Skip to content

La rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale nel giudizio di appello

Il problema della compatibilità tra rinnovazione istruttoria e procedimento camerale

Muovendo dalla premessa che il contenuto del giudizio di secondo grado non sempre si presenta omogeneo, il legislatore per alcune ipotesi di appello non ha ritenuto opportuno predisporre un rito complesso quale quello dibattimentale, optando, piuttosto, per la scelta di adattare le forme del rito all'oggetto della domanda: così, si è previsto che in determinati casi il giudizio di appello, anziché svolgersi in udienza pubblica, debba svolgersi in camera di consiglio secondo le forme previste dall'art. 127 c.p.p.

In particolare, il giudizio di secondo grado deve svolgersi con rito camerale ai sensi dell'art. 599, comma 1, c.p.p. quando l'appello “ha esclusivamente per oggetto la specie o la misura della pena, anche con riferimento al giudizio di comparazione fra circostanze, o l'applicabilità delle circostanze attenuanti generiche, di sanzioni sostitutive, della sospensione condizionale della pena o della non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale”; ai sensi dell'art. 443, comma 4, c.p.p. quando l'appello viene proposto contro le sentenze emesse all'esito del giudizio abbreviato; a seguito dell'appello proposto dalla parte civile, che ne faccia espressa richiesta, avente ad oggetto le statuizioni della sentenza di primo che abbia omesso di pronunciarsi o abbia rigettato la domanda di esecuzione provvisoria delle disposizioni civili, secondo quanto disposto dall'art. 600 c.p.p.; ai sensi dell'art. 310, comma 2, c.p.p. in caso di appello proposto dall'imputato o dal suo difensore contro le ordinanze in materia di misure cautelari personali. È stata invece abrogata dal D.L. 23 maggio 2008, n.
92, convertito in L. 24 luglio 2008, n. 125 (il c.d. “Pacchetto Sicurezza”) l'ipotesi di giudizio di appello camerale regolata dagli artt. 599, commi 4 e 5, e 602, comma 2, c.p.p., i quali prevedevano che si dovesse procedere in camera di consiglio in caso di accordo tra l'imputato e il pubblico ministero sull'accoglimento, in tutto o in parte, dei motivi di appello (c.d. “concordato in appello”).

Premesso ciò, la dottrina ha da sempre manifestato particolare interesse verso il problema della compatibilità tra l'istituto della rinnovazione istruttoria e lo svolgimento del giudizio di secondo grado in camera di consiglio. Anzitutto, nel caso in cui venga disposta la rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale nel corso di un giudizio di appello da svolgersi con rito camerale, l'art. 599, comma 3, c.p.p. stabilisce che “il giudice assume le prove, a norma dell'art. 603, con la necessaria partecipazione del pubblico ministero e dei difensori”, prevedendo, altresì, in caso di assenza di questi ultimi la fissazione di una nuova udienza.

Una parte della dottrina, facendo leva su argomenti di natura testuale, sostiene che nel giudizio di appello a struttura camerale le attività di assunzione probatoria debbano avvenire ad esclusiva opera del giudice: questa soluzione verrebbe comprovata, da un lato, dal tendenziale assoggettamento del rito alle forme previste dall'art. 127 c.p.p., secondo quanto disposto dall'art. 599, comma 1, c.p.p.; dall'altro, dal riferimento fatto dall'art. 599, comma 3, c.p.p. alla necessaria partecipazione del pubblico ministero e dei difensori, riferimento da ritenersi superfluo nei casi di assoggettamento del rito alle forme dibattimentali; infine, dall'utilizzo da parte dell'art. 599, comma 3, c.p.p. del verbo “assume” come predicato del soggetto “giudice”.

Altra parte della dottrina, dissentendo da tale interpretazione, ritiene, al contrario, che il rinvio alle forme previste dall'art. 127 c.p.p., lungi dal tradursi in un limite sulla sfera delle modalità di assunzione probatoria, trovi proprio nell'art. 599, comma 3, c.p.p. una delle sue deroghe più significative: invero, le fattispecie di rinnovazione istruttoria menzionate da quest'ultima norma, proprio perché estranee al modello di procedimento camerale descritto dall'art. 127 c.p.p., si sottrarrebbero al suo ambito di applicazione. In questo modo si spiegherebbe anche la necessaria presenza, prescritta dall'art. 599, comma 3, c.p.p., del pubblico ministero e dei difensori in udienza: tale requisito, infatti, si configurerebbe “come indice sintomatico di un recupero, in sede di rinnovazione, delle movenze più articolate del contraddittorio dibattimentale tipico”7, ponendosi, tra l'altro, in linea con il principio sancito dall'art. 111, comma 4, Cost., secondo il quale ogni processo penale deve essere regolato dal principio del contraddittorio tra le parti nella formazione della prova.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale nel giudizio di appello

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Bettelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo Fiorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fase istruttoria
istruzione probatoria
rinnovazione istruttoria appello
rinnovazione dibattimentale appello
rinnovazione istruttoria
giudizio di appello
rinnovazione dibattimentale
prova nuova
rinnovazione fase istruttoria
rinnovazione dibattimento appello

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi