Skip to content

Dalla stampa al web: passato, presente e futuro della critica, del giornalismo e dell'informazione culturale tra innovazione e rivoluzione

Il ''cuore'' e ''simbolo''della Terza Pagina: l'elzeviro

Il termine "elzeviro" deriva da "Elsevier", nome di una famiglia di editori-tipografi e librai olandesi di Amsterdam, attivi fra il 1583 e il 1712. Le loro edizioni erano autentici capolavori tipografici la cui originalità consisteva nella nettezza e nella finezza dei caratteri incisi da Christoffel van Dyck, a sua volta ispirato a quelli utilizzati dalle antiche stamperie italiane. L'elzeviro divenne allora il carattere di stampa, il "marchio di fabbrica" degli Elsevier.
Con l'avvento della Terza Pagina l'elzeviro passò a indicare l'articolo di fondo di apertura, di spalla sinistra, molto esteso, di argomento vario, letterario, artistico e storico, ma anche un piccolo racconto, un pezzo di critica letteraria o teatrale oppure una riflessione erudita su un tema di attualità o di costume. Comparve in concomitanza con il debutto della Terza di Alberto Bergamini sul "Giornale d'Italia" di martedì 10 dicembre 1901, giorno successivo alla prima nazionale della tragedia dannunziana "Francesca da Rimini", interpretata dalla compagnia di Eleonora Duse, presso il Teatro Costanzi di Roma, e venne definitivamente istituzionalizzato con l'adozione da parte del "Corriere della Sera" il 3 gennaio 1905.
Raffinato, prestigioso, autorevole e aulico, l'elzeviro divenne presto quasi il sinonimo della Terza: solo scrittori affermati, mai giornalisti o comuni redattori, avevano accesso a tale istituzione letteraria. L'epoca d'oro fu la prima metà del Novecento, inclusa l'epopea fascista, durante la quale firme illustri come Emilio Cecchi, Indro Montanelli, Cesare Angelini, Eugenio Montale, Guido Piovene e Pietro Pancrazi diffusero in Italia l'ideale della "prosa d'arte", caratterizzata dall'uso di figure retoriche e dalla ricchezza stilistica, che rappresentò il punto di arrivo per molte generazioni di scrittori, nonché la dimostrazione di un livello di eccellenza ormai pienamente conseguito.
Nel dopoguerra la formula dell'elzeviro cominciò a decadere e subì le sorti della Terza, costretta ad adeguarsi a un pubblico popolare e non intellettuale e, quindi, a trasformandosi in una rubrica fissa tenuta da giornalisti di professione, non afferenti ai circoli intellettuali. Il declino proseguì negli Sessanta e Settanta, epoca in cui dilagarono il "new journalism" e la letteratura giornalistica di matrice anglostatunitense, e si concluse definitivamente con la fine della Terza tradizionale all'alba della rivoluzione di Paolo Mieli. Attualmente qualche quotidiano, in primis il "Corriere", conserva il termine "elzeviro", indicando un pezzo di norma inserito nella seconda pagina della sezione "Cultura e Spettacoli", tuttavia la marginalizzazione del genere pare ormai compiuta e irreversibile.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dalla stampa al web: passato, presente e futuro della critica, del giornalismo e dell'informazione culturale tra innovazione e rivoluzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Giorcelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Mario Bottaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 233

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi