Skip to content

L'olivicoltura del Garda

L’evoluzione del consumo dell’olio extravergine d’oliva DOP Garda Bresciano

A livello mondiale i consumi di olio di qualità sono in aumento, sia pure piuttosto lento. Secondo i dati del Consiglio Oleicolo Internazionale COI dall’inizio del 2000 fino ad oggi si è passati da 2,6 milioni di tonnellate nel 2011 ai quasi 3 milioni di tonnellate per il 2011 e per il 2012 la soglia dei tre milioni è stata superata secondo le stime del COI. Se si considera che la quota di consumo pro capite di olio di oliva sul totale dei grassi vegetali consumati nel mondo è appena del 4%, si deve ammettere che i margini di crescita dell’olio appaiono piuttosto considerevoli. Il consumatore medio ricerca, comunque, l’olio extravergine per condire a freddo le insalate e il pesce e tutto quello che si mangia crudo, mentre per cucinare fritture e cibi cotti di minor pregio sceglie ancora oli vegetali di minor pregio. I paesi tradizionalmente consumatori sono i paesi produttori del bacino del Mediterraneo, mentre le nuove aree di mercato sono rappresentate da quei paesi che recentemente si sono avvicinati alla dieta mediterranea patrimonio mondiale dell’UNESCO e alla conoscenza della qualità nutrizionali dell’olio di oliva e dei suoi benefici per la salute. Il sia pur lento incremento della fascia di consumatori si deve alle molte iniziative promozionali svolte da aziende italiane e comunitarie, che hanno usufruito dei fondi UE per la promozione. Molto stanno influendo sul gusto e sull’opinione dei consumatori le trasmissioni televisive e massmediali di argomento enogastronomico e culinario e il diffondersi delle professioni quali dietologi ed alimentaristi, praticate da medici e laureati con specializzazioni ad hoc, nonché le Fiere specializzate nel settore agro alimentare e altro.

Gli STATI UNITI hanno portato il consumo di olio di oliva da 1.700 a 2.750 quintali, confermandosi il maggior mercato sul consumo non tradizionale.
Anche l’Australia ha accresciuto i suoi consumi di olio di oliva che è passato da 310.000 quintali a 440.000 quintali nel 2011. In Russia il consumo è cresciuto da 40.000 a 220.000 quintali. Anche il turismo che proviene da quei paesi ha contribuito a far apprezzare all’estero le qualità dell’olio di oliva.
Il maggior competitor dell’olio di oliva italiano è la Spagna, con il maggior patrimonio olivetato in Andalusia 60%, in Castilla la Mancia 15% e il 10% in Estremadura. Il mercato estero assorbe oltre la metà della produzione spagnola ed è essenzialmente caratterizzato da olio sfuso.
Il consumo interno è meno diffuso che in Italia, ma è più attento alla qualità. La crisi del settore degli ultimi anni ha investito anche la Spagna, con aumento dei costi e non equilibrio tra domanda ed offerta.

La Tunisia viene subito dopo la Spagna per superficie olivetata e produce circa 170.000 quintali annui di cui un terzo destinato al consumo locale. L’olio tunisino viene venduto sfuso a società confezionatrici.

La produzione dell’olio Garda specialmente nella zona del Trentino e della Lombardia ha goduto di una buona annata nel 2011 e nel 2012 perché le temperature estive molto alte, che hanno influenzato l’allegagione e la fruttificazione, sono state compensate da piogge autunnali con una variazione di produzione da 10.510 quintali di olio, a fronte di 9.730 quintali del 2009 e di 9.990 quintali del 2010 e del 2012. Il mercato dell’olio extravergine DOP Garda Bresciano ha visto un incremento del 23% in più della campagna olearia 2012 rispetto alla campagna precedente 2010-2011 secondo i dati di Unione Nazionale Associazioni di Produttori di Olive UNAPROL. Ciò è dovuto in parte all’impennata dei prezzi dei primi mesi dell’anno 2013. Per gli oli DOP si sono verificati buoni riscontri sul mercato, in termini di prezzo, anche se non viene riconosciuto un adeguato valore aggiunto. Nel 2011 il suo prezzo all’origine euro-chilogrammo era di Euro 10,80 rispetto agli anni precedenti. Gli oli DOP del Garda hanno subito una flessione, a fronte del prezzo del 2007 di Euro 11,56 al chilogrammo.

Nella rilevazione della Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Brescia del 12 Marzo 2013 il prezzo all’ingrosso dell’olio Garda DOP segnalato è Euro 12,50-Euro 14,00 al chilogrammo e l’olio extra-vergine di oliva è segnalato ad un prezzo Euro-chilogrammo pari a Euro 8,00-Euro 9,00. Pertanto si è rilevata una buona crescita del DOP Garda Bresciano per gli anni dal 2010 al 2013. Esso viene venduto prevalentemente negli ipermercati tra i prodotti di qualità e non nei supermercati, che coprono la maggior parte dei consumi. La produzione del territorio lombardo-bresciano è stata destinata prevalentemente al consumo locale e al mercato estero: Germania, Nord Europa e comunitario. Trattandosi di una gamma di prodotti di alta qualità extravergine e DOP soddisfano la domanda di una fascia di consumatori capace di apprezzarne le caratteristiche e di affrontarne il costo un po’ più elevato rispetto alla media del prodotto nazionale.
Pertanto il rapporto costo-prezzo ha trovato un riscontro positivo sul mercato.

Si deve sottolineare che lo sviluppo e l’incontro tra domanda - offerta è stato promosso in questa zona oltre che dalla presenza di vaste aree turistiche anche da un’accurata strategia di marketing con la partecipazione a fiere ad eventi promozionali, tramite la Strada dei vini e dei sapori del Garda, l’ Associazione Interprovinciale Produttori Olio Lombardia A. I. P. O. L. cosi afferma il Presidente: “L’offerta di servizi di alta qualità per l’olivicoltura bresciana è più vicina alle imprese e al loro territorio di produzione”.
Risultano da queste attività premiati soprattutto il produttore e il distributore e gratificati gli acquirenti perché viene esaltata la loro capacità di acquisto di un prodotto pregiato dando un segnale di “status” e di un elevato livello di reddito.
Non viene premiato del tutto l’olivicoltore, che non riesce ad avere un potere contrattuale nei confronti del trasformatore e del distributore, non essendo in grado di gestire autonomamente il proprio sistema distributivo.

I prezzi che si formano sul mercato non tengono presente pienamente i costi sostenuti dall’olivicoltore (spese d’impianto, produzione delle olive, raccolta, trasformazione, confezionamento). Questi nel consegnare al dettagliante per la vendita del prodotto finale, deve sottostare alle logiche del mercato.

L’agricoltore viene considerato quindi un semplice fornitore di materia prima e non ha potere decisionale.
Pertanto quello che va incentivato è l’associazionismo consapevole e responsabile di tutta la filiera in grado di gestire lo sviluppo e l’incremento del mercato, attraverso l’innovazione continua degli impianti, la formazione professionale degli addetti ai lavori e una corretta e lungimirante collaborazione tra aziende agricole produttrici, olivicoltori e la distribuzione al dettaglio per creare una sinergia che favorisca la qualità a vantaggio del prezzo. Trattandosi di piccole e medie aziende presenti sul territorio che immettono sul mercato piccoli quantitativi di prodotto non industriale, questo modello organizzativo consente delle economie di gestione tali da assicurare un reddito soddisfacente agli operatori del settore.

Il segreto del successo dell’olivicoltura bresciana sta nel tessuto di un sistema di piccole e medie imprese. Queste aziende si caratterizzano per avere una struttura più snella che conferisce loro maggiore velocità di risposta ai mercati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'olivicoltura del Garda

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Battaglia Monterisi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giuseppe Patruno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

l'olivicoltura del garda
olio d.o.p.garda orientale
valutazione organolettica olio d'oliva
panel test olio d'oliva
qualita' olio d'oliva
a.i.p.o.l.brescia
olio d.o.p. trentino
casaliva,leccino,frantoio
olio d.o.p. garda bresciano
costi fissi variabili di un oliveto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi