Skip to content

La specificità delle Alpi nella didattica della geografia: i masi dell'Alto Adige

Il Maso chiuso

La comprensione ed interpretazione delle norme sul maso chiuso creano qualche problema al giurista abituato agli schemi del diritto romano perché è un tipico istituto del diritto germanico, ispirato ad una diversa logica: una fattoria non è un insieme di terreni e immobili che si possono separare senza danni, ma è una particolare azienda che ha raggiunto una redditività ottimale per l’impegno di generazioni e che deve essere trasmessa alle generazioni successive. Perciò l’erede non acquista un diritto sui singoli terreni od edifici, ma ha solo il diritto di utilizzare la fattoria secondo le regole della buona agricoltura, ampliandola e riducendola solo se necessario e su autorizzazione dell͛’utorità per poi trasmetterla ad altri intatta.
In tal modo, per secoli, si è garantito che la famiglia agricola avesse la sicurezza del sostentamento e si è garantita la stabilità economica e sociale.

Con il temine maso chiuso (Geschlossener Hof) si intende quel particolare istituto per cui in Alto Adige il podere, alla morte del proprietario, non viene suddiviso fra gli eredi, ma passa ad una sola persona, di solito uno dei coeredi, detto erede assuntore (Anerbe). Gli altri coeredi hanno diritto solo ad un compenso.
Il temine Hof indica genericamente la corte, ma ha assunto il significato più ampio di podere; in italiano è stato reso con maso che deriva dal latino medievale mansio, indicante sia la casa che la famiglia: è la stessa radice che in francese è divenuta maison. Più incerta l͛origine del termine chiuso.

Aldo Gorfer nel 1973 cercava di spiegare così l’istituzione del maso chiuso: il maso sudtirolese (Hof) va un tantino al di là del significato latino di mansio. Considera la dimensione della corte. Ogni entità ha prati, campi, bosco, vacche, maiali pecore, capre, alveare, molino, forno da pane, caseificio, sorgente e canali di irrigazione. E͛ un quadro di indipendenza. All’esterno, si ricorre per il caffè, lo zucchero, il sale il tabacco, l’olio, il veterinario, il medico, le medicine, il prete. L’esterno vi si affaccia con il pretendere le tasse, le votazioni e i giovani di leva.

Il Bauer è una specie di feudatario. Bauer significa contadino ma non nel senso che noi diamo al termine, bensì di “signore della terra”.
Così come la Bauerin, contadina, è la “signora della casa”.

Il Bauer è l’erede privilegiato, l’Anerbenrecht. L’uomo che riceve dal padre l’investitura della proprietà, con l’impegno di tramandarla intatta, alle generazioni. I suoi fratelli possono restare nel maso come lavoratori agricoli (Knechten) oppure andarsene con il viatico di una eredità.

E’ per questo che il maso (non solo quello di montagna) ha l’arcaico senso del castello. Ma mentre la nobiltà castellana è tramontata da un pezzo, la nobiltà agricola, Bauernstand, resiste nella continuità della tradizione precisa, nonostante i traumi che la stanno assalendo.

Il maso chiuso è istituto del diritto barbarico delle popolazioni germaniche, introdotto dai Bavari verso la fine del VI sec. Presso queste popolazioni tutti i contadini facevano parte della “comunità villaggio” (Dorfgemeinschaft) a cui appartenevano i terreni. A ogni libero capo famiglia doveva essere assegnata una porzione di terra arabile con tutti gli accessori (pascolo, bosco) bastante al mantenimento di una numerosa famiglia con tutti i servi. […]

La posizione degli eredi esclusi era dura, se restavano al maso, diventavano servi agricoli (Knecht), trattati come uno di famiglia ma non in grado di crearsene una propria; se ne uscivano ricevevano un modesto corredo e dovevano cercare fortuna. In caso di miseria conservavano in diritto di tornare al maso.

L’istituto del maso chiuso fu per secoli regolato dalla consuetudine, venne ufficialmente regolato dalla Tiroler Landsordnung del 1526, da “Patenti Imperiali” emanate fra il 1770 e il 1795 e, infine dalla Legge provinciale tirolese del 12 giugno 1900 nr. 47.

I vantaggi del sistema del maso chiuso sono diversi:

- Impedisce la polverizzazione terriera a seguito di vendite di singoli terreni o divisioni ereditarie. La frammentazione porterebbe all’abbandono dei
terreni meno produttivi e non favorisce la cooperazione fra i proprietari per raggiungere migliorie comuni.

- È di ostacolo alle grandi proprietà anche se un singolo può possedere più masi

- E’ di ostacolo all’indebitamento perché il contadino non è costretto a vendere per pagare i coeredi

- Favorisce la continuità del possesso del maso, buona conservazione e coltivazione dello stesso poiché tutta la famiglia è coinvolta

- Presuppone e consolida un forte vincolo familiare

- Favorisce la coltivazione diretta anche in zone impervie

- Crea una classe di contadini legati al proprio maso, conservatori e tutori dell’ambiente

- Creava un certo equilibrio demografico

L’erede assuntore non è poi molto privilegiato, si trova nella posizione di assumersi il rischio imprenditoriale, rischio che cessa invece per gli eredi esclusi.

Queste norme vennero abolite dopo l’annessione dell’Alto Adige al Regno d’Italia nel 1918, ma rimasero inalterate nell’uso comune del diritto consuetudinario tirolese. […]

Ad oggi i masi chiusi in Alto Adige sono circa 12.300. Negli ultimi 10 anni la media è stata di 67 nuovi masi dichiarati chiusi per anno, contro i 22 che sono stati dichiarati aperti e quindi svincolati dalla normativa specifica, a testimonianza della modernità di questa istituzione. […]

Tradizione, orgoglio di appartenenza, collegamenti stradali e finanziamenti pubblici non rendono tuttavia la vita del contadino di montagna esente da problemi sociali anche rilevanti, legati all’irrisolvibile problema dell’isolamento.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La specificità delle Alpi nella didattica della geografia: i masi dell'Alto Adige

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Picchio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Cristiano Giorda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alto adige
didattica della geografia
alpi
fattoria didattica
maso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi