un nuovo sviluppo negli anni Novanta, in concomitanza con l'ascesa dell'ascolto complessivo e l'affermazione definitiva delle radio private nazionali. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La radio tra il digitale e il web: da ambiente a contenuto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Serafini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Daniele  Silvi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi