Skip to content

Effetti del conflitto genitoriale sullo sviluppo psicologico dei figli in caso di separazione e divorzio: come cambia la famiglia

L'impatto del conflitto e della separazione dei genitori sui figli

L'esperienza della separazione è per i figli un'esperienza difficile, sia che essi siano bambini o adolescenti, sebbene l'impatto di tale evento nei ragazzi sia influenzato dal clima familiare precedente alla rottura. Da un lavoro pioneristico Hetherington, Cox e Cox (1978) conclusero che una famiglia integra ma conflittuale è più nociva per il figlio rispetto ad una situazione in cui la coppia genitoriale sia separata ma stabile e serena. Il tema delle conseguenze del conflitto coniugale sui figli ha ricevuto una sempre più crescente attenzione dagli anni settanta ad oggi, sebbene la letteratura sia ricca di studi centrati sugli effetti della separazione e del divorzio sui figli, solo recentemente ha iniziato a prendere sempre più spazio e consensi la tesi che sostiene che il divorzio non debba essere considerato un evento improvviso e inaspettato, bensì un processo graduale i cui effetti possono essere individuati molto tempo prima che avvenga la vera e propria separazione dei coniugi e che, al contempo, ha delle ripercussioni a lungo termine, anche molto distanti nel tempo e dal momento della separazione stessa (De Caro, 2005).
La separazione è indubbiamente un evento critico e doloroso da affrontare, ma una cospicua serie di studi ha evidenziato che gli effetti maggiormente deleteri per i figli derivano dai conflitti coniugali, ciò si verifica sia in situazioni di divorzi che in famiglie cosiddette "intatte", cioè non interessate da un'esperienza di separazione coniugale (Camara e Resnick, 1989, Hetherington, Stanley-Hagan e Anderson, 1989; Cherlin et al, 1991). Il conflitto coniugale determina il rischio che i figli sviluppino problemi emotivo-comportamentali, minando la qualità della relazione genitori-figli (O'Brien, Margolin e John, 1995; Grych, 2005). In un articolo Emery (1982), ha evidenziato che se dopo il divorzio si riduce il conflitto tra i genitori, i figli ne traggono giovamento e il loro adattamento è migliore rispetto a quello di figli di genitori in cui persiste un rapporto conflittuale.
Le prime indagini svolte in Italia per verificare se l'influenza negativa sui figli sia data dalla separazione in quanto tale oppure dal disaccordo esistente fra i coniugi hanno confermato che spesso è il conflitto a generare nei figli problemi emotivi e comportamentali, mentre il fatto che i genitori siano insieme o separati ha poca influenza sul loro benessere psicologico. I continui conflitti e la tensione che si crea nella relazione tra coniugi porterà quest'ultimi ad essere meno disponibili con i figli che di conseguenza cercheranno sempre più l'attenzione dei genitori, non sempre con comportamenti corretti. In questa fase i figli potranno avere, in relazione alla loro età, incubi o problemi scolastici. Quando i conflitti sono centrati sui figli, costoro potranno sentire il peso e attribuirsi la colpa dei litigi tra i genitori (Malagoni Togliatti, Lubrano Lavadera, 2009). Stabilire quando l'intensità e la frequenza del conflitto tra i genitori sia tale da provocare danni ai figli e generare una rottura definitiva tra coniugi è difficile. I figli sono sensibili al modo in cui il conflitto viene affrontato e risolto, studi hanno mostrato che il grado di rabbia e aggressione esibita durante un conflitto, influenzi i figli nel modo di percepire il conflitto stesso come stressante e minaccioso, valutazioni che potrebbero predire problemi internalizzanti: il figlio potrebbe diventare maggiormente sensibile e reattivo in situazioni conflittuali lievi a causa delle aspettative negative (Cummings e Davis, 1994; 2002). Le tensioni si trasmettono ai figli, andando ad incidere sul loro senso di sicurezza e sul loro equilibrio psichico (Emery, 1994; Block et al., 1988; Schaffer, 1990). I conflitti risolti riducono la tensione (Grych, 2005), un conflitto cronico e irrisolto, invece, è associato ad una maggiore insicurezza emotiva (Kelly, 2000). Secondo il modello della Sicurezza Emotiva, la qualità affettiva delle relazioni vissute dal figlio con i componenti della famiglia, assume un ruolo determinante nelle risposte dei minori agli episodi conflittuali (Davies e Cummings, 1994). Davies e Cummings sostengono che i minori reagiscono al conflitto genitoriale nella misura in cui esso minaccia le relazioni familiari e soprattutto nella misura in cui sentono minacciata la propria sicurezza emotiva. Tale modello si presenta molto simile a quello proposto da Grych e Fincham (1990): il Modello Cognitivo-Contestuale. In esso gli autori sostengono che l'esposizione ripetuta a conflitti genitoriali distruttivi compromette l'adattamento dei figli, l'insicurezza emotiva può agire sulla comprensione del conflitto e sul tipo di risorse attivate, determinando in tal modo la capacità di farvi fronte (Grych e Fincham, 1990). Ad incidere sulle risposte emotive dei figli un ruolo importante è assunto dalle espressioni emotive dei genitori durante il conflitto e dal sesso del genitore che esprime quella particolare espressione emotiva. Allo stesso tempo l'esposizione a conflitti risolti con efficaci strategie sono importanti nella costruzione del senso di sicurezza emotiva di figli rispetto all'espressione di emozioni positive (Cummings et al. 2002). Se nel modello di Grych e Fincham (1990) le emozioni derivano da processi cognitivi, nel modello proposto da Crockenberg e Langrack (2001), il modello delle Emozioni Specifiche, le emozioni rivestono un ruolo importante per comprendere i comportamenti dei figli in relazione al conflitto genitoriale: il tipo di emozione espressa dipenderà dalle caratteristiche del conflitto e dalle esperienze pregresse di situazioni conflittuali. Secondo Buehler et al. (1997) è importante distinguere varie forme di conflitto e la specializzazione degli effetti a seconda delle modalità in cui è espresso: un conflitto aperto è più frequentemente associato a problemi di esternalizzazione (Marcus, Lindahl e Malik, 2001); il conflitto coperto è connesso a comportamenti internalizzanti. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Effetti del conflitto genitoriale sullo sviluppo psicologico dei figli in caso di separazione e divorzio: come cambia la famiglia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Tomasetta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Santa Parrello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi