Skip to content

La Resistenza Etiope. Dalla caduta alla riconquista di Addis Abeba (1935-41)

La grande insurrezione dell’estate ’37

I primi focolai della rivolta si manifestano nell’Amhara dove hanno trovato rifugio i pochi intellettuali e notabili scampati alla strage di Addis Abeba, ma ben presto dilagano su tutto il territorio spingendo anche le popolazioni contadine, che si sentono minacciate di sterminio, a raggiungere le file degli insorti: le sostiene anche il clero cristiano-copto che osserva preoccupato la crescente politica filo-musulmana degli italiani1 mentre i partigiani etiopici si stanno finalmente organizzando per lanciare una nuova offensiva.

Abebè Aregai ha raccolto un esercito di almeno 4.000 uomini e dispone di armi adeguate. I generali italiani, convinti di tenere in pugno la situazione, allentano i controlli e frazionano le truppe a loro disposizione; anzi, il generale Pirzio Biroli governatore dell’Amhara chiede un periodo di congedo da trascorrere in Italia da maggio a metà luglio. L’unico più attento, che mette in guardia Graziani è il generale Gallina, che comanda il settore di Makallé e avverte Graziani che qualcosa cova sotto le ceneri.

All’improvviso, al termine delle piogge, scoppia la rivolta che si accende dapprima nel Lasta per iniziativa del dejacc Hailù Chebbede, si estende al Beghemder e divampa nel Goggiam.: non si tratta più di attività isolate in regioni ormai pacificate, ma di un grande movimento organizzato, che si estende anche all’Eritrea, la regione notoriamente fedele.

Il dejacc Hailù Chebbede, figlio del governatore dell’Uag, apre le ostilità nel Lasta assaltando, il 22 agosto 1937, il presidio di Amba Uork e catturando con i suoi uomini una pattuglia della banda residenziale costringendo il comandante della fortezza a rinchiudervisi in attesa dei rinforzi. Questo dejacc si era già distinto durante l’invasione italiana e alla morte di Uonduossen Kassa si era rititrato nella sua regione d’origine rifiutando la sottomissione, riuscendo a tenere in scacco persino la colonna, due compagnie ed una banda, mandata dal governatore dell’Amhara Pirzio Biroli in soccorso al comandante dell’Amba Uork. L’afflusso di nuovi battaglioni anche dal limitrofo governatorato di Eritrea non spaventò l’intraprendente dejacc che riusciva a impedire l’arrivo a Socotà con i suoi arbegnoch sia alla colonna del colonnello Mannazzu partita da Lalibelà, sia alle camicie nere del generale Cubeddu, comandante delle forze armate del governo dell’Amhara fino a metà settembre ’37. Questa insostenibile situazione precipitò quando il vicerè Graziani con un atto di autorità esautorava il governatore Biroli e prendeva il controllo delle operazioni nel Lasta.

Il generale si decide allora a chiedere aiuti al generale Nasi, al generale Santini dalla Somalia e a Cubeddu dall’Eritrea, prende soldati dagli addetti ai servizi e soprattutto manda a combattere nel Lasta e nello Uag le bande irregolari degli Azebò Galla. Mussolini, allarmato, manda d’urgenza da Roma sei battaglioni metropolitani e raccomanda di agire con la massima energia impiegando anche i gas. Ma gli aiuti giungono a destinazione con grande difficoltà a causa delle piogge.

Il 19 settembre, organizzati in una colonna sei battaglioni coloniali, una banda irregolare di Toclu Mescescià e una del comandante De Rege e posti reggimenti di camicie nere e truppe del Goggiam intorno alla regione, cominciarono le operazioni che, dopo una serie di sanguinosi scontri e la distruzione di tutti i villaggi incontrati, giunge a Socotà il 23 Settembre. Lo stesso giorno i galla della banda del colonnello Raugei catturano Hailù Chebbede. Questi viene ucciso, decapitato e la sua testa viene esposta a Socotà e sulla piazza di Quoram, suo ex feudo, per ordine dello stesso vicerè. Le operazioni non si concludono nemmeno allora e la colonna prosegue distruggendo tutti i villaggi che incontra e sequestrando tutto il bestiame fino all’arrivo il 28 settembre dinanzi ad Amba Uork, dove dopo le distruzioni di rito arriva per via telegrafica il bando di Graziani che intima alla popolazione del Tigrai Uoggerat di “rimanere tranquilli” per non incorrere nella stessa fine di Hailu Chebbede e della regione del Lasta messa “a ferro e fuoco”.

La rivolta si estende nel Beghemder con l’assedio a Debra Tabor, nel Semien e nel Nonno. Nel Goggiam la rivolta è totale anche a causa della brutalità dell’amministrazione del capitano Corvo, che nel febbraio ’37 elimina il notabiliato locale precedentemente legato a ras Immiru facendolo affogare nel lago Tana. L’insurrezione popolare seguita a questi eventi chiama alla propria guida personaggi intelligenti e capaci, quali i dejacc Mangascià Giamberié, Negasc Bezabé e Belai Zellechè e il ligg Hailù Belau, i primi due balabats ereditari legati alla famiglia Tekle-Haimanot di ras Hailù mentre Belai Zellechè ha umili origini contadine e si afferma solo grazie alle sue capacità militari. Da subito si combatte aspramente a Bahar Dar, a Danghila e a Mata, dove la colonna Farello con le bande Uollo e Amba Sel distrugge tutti i villaggi; a Danghila la colonna Monelli viene attaccata dagli uomini del dejacc Negasc. Nel Goggiam orientale la rivolta è totale, facilitata anche dal terreno impervio; in quello occidentale i partigiani si spostano in continuazione inseguiti dagli italiani facilitati in ciò da un terreno più agevole. Ai primi di ottobre, mentre la ribellione nel Goggiam settentrionale è al massimo della violenza, l’aviazione rifornisce di viveri e munizioni i presidi assediati e intensifica la sua attività per tutto il mese. A novembre si rivolge invece al settore meridionale dove si era intensificata la rivolta. Ai bombardamenti si aggiungono “spezzoni incendiari per appiccare il fuoco ai raccolti” o lanciati nel mezzo di una riunione, bombe gettate su villaggi, bestiame e raccolti.

Ma la popolazione è esasperata e giura di combattere fino alla morte. Allarmato, Graziani tenta la strada delle trattative di pace mediate da ras Hailù, facendogli scrivere lettere ai dejacc Negasc Bezabè e Mangascià Giamberiè, ma la risposta sprezzante e ironica di Negasc invita piuttosto gli italiani a ritirarsi dal Goggiam promettendo loro salva la vita.

Nonostante il grande dispiegamento di forze, gli attacchi si susseguono e ciò provoca durissime rampogne al vicerè da parte del ministro. A fine novembre si tenta anche di ottenere aiuti dalla chiesa, facendo eleggere vescovo della regione l’anziano abuna Abraham, ma i ribelli rifiutano ogni accordo. Ormai Graziani è in disgrazia e sa già che sarà sostituito, quando ai primi di dicembre raccoglie un altro grave insuccesso nei pressi di Bahar Dar, dove la colonna Barbacini viene quasi distrutta dai partigiani del dejacc Mangascià. Anche a Roma, nonostante l’invio di nuove truppe, si teme per la sorte dell’impero. La resistenza etiopica non sarà più domata perché, come scrive Del Boca, “ha profonde radici, una tecnica apprezzabile, motivazioni a non finire”. Essa ora è attiva non solo nel Goggiam, ma anche nel Beghemder, nel Semien, nell’Uolcait, nell’Ermacciò, nel Limmù Ennarià, nel Guraghè, nel Mens, nell’Ancoberino e nel Gofà ai confini del Kenia. Gli italiani hanno perduto dal 5 maggio 1936 circa 13.000 uomini e 250 ufficiali. “All’Italia rimangono soltanto i centri abitati e le linee di comunicazione, mentre la campagna, nonostante i continui rastrellamenti, passa in effetti sotto il controllo dei patrioti etiopici”.

La strategia italiana allora si rivolge alla costruzione di strade e fortini assegnando le CCNN alla protezione dei lavoratori, ma comunque i lavori avanzano lentamente e solo nel giugno ’39 il generale Frusci potrà completare la linea di fortini che va da Debra Markos a Bahr Dahr. Nonostante ciò il controllo della regione una volta perduto non sarà mai ripreso efficacemente ed in seguito sarà possibile alle prime forze inglesi di muoversi per lunghi tratti di territorio nel Goggiam senza dover temere di essere intercettati dall’esercito italiano, addirittura “Wingate on his mule with the Ethiopian colours on his topi and totally unarmed (...) went a distance of 25 miles through enemy territory

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Resistenza Etiope. Dalla caduta alla riconquista di Addis Abeba (1935-41)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Angelucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Alessandro Volterra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
colonie
1945
eritrea
etiopia
hailè selassiè
addis abeba
guerre coloniali
1935
ras tafari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi