Skip to content

L'associazionismo degli stranieri in Italia - Il caso dell'associazione TEUTA

L'associazionismo degli stranieri in Italia

Come già accennato nel capitolo 1, il fenomeno immigrazione ha avuto una trasformazione graduale nel corso degli anni, passando da una questione di emergenza sociale ad un aspetto strutturale della società italiana. Ciò è dimostrato, fra gli altri indicatori, dalla numerosità della seconda generazione degli stranieri (Ambrosini M. 2004) nata e cresciuta in Italia, dall'ottenimento della cittadinanza italiana giuridica, dal radicamento di attività imprenditoriali gestite da immigrati e dal conseguente dibattito politico sulla concessione di cittadinanza e di diritto di voto.

Uno dei "corollari" più importanti e rappresentativi della maturità dell'immigrazione è il nascere delle forme di aggregazione partecipative degli immigrati, come è il caso delle associazioni.

Il fenomeno dell'associazionismo tra gli immigrati ha un'importante rilevanza oggi per tre ragioni fondamentali (Frisanco R. 2006). La prima risiede nella diffusa convinzione che tale fenomeno giochi un ruolo importante nell'integrazione degli stranieri nel tessuto sociale ospitante. Quindi le associazioni hanno la possibilità di porsi come interlocutori tra gli stranieri e la società di accoglienza; vi è poi la costatazione che a dispetto della crescita dell'associazionismo degli immigrati in Italia, le scienze sociali a livello nazionale e locale hanno dedicato scarsa attenzione al fenomeno; in terzo luogo, gli studi finora compiuti sull'associazionismo degli immigrati sono in grandissima parte di tipo quantitativo, fatto che li rende insufficienti in relazione alla comprensione della rapida evoluzione del fenomeno.

Bisogna comunque sottolineare che essendo conseguenza della trasformazione del fenomeno dell'immigrazione, il quale è di per sé relativamente recente nel paese, l'associazionismo degli immigrati è difficilmente individuabile (Consoli T. 2006). Tali difficoltà hanno a che fare con una serie di fattori. Vediamone almeno tre. Primo, si tratta spesso di gruppi che nascono da relazioni informali (parentali o amicali), mantenendo un'organizzazione informale anche quando le loro attività vanno oltre l'ambito familiare o amicale; secondo, nascono talvolta senza obbiettivi precisi, ragione per cui hanno spesso vita breve; terzo, sono generalmente a carattere locali, senza ramificazioni sul territorio nazionale, ragione per cui gli studi su di esse sono sovente commissionati da amministrazioni locali, con scarsa rilevanza e scarso accesso per il mondo accademica. Ciononostante, è possibile individuare casi di associazioni degli immigrati con un considerevole livello di formalità.

Le comunità di immigrati, è bene ricordarlo, come qualunque altra collettività accomunata dagli stessi eventi storici, tende ad organizzarsi formalmente per perseguire obiettivi tesi a migliorare le proprie condizioni, siano esse materiali o di altro genere. Le associazioni sono dunque una delle espressioni di tale processo organizzativo. Quelle degli immigrati sono generalmente costituite su base nazionale, macro - regionale, etnico - linguistico o religioso. Dal tipo di configurazione dell'associazione dipenderà la sua struttura organizzativa, i suoi obiettivi, il suo rapporto con l'esterno e, probabilmente, la sua disponibilità di risorse materiali.

Ora, la letteratura sull'associazionismo degli immigrati in Italia e in Trentino è estremamente scarsa. Il presente lavoro mira in parte a contribuire al dibattito che teso a colmare tale lacuna.

La letteratura disponibile sul tema dell'associazionismo degli immigrati, come quella elaborata da Cinformi (2010), rivela l'esistenza di forme di associazionismo degli immigrati in Italia che costituiscono interessante oggetto di studio, almeno per due ordini di ragione: 1) obiettivi che esse si prefiggono: supporto e orientamento, promozione e rappresentanza, partecipazione e, 2) caratteristiche negative: volatilità, eccessiva divergenza quanto agli obiettivi e frammentazione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'associazionismo degli stranieri in Italia - Il caso dell'associazione TEUTA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Klarita Gjergji
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Gestione Aziendale
  Relatore: Carlo Borzaga
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi