Skip to content

La scomposizione della politica migratoria: Stati Uniti e Canada in prospettiva comparata

Verso la politica migratoria moderna: dalla discriminazione all'universalismo

Stati Uniti e Canada sono oggi fermamente votati a politiche non discriminatorie in materia di immigrazione. Nella formulazione di nuove politiche essi evitano di regolare la selezione degli immigrati sulla base di criteri etnici, razziali oppure discriminando individui sulla base del loro paese d'origine. Tuttavia, essi sono arrivati a costruire le politiche per la selezione sulla base questo principio universalistico, secondo il quale gli immigrati sono considerati individui e non rappresentanti di gruppi etnici o nazioni, soltanto dopo averlo inequivocabilmente violato durante il diciannovesimo secolo e parte del ventesimo per mezzo di politiche sostanzialmente fondate su principi discriminatori di tipo razziale (Joppke 2005, 31-33).

Gli Stati Uniti hanno selezionato gli immigrati basandosi sulla provenienza nazionale a partire dal 1924 fino al 1965, anni in cui fu in vigore il National Origin Quota Act. Esso limitava l'immigrazione negli Stati Uniti a 150.000 individui all'anno, distribuiti per ciascuna nazionalità sulla base di un sistema di quote proporzionate al numero di cittadini americani di cui veniva rintracciata l'origine straniera nel censimento del 1920 (Ngai 1999, 67). Venivano inoltre escluse dal sistema delle quote le nazionalità non idonee per la cittadinanza (ad esempio gli asiatici), i discendenti degli schiavi e dei nativi americani e gli immigrati dell'emisfero occidentale.

Questo sistema, stabiliva di fatto un regime sfavorevole per immigrati provenienti dal sud e dell'est Europa, protagonisti delle più recenti ondate migratorie e quindi rappresentati da una quota non realmente proporzionata alla loro presenza attuale sul territorio. In questo modo si prescriveva un calcolo numerico degli immigrati che consentiva di congelare la composizione etnica della società grazie al mantenimento negli anni della stessa proporzione di ogni nazionalità presente nella popolazione censita nel 1920 (Joppke 1998, 40-42).
Il criterio di selezione utilizzato nel regime migratorio statunitense in questi anni mirava dunque ad uno stretto controllo della composizione demografica. Gli immigrati erano ritenuti desiderabili per la loro comunanza etnica con individui bianchi di origine europea, promuovendo così la creazione di una razza americana (Ngai 1999, 70).

Anche il Canada ha adottato politiche migratorie restrittive passando, all'inizio del ventesimo secolo, da provvedimenti per la protezione per gli immigrati dai pericoli della traversata oceanica, dello sfruttamento da parte di capitani o albergatori, a politiche discriminatorie per la selezione e l'ammissione sulla base di preferenze etniche o di provenienza nazionale (Kelley e Trebilcock 1998, 83-93; 132- 36). Due leggi in particolare misero in atto questo cambiamento: l’Immigration Act del 1906 e la sua estensione con l’Immigration Act del 1910. Entrambe furono il frutto di una nuova prospettiva sull'immigrazione per cui la discendenza etnica e il paese d'origine degli immigrati erano considerati un fattore più importante rispetto ad abilità occupazionali, con un'esplicita predilezione ad accogliere immigrati provenienti dal Canada orientale, dall'Inghilterra e dagli Stati Uniti e a restringere l'immigrazione dal centro e sud Europa (Knowles 2007, 105-7). La prima legislazione del 1906 introduceva, per la prima volta ufficialmente, il concetto di immigrato non desiderabile sulla base non solo di caratteristiche personali e fisiche (malati mentali, epilettici, ciechi, muti, infermi, affetti da malattie contagiose, indigenti, criminali e prostitute) ma prevedeva la rimozione di quegli immigrati che, dopo due anni di permanenza sul suolo canadese, erano dipendenti da fondi pubblici o organizzazioni caritatevoli.

Oltre ad espandere le categorie degli immigrati passibili di esclusione, questa legge conferiva al governo l'autorità di proibire l'arrivo in Canada di qualsiasi classe specifica di immigrati (Kelley e Trebilcock 1998, 135-36). L’Immigration Act del 1910 ampliava le clausole della legislazione del 1906 estendendo la lista degli immigrati estromessi e ampliando la discrezionalità del governo autorizzandolo ad emanare regolamenti che proibivano l'ingresso di immigrati belonging to any race deemed unsuitable to the climate and requirements of Canada or immigrants of any specified class, occupation or character (Immigration Act , S.C. 1910, c.27, s.38). Nonostante la premessa restrittiva delle due legislazioni, l'immigrazione rimase fondamentale per la prosperità canadese e, al contrario delle previsioni, non diminuì drasticamente. In particolare, queste politiche furono efficaci nel ridurre l'immigrazione dall'Asia ma non riuscirono a bloccare i russi dal centro e sud Europa data l'inevitabile necessità di manodopera semi o non qualificata per le manifatture e l'estrazione di risorse minerarie (Knowles 2007, 122-24). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La scomposizione della politica migratoria: Stati Uniti e Canada in prospettiva comparata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alice Zanasi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giliberto Capano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stati uniti
canada
politica comparata

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi