Skip to content

Aiuto alla famiglia tra professione e volontariato

Il principio di responsabilità, perno su cui si regge la coppia

Riprendendo il concetto presentato nell’introduzione della tesi, che focalizza un’idea di famiglia fondata sulla reciprocità, è opportuno aggiungere il principio di responsabilità, che dà avvio ad un processo che impegna a vagliare e valutare il modo con cui ci relazioniamo, perché il nostro agire non è fine a se stesso, ma implica una forte responsabilità verso chi condivide con noi il presente e verso le generazioni future, gestite all’interno di dinamiche familiari e sociali.

Hans Jonas, con “Il principio di responsabilità”, ci sollecita ad assumerci moralmente la responsabilità verso il nostro prossimo presente e futuro. Jonas basa la sua speculazione su tre concetti complementari di totalità, continuità e futuro e fonda la sua teoria sull’archetipo della responsabilità dell’uomo per l’uomo, che comprende quindi la reciprocità, in quanto fondamento, se vissuta in termini di positività, di ogni rapporto umano, al di là del tempo e dello spazio, in quella terza dimensione scaturita dai nostri pensieri e dalle nostre emozioni più profonde.

Jonas ci introduce alla sua teorizzazione con il seguente ragionamento:

“L’elemento comune può essere sintetizzato nei tre concetti di “totalità”, “continuità” e “futuro”, riferiti all’esistenza e alla felicità degli esseri umani. Assumono anzitutto come dato fondamentale il polo di riferimento “essere umano”. Esso presenta la precarietà, la vulnerabilità, la revocabilità – modalità particolarissima della transitorietà – proprie di ogni essere vivente, che ne fanno oggetto esclusivo di cura (Obhut); ma oltre a ciò la comunanza dell’humanum con la sfera della responsabilità, che ha su quello la pretesa piú originaria, anche se forse non l’unica. Ogni essere vivente è fine a se stesso e non ha bisogno di una giustificazione ulteriore: sotto questo aspetto l’uomo non è in nulla superiore agli altri esseri viventi, eccetto che per poter essere soltanto lui il responsabile anche per loro, ossia per la salvaguardia del loro essere fini a se stessi. Ma nella compartecipazione al destino umano i fini dei suoi simili, sia che egli li condivida oppure si limiti a riconoscerli negli altri, e il fine in sé della loro stessa esistenza, possono in maniera unica confluire nel suo proprio fine: l'archetipo di ogni responsabilità è quello dell’uomo per l’uomo. Questo primato della parentela soggetto-oggetto nel rapporto di responsabilità è insito inconfutabilmente nella natura della cosa. Esso significa tra l’altro che il rapporto, pur essendo unilaterale in se stesso e in ogni caso singolo, è tuttavia reversibile e include una potenziale reciprocità. Anzi, genericamente la reciprocità è sempre presente, in quanto io, responsabile di qualcuno, vivendo fra esseri umani sono sempre anche oggetto della responsabilità di qualcun altro. Questo deriva dalla non-autarchia dell’uomo: ciascuno ha sperimentato anzitutto su se stesso la responsabilità originaria delle cure parentali. In questo paradigma fondamentale diventa chiaro nel modo più convincente l’intreccio della responsabilità con tutto ciò che è animato. Soltanto ciò che è vivente, nella sua costitutiva indigenza e vulnerabilità, può essere oggetto di responsabilità; questa è però soltanto la condizione necessaria e non sufficiente. Ciò che contrassegna l’uomo, e cioè che soltanto lui può avere una responsabilità, significa contemporaneamente che egli la deve avere anche per i suoi simili, essi stessi soggetti potenziali di responsabilità, e che, in un modo o nell’altro, già la possiede: la capacità di averla è la condizione sufficiente della sua attualizzazione.”

Grazie all’apporto teorico di Jonas e riprendendo il filo logico di quanto esposto fino ad ora, si può traslare il principio di responsabilità nei rapporti di coppia, nella famiglia come responsabilità sistemica, nell’associazione come responsabilità verso i fruitori.

In un progetto di auto mutuo aiuto rivolto alle coppie, che si sta sviluppando, il principio di responsabilità è implementato nei rapporti di reciprocità all’interno del gruppo. Si può sostenere che occorre avviare un rapporto di accettazione positiva incondizionata (A.P.I.) rivolto alla persona che si rivolge a noi, individuando gli aspetti negativi e positivi della relazione.

Gli aspetti negativi vanno vagliati e, una volta individuati, vanno collegati con le motivazioni che hanno condotto la coppia alla richiesta di aiuto. Occorre aiutarli ad iniziare un percorso che li conduca, non solo a prendere coscienza del loro stato di impotenza e di sfinimento, ma anche di essere dei contenitori delle varie componenti del conflitto in atto. Far emergere i livelli di sofferenza che provocano in loro reazioni che spesso non sono in grado di discernere. Evidenziare il bisogno reciproco nell’intreccio relazionale, agevolando l’emersione delle emozioni sopite, facilitandoli a trasformarle in opportunità di crescita e maturazione del rapporto di coppia.

In positivo. favorire lo svilupparsi del senso di alleanza terapeutica, acquisendo consapevolezza ed elaborando interpretazioni e valutazioni costruttive e propositive del senso dell’unione, che possono entrare in sintonia e comprendere i vissuti dei soggetti.

Una volta evidenziati i lati positivi e negativi all’interno della relazione, occorre elaborare una strategia di intervento, cercando di capire se si debba intervenire sul singolo o sulla coppia. Questo si può valutare solo in base a ciò che viene acquisito.

Nell’individuazione del bisogno di una terapia di coppia, occorre demandare l’intervento a professionisti, ma la coppia può continuare a rimanere all’interno del gruppo, per poter proseguire il percorso formativo e comunicare bisogni, affetti e disponibilità al confronto risolutivo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aiuto alla famiglia tra professione e volontariato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Spaggiari
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Pedagogia
  Corso: Scienze pedagogiche
  Relatore: Renza Cerri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
divorzio
separazione
ama
auto mutuo aiuto
crisi di coppia
unità familiare
aiuto alla coppia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi