Skip to content

Valutazione della composizione corporea in un gruppo di soggetti anziani dopo sei mesi di attività fisica in piscina termale ed in palestra

La composizione corporea nell'adulto anziano

In generale dopo i 60 anni di età si assiste a cambiamenti nella composizione corporea; il contenuto di acqua presente nel corpo è soggetto a variazioni legate allo stato di nutrizione, all'attività fisica svolta e all'eventuale presenza di patologie. L'acqua corporea totale tende a diminuire pur restando costante la sua percentuale nel peso corporeo. Ciò si verifica come risultato della riduzione dei fluidi intracellulari e della perdita di massa cellulare. Le variazioni nella massa magra che si manifestano con l'invecchiamento, sono determinate anche dalla riduzione di micronutrienti quali calcio e potassio (Baumgartner et al., 1991).
Nei soggetti anziani, si riscontrano frequentemente problemi legati allo stato di nutrizione, perciò è utile valutare la composizione corporea mediante metodiche come la bioimpedenziometria elettrica che per praticità e peculiarità intrinseche si dimostra un ottimo strumento.

I cambiamenti fisiologici riguardanti la composizione corporea nel soggetto anziano consistono in un aumento della massa grassa, soprattutto a livello della regione addominale, che rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo di patologie cardiovascolari (Poehlman et al., 1995) e disturbi metabolici (Bertrais et al., 1999). La massa muscolare, ed in generale la massa magra, invece tendono a diminuire, determinando una perdita di forza muscolare ed un aumento della morbilità e mortalità (Heitmann et al., 2000). La perdita di massa magra dovuta all'invecchiamento spesso è mascherata da un aumento di massa grassa che mantiene stabile il peso corporeo (Gallagher et al., 2000). Basarsi solamente sulla misurazione del peso corporeo e del BMI può quindi condurre ad errori di valutazione in quanto pur non essendo soggetto a variazioni nel suo valore complessivo possono esserci variazioni nelle sue componenti. Massa magra e massa grassa possono essere valutate in modo attendibile nei soggetti anziani attraverso la misura dell'impedenza corporea (Houtkooper et al., 1996). Tuttavia pur essendo la BIA uno strumento affidabile occorre fare attenzione nel suo utilizzo, soprattutto nei confronti di coloro che risultino in stato di denutrizione o in sovrappeso.

Attraverso l'analisi dei parametri di resistenza, reattanza ed angolo di fase forniti dalla BIA, è possibile ottenere informazioni riguardanti lo stato di idratazione dei tessuti e sull'integrità delle cellule (Norman et al., 2007). La disidratazione rappresenta infatti uno dei più comuni disturbi relativi alla distribuzione dei fluidi che può portare ad aumenti nella morbilità e mortalità, così come lo squilibrio delle componenti nutrizionali e cellulari che possono verificarsi come conseguenza della malnutrizione o della sarcopenia.

Nello studio di Norman et al., (2007) si è voluta indagare l'eventuale associazione tra stato nutrizionale e funzionale ed impedenza misurata tramite BIA in un gruppo di soggetti di età superiore ai 70 anni. Oltre a confermare la stretta correlazione tra stato nutrizionale e funzionale, è stato dimostrato che esistono significative correlazioni tra angolo di fase e stato nutrizionale dei soggetti.

Il Metodo BIA quindi può essere utilizzato anche con soggetti anziani, però occorre porre maggiore attenzione soprattutto nel momento della scelta dell'equazione per valutare la FFM. Nel caso dei soggetti anziani, sono tre le formule proposte e convalidate per il calcolo della massa magra. Esse sono state sviluppate a partire da studi effettuati su popolazioni provenienti da aree geografiche diverse: ciò spiega le differenze nei valori di massa magra che si possono ottenere quando si utilizzano tali formule su soggetti provenienti da aree diverse da quelle di riferimento. La natura disomogenea dei compartimenti corporei e la grande variabilità interindividuale determinano l'impossibilità di poter assumere come esatta un'unica equazione, a causa delle differenze esistenti tra popolazioni diverse, tra soggetti giovani ed anziani, o tra soggetti normopeso, sovrappeso o sottopeso. Mentre le formule elaborate prima del 1987 includono solamente il rapporto Statura²/Resistenza, quelle proposte successivamente includono anche altri parametri come peso, età, genere, reattanza e misure antropometriche del tronco o delle estremità del corpo, rivelandosi pertanto più idonee al loro utilizzo in soggetti con caratteristiche differenti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Valutazione della composizione corporea in un gruppo di soggetti anziani dopo sei mesi di attività fisica in piscina termale ed in palestra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sonia Matten
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Interfacoltà medicina e chirurgia
  Relatore: Andrea Ermolao
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anziani
benessere
esercizio fisico
termalismo
geriatria
acqua termale
rabilitazione
riabilitazione termale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi