Skip to content

L'onomastica nelle opere di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

I Racconti

Tomasi di Lampedusa esordì nella scena letteraria post-mortem. Alla pubblicazione del romanzo Il Gattopardo seguì nel 1961 la pubblicazione de I Racconti, quattro testi di provenienza diversa, curati e presentati da Giorgio Bassani. I pezzi furono pubblicati da dattiloscritti redatti sotto dettatura della moglie dello scrittore. Finora si è in possesso di un solo autografo integrale quello intitolato dai curatori I luoghi della prima infanzia. De Il mattino del mezzadro e La gioia e la legge nessuna testimonianza autografa mentre di La sirena si conserva un frammento, un foglio staccato autografo.

La stesura dei quattro pezzi va dall’estate del 1955 all’inverno/primavera 1957; secondo questo ordine cronologico: I luoghi dell’infanzia (estate 1955), La gioia e la legge (autunno 1956), La sirena o Lighea, quest’ultimo titolo preferito dalla vedova, (inverno/primavera 1956-57), Il mattino di un mezzadro o I gattini ciechi, titolo previsto dall’autore per il suo secondo romanzo, (inverno/primavera 1957).
I luoghi dell’infanzia tuttavia non può essere considerato un vero e proprio racconto, “la sua penna corre sul filo della memoria”, lo scrittore riporta una descrizione minuta degli ambienti del Gattopardo, di stile stendhaliano.
La gioia e la legge appare il pezzo meno personale della produzione lampedusiana, lontano dall’aura del ricordo. Il figlio Giuseppe Lanza Tomasi ricorda vagamente un altro titolo originario Il panettone.
Il testo racconta di un impiegato che torna a casa da lavoro con un grosso panettone, premio assegnatogli dai colleghi perché considerato il più meritevole tra loro. La sua intenzione, quella di organizzare una grande festa per consumare il dolce, quel simbolo di benevolenza e di sicurezza di un impiego, svanisce una volta varcata la soglia di casa, la moglie lo costringe a regalare il dono ricevuto ad un avvocato con il quale ha un debito.

Il testo ha suscitato meno interesse rispetto agli altri tanto da essere escluso dalla traduzione dei racconti in lingua inglese.
La sirena, letterariamente più sostenuto rispetto agli altri. Il racconto è ambientato a Torino in periodo fascista, i protagonisti sono due siciliani, un senatore, famoso grecista ed un giovane giornalista. Il testo sembra essere diviso in due parti, la prima ci descrive l’ambiente, l’atmosfera torinese e la quotidianità; la seconda invece assume una sembianza favolosa, dettata dal racconto del senatore che confida al giovane, ormai suo amico, la storia d’amore e di passione tra lui e una sirena in una Sicilia mitologica e magica.

I gattini ciechi, è il capitolo iniziale di un nuovo romanzo che lo scrittore aveva intenzione di scrivere, come il Gattopardo questo romanzo avrebbe dovuto avere le sembianze di libello storico.
La storia narra di una famiglia capeggiata dal padre e poi dal figlio, che partendo da una piccola proprietà accumula una grande fortuna, per mezzo di furtarelli al marchese di cui sono mezzadri fino a sottrargli definitivamente il feudo per diventarne i padroni.
Ancora una volta la borghesia in ascesa in una fase più matura ormai. L’ immagine di una Sicilia che profitta e “rubacchia”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'onomastica nelle opere di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorena Scopelliti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Marina Castiglione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguistica
filologia
lettere
toponomastica
il gattopardo
onomastica
giuseppe tomasi di lampedusa
onomastica letteraria
antroponomastica
nomi parlanti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi