Skip to content

L’inquinamento da idrocarburi e la protezione dell'ambiente marino: il caso Exxon Valdez

Oil Pollution Act (OPA 90)

Come risposta all’incidente, gli Usa dimostrarono, con la promulgazione dell'Oil Pollution Act del 1990, più comunemente chiamato OPA 90, di aver imparato qualcosa dall’Exxon Valdez oil spill e dalle sue conseguenze in termini ecologici, economici e politici. L’atto federale per l’inquinamento da petrolio rappresenta un chiaro esempio di come un disastro ambientale possa successivamente, in ragione delle sue conseguenze, portare verso un cambiamento politico.

OPA 90 nasce dalla volontà da parte del governo americano di regolamentare il settore petrolifero, conformare tutte le industrie del settore obbligandole a recepire standard di protezione delle risorse marine, fissare i criteri di responsabilità, misure di compensazione, di prevenzione e risarcimento al fine di ridurre i danni ed evitare che si presentino nuovamente incidenti come quello capitato al golfo di Prince William Sound. OPA 90 fu creato con lo scopo di ideare un sistema di contenimento e prevenzione di incidenti petroliferi riguardanti il versamento di petrolio nel mare. L’atto inoltre elenca tutta una serie di direttive future volte a regolamentare l’attività delle varie compagnie industriali e petrolifere che dovranno dimostrare di saper attuare tutto ciò che è in loro possesso per contenere, qualora si verificassero problemi o incidenti, lo spargimento del petrolio.

Tra queste mi sembra giusto ricordare :
- OPA 90 impone la responsabilità finanziaria per le misure di clean-up, (pulizia del litorale) e gli altri danni collegati alle risorse naturali con l’obiettivo, anche se non sempre raggiunto, di incoraggiare i possibili inquinatori ad adottare misure di precauzione sempre più elevate che aiutino a minimizzare i costi di abbattimento dell'inquinamento.
- L’utilizzo di metodi di valutazione contingente al fine di creare un mercato anche per quei beni come le risorse naturali, la fauna e la flora che non hanno un valore monetario.
Con l’OPA 90 per la prima volta si introduce nella legislazione americana il concetto di “environmental values” ad opera dell’US Environmental Protection Agency (EPA) che di fronte ai danni provocati dall’Exxon Valdez in Alaska, ne stimò il valore monetario paragonabile intorno a 3 miliardi di dollari.
- L’atto federale si basa sul principio del “chi inquina, paga”. Questo comporta un risarcimento a carico dell’inquinatore per danni evidenziati da attività illecite, criminali, nonché da presunta negligenza o condotta poco consona in merito alle attività marittime.

L’intensa copertura mediatica che si è vista su giornali, telegiornali, riviste internazionali e che è stata dedicata allo sversamento della Exxon Valdez, ha incrementato il numero di osservatori che guardavano “ABC news”. Ora le innumerevoli foto ed immagini della costa dell'Alaska, che immortalavano uccelli e mammiferi morti hanno incrementato la consapevolezza dell'opinione pubblica riguardo ai danni causati dal petrolio; questo ha significato un’assegnazione di valore anche per le risorse naturali.
Quelle immagini hanno dunque rafforzato la consapevolezza dell' esistenza di queste risorse naturali ed il loro conseguente valore monetario, rendendo così i costi per spill futuri relativi all’inquinamento da petrolio, più quelli per le misure di clean-up e quelli per il risarcimento dei danni almeno tre volte superiori rispetto al caso dell'Exxon Valdez.
La legge americana ha poi portato alcuni cambiamenti tecnici nella costruzione degli scafi delle navi cargo, le quali dal 1990 in poi dovranno essere munite di doppio scafo; mentre le navi costruite prima del 1990, dotate di un unico scafo, ancora in servizio, dovranno essere smantellate entro il 2015.

Altre normative collegate a OPA’90 riguardano la licenza dell'equipaggio, sistemi di navigazione e l’impegno da parte della Guardia Costiera di fornire aiuto mediante rimorchiatori o chiatte, durante le manovre di ripiegamento vicino a scogli o in entrata–uscita dalla baie alle navi più grosse come le petroliere o comunque trasportanti sostanze pericolose a bordo. Per esempio, dopo l’incidente della Exxon Valdez, per le navi operanti nello stretto di Prince William si esigono due battelli per un singolo cargo più grande di 5000 tonnellate adibito al trasporto di petrolio. Tutte le navi poi devono poter disporre di un piano veloce di risposta in caso di arenamento o incagliamento e conseguente spargimento di petrolio, al fine di poter isolare la macchia mediante strumenti innovativi.
In relazione al fatto che il capitano della Exxon Valdez, fosse stato trovato positivo all’alcool, venne emanata tutta una normativa più rigorosa che va dalla comprovata idoneità (requisiti fisici e mentali) dell'equipaggio da richiedersi medianti appositi test di qualifica, alla disponibilità di test antidroga e alcool, a regole più generali di navigazione, come per esempio la presenza di due ufficiali sul ponte di vedetta durante situazioni di alta marea o poca visibilità.

Ora tutte queste misure preventive e regolamentazioni sono state emanate con lo scopo di ridurre la casualità degli incidenti marittimi dove l’errore umano, secondo indagini statistiche, è al primo posto con una misura del 75% sugli incidenti petroliferi del mondo (Gerlach). Ketkar invece stima che gli errori umani siano responsabili per il 50-60% degli incidenti navali, tuttavia almeno la metà di questi incidenti, stando a quanto rivela “Marine Policy”, riguardano equipaggi poco istruiti, battenti le bandiere di quattro regioni – Panama, Cipro, Liberia e Grecia. Sembra comunque che l’Oil Pollution Act abbia raccolto buoni risultati politici: per esempio fin dall’inizio della sua approvazione, il numero ed il volume di sversamenti di petrolio causati da incidenti è diminuito notevolmente; le nuove e rigorose normative sembrano aver spinto le varie industrie ad attuare quelle misure preventive in grado di limitare i danni originati da oil spill futuri.

Non mancano comunque critiche mosse da alcuni scienziati relativamente alle nuove misure dell'Oil Pollution Act, che sottolineano, per esempio, come il traffico sia aumentato (sempre riferito allo stretto di Prince William) causa l’aiuto prestato dai rimorchiatori alle petroliere che escono o entrano nello stretto. Infatti, in tal modo si alzerebbero i livelli nel consumo di carburante e quello delle emissioni atmosferiche; l’incremento dell'inquinamento atmosferico andrebbe così a contrastare le direttive del Clean Air Act sempre di quello stesso anno (1990). C’è anche chi sostiene che i nuovi scafi dotati di doppia carenatura sarebbero più sensibili ad incendi ed esplosioni per via dei maggiori gas volatili che si vanno ad accumulare tra le due parti dello scafo; altri scienziati invece restano d’accordo sul fatto sostengono che in caso di grandi collisioni, la doppia carenatura non eviterebbe lo spargimento di petrolio, anche se comunque rappresenta già un primo passo verso una maggiore sicurezza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’inquinamento da idrocarburi e la protezione dell'ambiente marino: il caso Exxon Valdez

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca De Girolamo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Egidio Dansero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

exxon valdez
oil spill
protezione ambiente marino
inquinamento marino
disastri petroliferi
alaska - prince william sound
marpol - normativa internazionale sul mare
impatto ambientale e sociale degli spill
misure di clean-up (pulitura spiagge da petrolio)
effetti ambientali / economici da idrocarburi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi