Skip to content

Ripensare la Bildung nel postmoderno: verso una concezione di formazione aperta per l'uomo del XXI secolo

Dalla ''società solida'' alla ''società liquida''

L'individuo moderno per Simmel si è "…progressivamente emancipato dalle cerchie sociali ristrette, che esercitavano su di lui un controllo globale, e che gli imponevano uno sviluppo determinato della propria individualità. Dall'estendersi dei contatti e dei rapporti economici e culturali e dal loro progressivo complicarsi deriva necessariamente la differenziazione soggettiva".

In sostanza: "In questo modo la compattezza della struttura interna della cerchia iniziale viene incrinata su due versanti: la "solidarietà meccanica" che ne univa i membri in un contesto pre-moderno viene a mancare, perché ciascuno ha una funzione differente da quella degli altri, che questi non sono in grado di svolgere in caso di bisogno; la contrapposizione rigida rispetto ad altre cerchie è minato dal riconoscimento di un'affinità culturale e funzionale con i loro membri".

Si tratta del passaggio indicato da Z. Bauman dalla "fase solida" alla "fase liquida" della modernità: vale a dire, a una condizione nella quale le "forme sociali (le strutture che delimitano le scelte individuali, le istituzioni che rendono garanti delle abitudini, i modelli di comportamento accettabili ), non riescono più a conservare a lungo la loro forma, poiché si scompongono e si sciolgono più in fretta del tempo necessario a fargliene assumere una, e una volta assunta, a prendere il posto assegnato".

Ed è innegabile, che la crisi dell'istituzione "Chiesa", abbia avuto ripercussioni di non poco conto anche in campo educativo e pedagogico.
Viene a mancare "l'orizzonte di senso", di cui il cristianesimo era portatore.
"La crisi di una delle due grandi agenzie di offerta di senso, ancora in grado di fare un discorso capace di universalizzazione (la chiesa), vede il paradossale trionfo dell'altra agenzia, rappresentata dal sistema massmediale, multi-mediale." "Si tratta di una rete di agenzie costituenti la ragnatela velocissima della comunicazione economica totale e della perenne trasformazione virtuale di qualsiasi realtà e di qualsiasi sogno".

Quella che emerge dalle parole di Acone è l'esempio calzante del dibattito tra intellettuali cristiani che denunciano la svolta "tecnocratica" della nostra società; in opposizione alla visione laica, che a sua volta vede nelle parole dei primi una sorta di riproposizione tradizionalista della religione, con una conseguente accusa di oscurantismo.

Scrive Rosati: "Oggi sembra essersi diffuso un ritorno ad una profonda soggettivazione delle affermazioni dei valori che si coniuga con la secolarizzazione e mette in secondo piano l'insegnamento morale della chiesa, per fare della morale, come già in Kant e in Hegel un fatto interiore e individuale".

Salvatore Natoli sottolinea, però, come con la soggettivazione siamo passati dalla società dell'obbedienza alla società della responsabilità. Ma "responsabilità" deriva dal verbo latino respondeo cioè "rispondo a un altro". Ecco, allora, come nella costituzione del valore per quanto io lo possa istituire nella parzialità, ho sempre il mio vincolo con un altro, e quindi finitezza e alterità sono gli elementi attraverso cui si possono praticare i valori. Ma finitezza e alterità vogliono dire comunità. In quest'ottica, educare a vivere la comunità vuol dire favorire la cooperazione e non solo la competizione.

Scrive A. Nanni: "è proprio nelle assunzioni delle proprie responsabilità, piccole o grandi, che si manifesta la vera maturità delle persone e giunge a compimento la funzione educativa come strumento di umanizzazione e coscientizzazione."

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ripensare la Bildung nel postmoderno: verso una concezione di formazione aperta per l'uomo del XXI secolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Pollastro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Fabio D'Andrea
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
postmoderno
paideia
bildung
autoformazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi